Mappa dei siti nucleari di centrali e depositi di scorie radioattive candidati alla costruzione

In rosso le aree geografiche compatibili con i criteri AIEA per la costruzione di depositi di stoccaggio delle scorie nucleari e più in generale di materiale radioattivo. I siti definitivi saranno scelti fra queste aree.

mappa-siti-stoccaggio-scorie-nucleari-italia-prossimi-futuri.jpg

Fonte il Sole 24 Ore

A seguire la mappa dei 15 siti candidati ad ospitare le prime centrali nucleari di terza generazione previste in costruzione a partire dal 2012.

mappa-siti-centrali-nucleari-italia-prossimi-futuri.jpg

Le mappe dei candidati siti di centrali nucleari di depositi di stoccaggio di scorie radioattive in Italia.

Mappa dei siti nucleari di centrali e depositi di scorie radioattive candidati alla costruzioneultima modifica: 2010-09-25T17:09:00+02:00da giulia.gossip
Reposta per primo quest’articolo

11 pensieri su “Mappa dei siti nucleari di centrali e depositi di scorie radioattive candidati alla costruzione

  1. NON FACCIAMOCI INGANNARE DAL DIAVOLO DI UN GOVERNO CHE HA UN SOLO SCOPO,QUELLO DI ACCONTENTARE LA SOLITA CASTA DI IMPRENDITORI E POLITICI ATTI ALL’INTERESSE ECONOMICO A TUTTI I COSTI ! VOTIAMO CON UN FORTE..SI ! AL REFERENDUM SUL NUCLEARE ,DANDO PROVA DI COMPATTEZZA E DI CONVINZIONE CHE,LA VITA E’ MOLTO PIU’ IMPORTANTE DEL PROGRESSO INCERTO E INCONTROLLABILE…E IL DRAMMA GIAPPONESE,DOVREBBE INSEGNARCI QUALCOSA…OGGI CHE SIAMO ANCORA IN TEMPO PER DIRE CHE IL NUCLEARE NON LO VOGLIAMO E QUINDI OCCORRE VOTARE ..SI ! AL REFERENDUM PER ABROGARLO DEFINITIVAMENTE….SPERIAMO !!!

  2. Chiedo perdono per l’errore. E’ vero! Dobbiamo tutti votare sì se NON vogliamo le centrali nucleari. Intanto a Bologna, c’è stato in Gennaio 2011, l’ultimo esperimento ad opera dell’ing. Andrea Rossi e del docente universitario Focardi, riguardante la produzione di energia con un sistema innovativo sopranominato “fusione fredda”. Cercate con il vostro motore di ricerca, ed aprite gli occhi!

  3. FRANCAMENTE MI CHIEDO SE I FOGGIANI E I PUGLIESI ( COME LE POPOLAZIONI DELLE ALTRE REGIONI ) SANNO DI DOVER OSPITARE NELLA PROPRIA REGIONE E PROVINCIA 2 SITI DI STOCCAGGIO DI MATERIALI RADIOATTIVI ??? QUALE CRITERIO E’ STATO POSTO PER TALI SCELTE? E QUELLO CHE PIU’ MI SCONSOLA E’ IL FATTO CHE…NEMMENO UN SITO CAPITA NELLE VICINANZE DELLE VARIE ABITAZIONI DEL…. CAVALIER BERLUSCA. CONCLUDENDO,CREDO CHE L’AUTODISTRUZIONE DELL’UMANITA’ INTERA,AVVERRA’ SICURAMENTE A CAUSA DELLA IMMONDIZIA CHE CI SOMMERGERA’ TUTTI E SPERO CHE ALMENO IN QUESTO,NON SI SALVINO I NOTI E SOLITI…FURBETTI !!!

  4. sì, ha ragione Gianluca! Manca solo che come sede di una discarica nucleare si scelga anche un parco nazionale (come è successo per la discarica dei rifiuti urbani del parco del vesuvio) e siamo a posto. Che politici scellerati e senza scrupoli che abbiamo!Anticasta ha proprio ragione, ora mi iscrivo.

  5. E’ uno scandalo che una delle maggiori zone umide del centro italia sia stata scelta anche se solo dietro uno studio di massima come sito per lo stoccaggio di scorie nucleari. Parlo del Padule di Fucecchio. Uno dei più importanti biotopi umidi toscani ricco non solo dal punto di vista naturale ma anche storico.

  6. Perchè fai mmmmmmm Mario? Sei per il nucleare?Le grandi lobby energetiche lo spacciano come il modo più economico ed ecologico per produrre energia. In realtà è solo conveniente per loro, perchè è un grande business in cui infilare le grosse e grasse mani.Sì, perchè gli elevatissimi costi di costruzione e di sicurezza delle centrali, quelli di smaltimento delle scorie radioattive e il prezzo dell’uranio (è sempre più caro perchè ce n’è sempre meno tanto che molti studiosi prevedono che entro 20 anni saranno esaurite le scorte mondiali) rendono l’energia atomica meno economica, oltre che meno sicura, delle energie rinnovabili. Chiaramente con energia rinnovabile mi riferisco all’energia eolica, solare e termica ottenuta attraverso le nuove tecnologie di produzione.Senza contare i danni all’ambiente e alla salute dell’uomo che causano gli impianti nucleari e i depositi di stoccaggio dei materiali radioattivi. Non sei convinto che siano dannose all’uomo? Perchè non ci vai a vivere vicino allora? Oppure prova semplicemente a scambiare due chiacchiere con chi ci vive vicino… cambierai sicuramente opinione.Infine riflettiamo sul fatto che in Italia non siamo in grado di evitare che il percolato delle discariche arrivi in falda, figurati cosa può succedere ad un deposito di scorie radioattive o a una centrale nucleare… Se poi si costruisce nel sud Italia… altro che ecomafie, salterà fuori la mafia atomica!No. La via maestra è eolico, solare e geotermico di nuova generazione. Niente scorie, niente rischi di incidenti nucleari, impianti semplici e pronti in pochi mesi e non in decine di anni.E se poi aggiungiamo un po’ di efficienza energetica, già solo quella sarebbe in grado di far risparmiare all’Italia un consumo energetico pari all’energia prodotta dalle prime quatto centrali nucleari in programma sino al 2050. Sì perchè il risparmio e l’efficienza energetica si possono ottenere da quasi subito, mentre per le centrali atomiche occorre aspettare la costruzione e l’attivazione. Nella migliore delle ipotesi minimo 10 anni, ma molto probabilmente 15-20 anni…Il nucleare è un affare per chi costruisce gli impianti, per gli italiani è un fregatura che porterà solo nuovi problemi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.