Obbligazioni Cassa Depositi e Prestiti (cdp): opinioni, giudizio e rating (asta 9 marzo 2015)

Obbligazioni CDP (Cassa Depositi e Prestiti) 9 marzo 2015

Nuova emissione obbligazionaria a 7 anni  di un miliardo di euro della Cassa Depositi e Prestiti dello stato italiano (CDP SPA).

Per la prima volta l’emissione  è dedicata al pubblico retail (noi piccoli risparmiatori) con taglio minimo di mille euro e suoi multipli anzichè  il tradizionale taglio da 100 mila euro.

Le nuove obbligazioni della Cassa Depositi e Prestiti sono in asta dal 9 marzo 2015 sino al 27 marzo 2015.

Qui puoi trovare la scheda informativa ufficiale dell’emissione obbligazionaria pubblicata sul sito di Cassa Depositi e Prestiti il 7 marzo 2015:

CDP: offerta al pubblico di obbligazioni per un ammontare di 1 miliardo di euro 9-27 marzo 2015

Qui il relativo comunicato stampa:

Comunicato Stampa CDP n° 11/2015 del 7 marzo 2015

Rating della Cassa Depositi e Prestiti

A seguire l’aggiornamento del

Fitch: BBB+

Moody’s: Baa2

Standard & Poor’s: BBB-

Giudizio sul rischio delle obbligazioni di Cassa Deposito e Prestiti

Il giudizio di rischio sul debito della CDP è assimilabile a quello del rischio paese dell’Italia sebbene è da segnalare e ricordare che l’emissione obbligazionaria in oggetto non è subordinata nè garantita dallo stato italiano.

Opinioni sull’emissione obbligazionaria di Cassa Depositi e prestiti

L’emissione è poco interessante e poco remunerativa per il piccolo investitore, in quanto per i primi due anni presenta una tasso d’interesse fisso di solo l’1,75% mentre per i successivi il tasso è variabile (Euribor 3 mesi + 0,5% o poco più) e si prevede essere inferiore all’1,75% almeno per i primi anni.

Infatti da tempo l’Euribor 3 mesi si è appiattito a sullo zero (oggi quota 0,035%) e non si prevede salirà almeno sino a quando la BCE terrà il tasso di riferimento allo 0,05% e attuerà politiche monetarie marcatamente accomodanti come il quantitative easing.

In estrema sintesi è ancora possibile trovare sul mercato obbligazionario secondario tassi d’interesse complessivamente più remunerativi con rischio default del tutto analogo o di poco superiore.

Risultato del collocamento (aggiornamento del 13 marzo 2015)

Nonostante il risicato rendimento l’asta di collocamento è stata senza alcun dubbio un grande successo. Anzichè tre settimane l’asta è stata chiusa dopo solo 4 giornate di raccolta in quanto le richieste sono state più del doppio dell’offerta.

L’ammontare complessivo dell’offerta è stato portato dall’iniziale miliardo di Euro a 1,5 miliardi di Euro, ciò nonostante si andrà a riparto e i sottoscrittori riceveranno solo la metà di quanto richiesto e forse anche qualche cosa meno.

CDP entra nel QE (aggiornamento del 17 marzo 2015)

E’ notizia di oggi che le emissioni obbligazionarie della Cassa Depositi e Prestiti entreranno presto a fa parte del programma di acquisto di titoli obbligazionari della Banca Centrale Europea noto come Quantitative Easing (QE).

In ragione di ciò a partire dal 15 aprile 2015 tutte le obbligazioni della CDP (e dunque anche il bond retail oggetto del presente articolo) entreranno a far parte del programma di QE della BCE.

Questa notizia è positiva in valore assoluto, in quanto contribuirà a fare salire la quotazione delle obbligazioni CDP scambiate sul mercato secondario.

Obbligazioni Cassa Depositi e Prestiti (cdp): opinioni, giudizio e rating (asta 9 marzo 2015)ultima modifica: 2015-03-09T14:54:36+01:00da giulia.gossip
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.