Investimenti sicuri 2011: come investire in borsa, conti deposito e obbligazioni

Dark cloud cover”, nubi nere si addensano all’orizzonte. Sono i timori di una tempesta sul mercato obbligazionario mondiale causato dalla deriva della Grecia. A questa incertezza si aggiungono i recenti cali delle borse che gettano nel panico gli investitori che temono una nuova crisi globale stile 2008.

Se anche i tuoi sonni sono poco sereni ultimamente, grazie ai tre semplici consigli che leggerai potrai vivere la situazione attuale con un certo distacco e goderti un’estate serena. Non si tratta di formule magiche, ma di accorgimenti che nella loro semplicità sono estremamente efficaci. Più passa il tempo e più sono convinto che le ricette semplici siano anche quelle più apprezzate come ci insegna il mitico chef Gordon Ramsay.

Inizia a costruire i tuoi investimenti dalla base ‘sicura’

investire-borsa-conto-deposito-obbligazioni-azioni-2011-2012-investimenti-sicuri.jpgTi è mai capitato di osservare dei muratori al lavoro mentre costruiscono un edificio? Essi dedicano molta attenzione alla base dello stabile, perché senza solide fondamenta il palazzo crollerebbe nel giro di pochissimo tempo. Le fondamenta dei tuoi investimenti sono i conti deposito e le obbligazioni emesse dallo Stato.

Immagino le obiezioni che vorresti farmi. “Lo Stato non è sicuro, rischiamo la bancarotta”. Da mesi rispondo con parole diverse a questa domanda, perché è il “tormentone estivo” che circola tra il popolo degli investitori.

Ti riassumo il lungo discorso con una sola frase. Se fallisse lo Stato italiano non avremmo più scampo. Perderemmo il lavoro, le pensioni, la sanità e magari anche le nostre case. Io non credo nel fallimento palese del nostro paese.

Credo piuttosto in un ritorno bruciante dell’inflazione che permetterà di fare rientrare il debito grazie alla moneta profumata di stampa. La prima regola per un investimento sicuro ed efficace è l’utilizzo dei titoli di stato e delle obbligazioni sicure per la quota dei tuoi risparmi che non puoi perdere.

Stiamo parlando del denaro che ti servirà per pagare gli studi dei tuoi figli, per cambiare automobile, per comprare la casa o per integrare la pensione. Insomma, dei soldi che ti serviranno con certezza per fronteggiare impegni futuri.

Proteggi i tuoi investimenti in borsa con degli stop loss

Non conosco quasi nessun risparmiatore che abbia una strategia di uscita dai suoi investimenti in azioni. Conosco persone preoccupate di stabilire le regole di ingresso nel mercato di borsa, ma completamente digiune in merito al “quando uscirne”.

Se anche tu sei tra queste, forse hai assistito a investimenti che erano in utile ma poi sono precipitati in perdita e sono nel tuo portafoglio da anni. “Li lascio lì per il lungo periodo” è quello che magari hai confidato ai tuoi amici, non è così? Molto bene. L’utilizzo di uno stop loss dinamico ti salverà da questa situazione.

Si tratta di un nome difficile per un concetto facile. Stop loss significa “perdita massima accettabile” raggiunta la quale vendi i tuoi investimenti per evitare danni peggiori. Il livello di uscita è 1 – stop loss, per cui se la tua perdita massima sostenibile è del 20% (0,2), lo stop sarà pari a 0,8. Questo coefficiente deve essere inizialmente moltiplicato per il prezzo di acquisto dei tuoi titoli e poi, via via con cadenza settimanale, per il valore massimo raggiunto. In questo modo proteggerai anche i tuoi utili, nel caso in cui i tuoi investimenti salissero e poi tornassero indietro.

E’ una regola molto semplice ma molto efficace per proteggerti dalle grandinate finanziarie che distruggono i frutti del tuo lavoro.

Utilizza solo strumenti finanziari efficienti

Evita gran parte dell’offerta bancaria. Fondi comuni, polizze vita, obbligazioni strutturate, certificati di investimento… sono tutti prodotti da evitare perché infarciti di costi che alla lunga tosano il tuo rendimento. Scegli strumenti finanziari a basso costo così non dovrai spartire la torta con nessuno.

Investimenti efficienti sono i titoli di stato e le obbligazioni, le azioni, gli ETF ed i conti deposito. Se ti domandi come mai nessuno ti parla volentieri di questi strumenti, lascia che ti dia io la risposta. Si tratta di strumenti molto validi per te, ma poco interessanti per la banca che non guadagna abbastanza nel venderteli.

L’autore del post

Ti auguro di cuore “buon investimento”!

Giacomo Saver
, il bancario pentito

Come e dove investire in modo sicuro nel 2011: borsa, conti deposito, obbligazioni

Investimenti sicuri 2011: come investire in borsa, conti deposito e obbligazioniultima modifica: 2011-06-27T14:09:00+02:00da giulia.gossip
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Investimenti sicuri 2011: come investire in borsa, conti deposito e obbligazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.