Irpef 2009: le aliquote, gli scaglioni, le addizionali per il calcolo dell’Irpef 2009

Aggiornamenti Irpef 2010

Sono stati messi on-line i seguenti aggiornamenti sull’Irpef 2010:

Scaglioni e aliquote fiscali Irpef 2010;

Esenzioni Irpef e no tax area 2010;

Calcolo dell’Irpef 2010;

Archivio Irpef 2010.

Gli scaglioni e le aliquote Irpef relative all’anno fiscale 2009

Scaglioni reddito  2009 Aliquota Irpef lordo
da 0 a 15.000 euro 23% 23% del reddito
da 15.000,01 a 28.000 euro 27% 3.450 + 27% sulla parte eccedente i 15.000 euro
da 28.000,01 a 55.000 euro 38% 6.960 + 38% sulla parte eccedente i 28.000 euro
da 55.000,01 a 75.000 euro 41% 17.220 + 41% sulla parte eccedente i 55.000 euro
oltre 75.000 euro 43% 25.420 + 43% sulla parte eccedente i 75.000 euro

Cos’è l’Irpef?

L’IRPEF è l’imposta sul reddito delle persone fisiche. Sono soggetti all’imposta tutte gli italiani aventi uno o più redditi o rendite. Oltre alle persone fisiche anche alcune tipologie di società pagano l’Irpef attraverso i loro soci. L’Irpef è applicata alla somma dei redditi percepiti in un anno. E’ un’imposta progressiva che cresce in funzione di fasce di reditto prestabilite. Ossia non si applica uniformemente sul totale del reddito annuale bensì varia secondo scalini predeterminati e denominati per l’appunto Scaglioni IRPEF. Così il reddito imponibile viene scomposto in tranche, non necessariamente proporzionali fra loro, a ognuno dei quali si applica una specifica tassazione denominata Aliquota IRPEF.

Le aliquote Irpef sono predeterminate e fissate per la durata dell’intero anno. In linea generale le aliquote Irpef possono variare di anno in anno in funzione di quanto indicato nella relativa legge finanziaria.

Quali redditi sono soggetti all’Irpef 2009

I redditi che ricadono nel regime d’imposta Irpef 2009 sono tutte le entrate economiche derivanti da:

  • attività di lavoro dipendente;
  • attività di lavoro autonomo e d’impresa;
  • pensioni e assegni assimilabili;
  • immobili (terreni, edifici, appartamenti, …);
  • redditi di capitale e redditi diversi di natura finanziaria (plusvalenze).

T.U.I.R. – Articolo 6: I singoli redditi sono classificati nelle seguenti categorie: a) redditi fondiari; b) redditi di capitale; c) redditi di lavoro dipendente; d) redditi di lavoro autonomo; e) redditi d’impresa; f) redditi diversi.

Come calcolare l’Irpef lorda 2009

Irpef lorda = [ (Reddito totale) – (tutti gli oneri deducibili) – (deduzione abitazione principale)] * (% aliquote))

Come calcolare l’Irpef netta 2009

Irpef netta = (Irpef lorda) – (tutte le detrazioni a cui si ha diritto: familiari a carico, tipologia di reddito, oneri sostenuti, …)

Come calcolare l’addizionale Irpef 2009 regionale e comunale

Addizionale Irpef regionale = [ (Reddito totale) – (tutti gli oneri deducibili) – (deduzione abitazione principale)] * (% addizionale regionale))

Addizionale Irpef comunale = [ (Reddito totale) – (tutti gli oneri deducibili) – (deduzione abitazione principale)] * (% addizionale comunale))

Riduzione acconto Irpef 2009 di novembre

Per aiutare i lavoratori con partita Iva colpiti dalla crisi economica il Consiglio dei Ministri in data 12 novembre 2009 ha emesso il decreto legge di riduzione dell’accondo Irpef di novembre 2009. E’ un intervento una tantum d’emergenza, non si prevede sia rinnovato negli anni futuri. Clicca qui per tutti i dettagli sul taglio dell’acconto Irpef di novembre 2009.

Irpef 2008: aliquote e scaglioni

In questo post “scaglioni e aliquote Irpef 2008” trovi informazioni su aliquote, scaglioni, detrazioni, deduzioni e addizionali Irpef 2008.

ALTRE UTILI RISORSE IN AMBITO FISCALE

Infine puoi consultare le utili risorse di questa pagina selezionate dinamicamente in tempo reale.

Approfondimenti

Puoi trovare ulteriori informazioni sull’argomento sui sito dell’Agenzia delle Entrate e del Ministero delle Finanze.

Calcola la tua Irpef 2009: le aliquote, gli scaglioni e le scadenze irpef 2009 per l’italiano consapevole. Schemi, tabelle, formule e procedure per il calcolo dell’Irpef 2009. Cos’è l’IRPEF?

Irpef 2009: le aliquote, gli scaglioni, le addizionali per il calcolo dell’Irpef 2009ultima modifica: 2010-01-11T14:46:00+01:00da giulia.gossip
Reposta per primo quest’articolo

221 pensieri su “Irpef 2009: le aliquote, gli scaglioni, le addizionali per il calcolo dell’Irpef 2009

  1. buongiorno, vivo in italia sono italiano percepisco pensione italiana e francese,trovo spoporzionato le tasse in italia, voglio lasciare definitivamente il mio paese e andare a vivere in francia o in spagna, dovro ancora pagare le tasse per l’italia o solamente per il paese dove andro a vivere? grazie di una risposta.comunque mai visto un paese come il nostro. un cordiale saluto.

  2. IL problema per un pensionato italiano 50% é inconcepibile dover pagare delle tasse (circa 120 euro mese) a favore del comune di roma(sic)premetto che vivo allestero da piu di trentanni dipendo (come assistenza)tutto nello stato che vivo(FR) se vengo in italia e voglio un’aspirina devo pagare.puo qualcuno spiegare questo abuso?????????

  3. @ g-unit ha scritto domenica, 27 febbraio 2011ah ecco, ora il tuo pensiero è più chiaro. Sì in effetti ci sono lavoratori del pubblico che non fanno proprio una mazza (soprattutto in certi enti a Roma o al sud Italia). Ma quanto è colpa loro e quanto di chi permette che non facciano un bel niente?Le responsabilità più grosse stanno come sempre in alto e non in basso…Per me il grosso problema dell’Italia è che abbiamo una classe politica (alla stessa stregua destra e sinistra) di parassiti che vivono alle nostre spalle e se ne fregano bellamente dell’interesse dell’Italia e degli italiani. Il vero problema è la nostra classe dirigente che ha i costi di mantenimento del suo status più alti d’Europa e del mondo e non fa nulla di buono per il suo paese.Tornando ai dipendenti pubblici, credo che ce ne siano anche tantissimi di seri e che si danno da fare,almeno qui al nord, ma penso che valga altrettanto al centro-sud.Chiaro che se li raffronti ai ritmi di un imprenditore, anche il dipendente più stacanovista può sembrare un fannullone… ma sono cose differenti, nel bene e nel male.In bocca al lupo per la tua attività, ciaoMaldestro

  4. caro Maldestro,su questo non c’è dubbio, una volta al potere se ne fottono di quelli che li votano, però è il sistema che è stato creato dopo il ’48 che sta facendo fallire il nostro paese….perchè i dipendenti pubblici non fanno un c..o da mattina a sera e a fine mese hanno sempre lo stipendio?? ricordo una frase di Prodi durante la sua ultima carica come Presidente : “chi ha di più è giusto che paghi di più”…??? perchè questo?? perchè non permettere a chi è bravo nel proprio mestiere di godersi i frutti? magari lavorando anche 10 o 12 ore al giorno confronto alle 6 scarse di un qualsiasi dipendente statale?? per fortuna non tutti i dipendenti statali sono così, qualcuno onesto esiste…mi chiedo allora non sarebbe più giusto far pagare una percentuale fissa per ogni reddito? anzichè andare per scaglioni di reddito…esempio far pagare a tutti il 20 % del proprio utile??auguri anche a te se hai un attività in proprio

  5. @ g-unit ha scritto lunedì, 22 novembre 2010caro g-unit, guarda che attualmente al governo non c’è la sinistra ma il centro destra… e governa non da quest’anno ma dal 2008… sono passati 3 anni e le tasse continuiamo a pagarle TUTTE… anzi se guardi i dati Istat o quelli di Bankitalia la pressione fiscale complessiva è aumentata anzichè diminuita…Se poi vogliamo vedere più in dietro ad esempio negli ultimi 10 anni, 8 anni su 10 ossia l’80% sono stati governati dal centro destra e la pressione fiscale è andata progressivamente aumentando…poi vedi tu, se per te è colpa dei comunisti va benissimo… va bene tutto in questa repubblica del bunga-bunga. Però a questo punto, secondo il tuo ragionamento, i veri comunisti sono quelli di destra…auguri per la tua attività e w l’ItaliaMaldestro

  6. @ Bruno ha scritto giovedì, 10 febbraio 2011Ciao Bruno,la parte relativa al compenso per l’attività svolta va a sommarsi ai redditi percepiti in quell’anno lavorativo.Mentre la parte di rimborso per il mancato rispetto degli accordi si somma ai redditi percepiti nell’anno in cui è stato ricevuto il pagamento in questione.In entrambi i casi la tassazione irpef dipenderà dall’aliquota corrispondente allo scaglione più alto del tuo reddito. Come da schema di questa pagina:http://crisi-finanziaria.myblog.it/archive/2010/11/29/irpef-2011-aliquote-scaglioni-deduzioni-addizionali-calcolo.htmlNB: nel computo del reddito annuo complessivo deve essere compreso anche l’importo lordo della tua pensione.

  7. Ho un reddito/perdita di partecipazione ad una sas, come socio accomandatario e un reddito da fabbricati in locazione. Nella mia denuncia dei redditi (UnicoPF 2011) compilo ovviamente i quadri B e H.Nel quadro H compilo il rigo RH1 nel quale se si barra la colonna 7 si richiede la detrazione d’imposta di cui all’art.13 del Tuir.Ho diritto a questa detrazione per il reddito di partecipazione ? Grazie.PS: sono iscritto all’Inps artigiani.

  8. Ciao Nel 2008 ho raggiunto l’anzianità per andare in pensione , l’azienda mi ha proposto contratto a progetto per risparmiare sui contributi e mi ha garantito una durata di 3 anni. alla fine del primo anno non mi hanno rinnovato il contratto e non l’ho presa bene.Visto che il rapporto di lavoro ha sempre avuto continuità, sono ricorso legalmente per il risarcimento di tutte le spettanze.Probabilmente arriveremo a un accordo forfettario ma vorrei sapere che aliiquota si applicherà o come verrà tassato ai fini irpef l’importo che concorderemoGrazie ciao Bruno

  9. Ho visto dalla tabella delle trattenute suule pensioni che da 0 a 15000 euro e’ del 23%.Come si fa a vivere con 13 mensilita’da 1154 euro circa?Se c’e da pagare un affitto,quanto resta per vivere?So che c’e chi vive con molto meno e non e’ pensionato,ha famiglia.Poi ci lamentiamo della delinquenza.A mio parere da 0 a 15000 di 13 mensilita’ non ci dovrebbero essere trattenute.Gia’ mal sopporto 1l 28% ame trattenuto.Se dovessi pagare un quarto o quasi la meta’ di quello che guadagno,allora vedo come fare per non pagare affatto.La regola non vale,molti se guadagnano di piu’,se lo lavorano e selo meritano,come vedo fanno molti medici dedicati che non guardano l’orologio!!!!

  10. Sono un dipendente pubblico, vorrei sapere se esiste una norma che prevede una detrazione di imposta massima che si può applicare al reddito. Ho sentito dire che le detrazioni non possono superare una certa soglia credo 1/5 dello stipendio e se nel caso la dovessero superare, le detrazioni dovrebbero essere rateizzate nell’arco dell’anno appunto per non superare la soglia del quinto dello stipendio. E’ vero??

  11. se si vuole arrivare a fine mese con i contanti in tasca bisogna solo fare del nero….l’apparato amministrativo statale è comunista, la peggior dittatura che possa esistere…l’unica soluzione è fare del nero…sciopero fiscale, non abbiamo bisogno dello stato, sicurezza non ce ne da, sanità zero, istruzione non parliamone….gli imprenditori senza lo stato saprebbero sopravvivere, anzi vivere alla grande, lo Stato quindi compresi i dipendenti statali non saprebbero vivere senza gli imprenditori che li mantengono

  12. salveio avrei certificato il ns reddito familiare x 49 mila euro all’università l’anno scorso.Non ricordo se era certificato ise oppure no.secondo i calcoli sarebbero 14 600 euro.A questi vanno aggiunte anche tasse indirette del tipo irap,ici,ed altre stronzate?per favore qualcuno mi risp sulla mia e mail o quì!

  13. @ Michele ha scritto lunedì, 30 agosto 2010Ciao Michele, un raddoppio netto delle trattenute da un mese all’altro è abbastanza insolito… se fossi in te io sentirei. Come si suol dire in questi casi: domandare è lecito, rispondere è dovuto :)Tienici aggiornati sull’esito, sono curiosa di sapere a cosa ti dicono :)Lo spirito di questa comunità è quello di aiutarsi a vicenda, aiuta anche tu un lettore o segnala ad altri l’iniziativa tramite i tuoi blog, siti internet, social network (facebook, twitter, …) o semplice passaparola. Più siamo e più possiamo aiutarci a vicenda.grazie, ciao

  14. Salve a tutti,sono un dipendente di un industria chimica con sede in veneto (RO). Ho notato negli ultimi 2 mesi vale a dire luglio ed agosto, un inasprimento in busta paga delle “trattenute fiscali mese” che credo corrispondano alle trattenute irpef. Nei mesi precedenti avevo un’ammontare di circa 200 euro, ora mi ritrovo sull’ordine dei 400 euro. Chiedendo maggiori info all’ufficio del personale mi hanno detto che le trattenute irpef (credo) vengono fatte forfettarie nei primi 6 mesi dell’anno e poi invece vengono conguagliate. E’ possibile che tali trattenute raddoppiano così repentinamente con la notevole influenza di 150-200 euro sul netto della busta paga… o è magari il caso che approfondisca il controllo in sede appropriata? Tengo a precisare che non ho avuto alcun tipo di detrazione famigliare, rendite da altri redditi, aumenti salariali o rimborsi per spese da detrazione (mutui, sanitarie,ecc..)

  15. @ michael ha scritto sabato, 21 agosto 2010ciao michael, sino a quest’anno gli affitti si sommano a tutte le tue entrate, per cui vengono tassati in funzione dell’aliquota più alta in cui sei.Mentre dal 1 gennaio 2011 ci sarà la cedolare secca, ossia una tassazione sugli affitti uguale per tutti e pari al 20% sull’importo totale degli affitti ricevuti nell’anno.Non dimenticare che queste libere informazioni sono il frutto dell’impegno dei lettori del blog ad aiutarsi reciprocamente.Per favore dacci una mano anche tu, aiutando un lettore o segnalando ad altri quest’iniziativa tramite i tuoi blog, siti internet, social network (facebook, twitter, …) o semplice passaparola.Più siamo e più possiamo aiutarci a vicenda, grazie.ciao :)PS: amici non perdete l’incredibile promozione Fineco che premia con 60 euro ogni apertura di conto corrente. Zero costi di apertuta, gestione e chiusura 😉 Dura ancora pochi giorni:http://www.fineco.it/mgm/?cp=AA2554573Qui ulteriori informazioni sulla promozione:http://borsa-finanza.myblog.it/archive/2010/06/30/promozione-conto-corrente-codice-amico-fineco-flash-luglio.htmlIl mio Codice Amico Fineco è: AA2554573

  16. io ho intenzione di affittare una casa di mia proprietà, vorrei sapere se percepisco 450 euro d’affitto mensili, quanto dovro allo stato annualmente nel momento in cui faccio la dichiarazione dei redditi il 730?

  17. Ciao a tutti. Domanda. Io e mia moglie stiamo acquistando una casa da ristrutturare: per mia moglie sarà prima casa per me no. Vorremmo fare un mutuo fondiario all’80%. Premesso che io non ho mai goduto di mutui prima casa e che il mutuo lo intesterò io per la maggior parte è possibile riesca a scaricare gli interessi passivi nella misura di 4 mile euro e rotti l’anno? graziefabio

  18. Buongiorno, a inizio anno su un consiglio di un patronato del lavoro, non ho messo a mio carico mia moglie (secondo loro doveva superare i 2800 euro per una disoccupazione). Alla fine la cifra si è aggirata sui 1000 euro: cosa mi conviene fare adesso? Comunicare al datore di lavoro la variazione oppure con il 730 del prossimo anno si sistema tutto? Con il secondo modo io non perdo niente?Grazie Piergiorgio

  19. Buongiorno, per arrotondare faccio 730 e unici al prezzo di 25 € l’unoche poi presento a un CAAF come precompilati.In questi giorni però c’è un caso che mi lascia perplesso.Il CAAF ha calcolato che l’utente dovrebbe per add.com. € 136 a saldo per il 2009 e altri € 109 in acconto per il 2010.I dati del CUD 2010 sono i seguenti Il mio amico è un bancario.Reddito 45388 acc. 58.75 saldo 2009 169.19La banca non gli ha praticato acc. 2010 perchè al 31/12 ha smesso di lavorare con un accordo chiamato “accompagnamento alla pensione” e dal 1/1 percepisce un esborso che non è neè stipendio né pensione, non so come sarà il CUD 2011.Quanto a Irpef il mio amico é a credito per lavori fatti alla casa negli anni passati.Per cui il CAAF ha compensato debito add.com. con credito Irpef.Secondo voi è giusto questo calcolo del CAAF?Si può addurre al CAAF che l’acconto probabilmente non è statocalcolato perchè cessa il reddito imponibile?Sennò, se era dovuto, avrebbe dovuto praticarglielo anche il datore di lavoro.Se non sono stato chiaro o incompleto, fatemelo sapere.Grazie, se potrete rispondermi.

  20. @ SABRINA ha scritto giovedì, 10 giugno 2010Ciao SABRINA, mi spiace me tua madre non può essere messa a carico perchè riceve una pensione e ha a redditi superiori alla soglia di esenzione.Quello che possono fare tuo padre e tua madre è la dichiarazione congiunta, se vogliono. Che consente di fare un’unica dichiarazione dei redditi anzichè 2.Chiaraps: lo spirito di questa comunità è quello di aiutarsi a vicenda, aiuta anche tu un lettore o segnala ad altri l’iniziativa tramite i tuoi social network, blog, siti internet o semplice passaparola. Più siamo e più possiamo aiutarci a vicenda, ciao 🙂

  21. a tutti quelli che pensano che cambiando la classe politica si avrebbero vantaggi :POVERI ILLUSI ! vinca la destra,il centro-destra.il centro-sinistra, la sinistra estrema,NON CAMBIA NIENTEQuelli che si danno alla politica,anche se all’inizio sono mossi sinceramente dall’intenzione di servire il proprio Paese,una volta eletti cominciano a pensare solo a se stessi.poltrona,auto blu,privilegi,esenzioni,favori ,e in fine pensione d’oro anche per pochi mesi LAVORATI ( si fa per dire)unica soluzione emigrare in Svizzera,Svezia,Norvegia :TUTTI gli altri stati funzionano più o meno come il nostro!!!!!! (parlare con cittadini stranieri e leggere i loro giornali e vedere loro TG) Le dittature sono orrendele democrazie fanno schifotranne le sopraddettesaluti a tutti

  22. Volevo sapere se mia madre nel 730 2010 visto che ha un reddito da pensione di €8259 e reddito fabbricati ( la mia casa data in uso gratuito) di 898 poteva essere messa a carico di mio padre sempre pensionato ma con reddito €. 19345 da pensione e €.615 per fabbricato dato in uso gratuito a mio fratello.Grazie.

  23. E’ la prima volta che vi scrivo e lo faccio ponendo un quesito: sono pensionato dal primo gennaio 2010 l’importo lordo mensile è di euro 2589 con trattenuta IRPEF pari a euro519,15. inoltre avendo altre entrate derivate da due fitti di case per un totale di euro 6600 (la casa dove vivo è di mia proprieta’) e calcolando le detrazioni relative ad un nucleo famigliare di 5 persone : io, moglie(non lavora) due figli che lavorano, e l’ultimo diciannovenne quasi; vi chiedo quanto dovro ancora allo stato oltre la fisiologica tassazione effettuata alla fonte dall’INPS? grazie continuerò a contattarvi.

  24. Caro Bruno, scusa per il ritardo ma ho avuto problemi con il server e solo ora leggo la tua email-In esito alla tua richiesrta, ti invito a farti rilasciare copia del contratto della polizza e verificare la quota parte del premio pagato eventualmente destinata per eventuale assicurazione caso morte e se cosi’ fosse, nei limiti previsti dalla normativa vigente, puoi detrarre dall’imponibile del tuo reddito.Cordiali Saluti

  25. Ciao sono Bruno da Arzano NApago una quota annuale di € 199,00 trattenuta direttamente da Findomestic su Carta Aura, per una polizza assicurativa di EUROP ASSISTENCE (mai accettata e firmata), vabbè questa è un’altra storia.Mi sapreste dire cosa si può detrarne sul 730 di questa polizza?Perchè a parte la trattenuta annuale dalla carta, non mi arriva nessuna altra comunicazione dall’Europ Assistence riguardante la quota ricevuta e semmai le detrazioni da poterne usufruire. Grazie!

  26. > vedraivedrai ha scritto giovedì, 20 maggio 2010Ciao vedraivedrai, no l’addizionale comunale è fissa. E’ fissata di anno in anno in funzione dei conti del bilancio comunale e del previsionale dell’anno successivo.Solo l’irpef è variabile in funzione degli scaglioni di reddito.Spero di esserti stata d’aiuto nella tua ricerca, lo spirito di questo blog è aiutarsi a vicenda e segnalare ad altri l’iniziativa, perchè più siamo e più possiamo aiutarci.Se vuoi aiutaci anche tu, ciao

  27. Ciao Mauro da Padova,ci sono alcune imprecisioni nella tua fattura: sia l’iva che la ritenuta si calcolano sull’imponibile e dunque sono entrambi di 1.040€.Il 4% non è guadagno, come dice la definizione della voce sono una parte dei contributi previdenziali che dovrai versare per la tua pensione futura.Sui complessivi 63 mila euro annui che riceverai dovrai pagare l’irpef, i contributi previdenziali, e l’irap (quest’ultima nel tuo caso dovrebbe essere particolarmente bassa o addirittura nulla).Al netto delle tasse ti dovrebbe rimanere all’incirca poco meno di 40 mila euro.In realtà la cifra potrebbe aumentare grazie a deduzioni e detrazioni…Spero di esserti stata d’aiuto, segnala questo blog sui tuoi socials, blogs e ai tuoi amici, più siamo e più possiamo aiutarci fra noi 🙂

  28. Ciao ragazzi, gironzolando un po’ qua e un po’ la vi ho trovato…Sono di Padova e dal mese di luglio inizierò a lavorare come libero professionista (disegnatore meccanico), ho però difficoltà a capire a quanto ammonterà l’importo netto che intascherò.Mi piacerebbe capire, partendo da una cifra mensile, quali saranno, quando e quanto incideranno le tasse (inps/irpef/ecc(?)), ad esempio:Compenso medio mensile in fattura 5000€ Contributo liberi professionisti 4% 200€Iva 20% 1040€Totale fattura 6240€Ritenuta d’acconto 20% 1000€…mi vengono pagati 5240€Ipotizzando sia un valore medio in 12 mesi saranno 62880€Quindi ogni 3 mesi pagherò 1040*3= 3120 di iva (nel caso non ci sia iva in acquisto).Quel 20% di ritenuta mi viene pagata dal cliente che provvederà a rilasciarmi una certificazione.Quel 4% è guadagno o è un anticipo per pagare qualcosa?La ritenuta viene calcolata sul totale fattura o sul compenso?E di quel 62880 che mi rimane?Grazie mille.

  29. Ciao Ivano, la pensione è un diritto acquisito nessuno te la toccherà. Tuttavia ti consiglio di sentire un commercialista e/o un caf loro ti daranno le dritte su come inquadrare al meglio la tua nuova attività.tienici aggiornati sugli sviluppi, ciao

  30. buongiorno sto cercando di risolvere un problema e vorrei un vostro aiutosono pensionato con 40 anni di lavoro avrei la possibilità di svolgere un nuovo lavoroa mezza giornata con un inporto netto mensile di circa 800 euro percepisco di pensione lorda mensile l’inporto di euro 2.453,72 con relativa trattenuta IRPEF di euro 503,38 pertanto al netto percepisco euro 1.950,13 nei 12 mesi, mentre nella tredicesima la trattenuta e di euro 877,13 sapreste dirmi se accetto di lavorare se mi verrà toccato l’importo di pensione che percepisco grazie Ivano

  31. buongiorno,ho partita iva e verso i contributi inps in regime separato.Nel 2008 ho lavorato come dipendente e parallelamente ho svolto una seconda attività autonoma.Devo compilare il modello Unico (come già faccio da diversi anni).Dal 2008 mi sono iscritto a un fondo di pensione integrativa dove ho versato 400 Euro al mese (tot 4800 Euro).So che è possibile scaricare tale importo dalle tasse, come funziona esattamente?Vi do alcuni dati:il mio imponibile come lavoratore autonomo per il 2008 è stato di 10.000 euro mentre come dipendente ho percepito complessivamente 6.000 euro netti.Dalla cifra imponibile di 10.000 euro devo ancora ‘scaricare’ questi benedetti 4800 Euro.Come funziona? devo fare semplicemente 10.000-4800= 5200 Euro e su questi pago l’aliquota del 23%?Grazie mille,marco

  32. > Rocco ha scritto lunedì, 03 maggio 2010Ciao Rocco, credo che l’offerta che ti è stata fatta sia dal punto di vista economico notevolmente vantaggiosa rispetto ai tuoi attuali compensi, andando a ricevere circa 35 mila euro netti. Duqnue quasi 3 mila euro netti rispetto ai tuoi attuali 1.500.Nello specifico andrai a pagare circa 18-20 mila euro di irpef, poi ci sono le trattenute previdenziali, l’irap, spese di registro, spese per la tua attività (che hai detto essere circa 10 mila euro) e le spese per il commercialista.Per cui netti dovrebbero rimanerti all’incirca 35 mila euro, o qualche cosa meno se le tue spese incideranno più del previsto.Spero di esserti stata d’aiuto per la tua decisione, contribuisci alla nostra iniziativa segnalando e facendo conoscere il nostro sito ad altri, più siamo e più possiamo aiutarci a vicenda 😉

  33. Caro firefox,purtroppo non sono momenti facili per la classe dei lavoratori.Purtroppo io non ho soluzioni da darti, però mi sento di dirti che non ti devi vergognare a chiedere aiuto a parenti e amici.Se nessuno può darvi una mano, provate tu e tua moglie a integrare lo stipendio con attività part-time, su internet puoi trovare opportunità a cui magari non hai mai pensato. Inoltre grazie alle nuove tecnologie e alle informazioni che trovi su internet puoi risparmiare, ridurre le spese, richiedere i bonus fiscali per chi è in difficoltà e chissà quant’altro possa fare al caso tuo…Servono informazioni, conoscenze ed esperienze, non ti scoraggiare, tieni duro, vedrai che chi cerca trova ;)in bocca al lupo e tienici aggiornati, ciao

  34. qualcuno competente mi potrebbe spiegare quanto segue:io sto a cassa itegrazione a ore 0 da dicembre 2009,ho ricevuto due cud 2009,uno dall’inps e uno dall’azienda,la misera somma di circa 700 euro di cassa integrazione arriva dall’inps quando se ne ricordano,dal mese scorso la sta anticipando l’azienda.col calcolo sul reddito devo rimborsare circa 3000 euro rateaizzate in 5 rate,vorrei sapere come si fa a a riborsarli visto quanto mi avanza con una famiglia con 2 figli e una moglie,qualcuno ha una soluzione da suggerirmi evitando il suicidio?

  35. Salve a tutti, avrei una domanda da porre, molto importante, dalla cui risposta dipende il mio futuro lavorativo. Da premettere che sono un lavoratore dipendente, che ultimamente si ritrova ogni tanto in cassa CIGS.Mi hanno offerto un la voro di assistenza tecnica come libero professionista,il quale genera annualmente un ricavato di circa 70000 euro lordi .Vorrei se possibile sapere almeno indicativamente a quanto ammonta il ricavato netto, calcolando che sono sposato ed ho due figli.Le spese annuali per lo svolgimento dell’ attività si aggirano all’incirca sui 10000 euro (carburante, manutenzione auto, manutenzione strumenti di misura, autostrade,servizi telematici e postali, ect).non possiedo immobili e non percepisco altri guadagni.Il mio stipendio attuale si aggira sui 1500 euro netti al mese, anche se le prospettive sono al ribasso, visto la situazione di difficoltà in cui versa la mia azienda.Vi chiedo la cortesia, se qualcuno ne ha possibilità, di darmi qualche chiarimento e se mi conviene accettare tale offerta, in quanto l’ accettazione comporta di dare,ovviamente, le dimissioni presso la mia azienda.Grazie in anticipo a tutti e cordiali saluti

  36. Caro Giancarlo, mi spiace ma non puoi detrarre ne la tarsu, nel il canone rai, ne il bollo auto ne eventuali multe o sanzioni amministrative che il nostro governo ci propina.Come dici bene tu è un profonda offesa ai diritti dei contribuenti italiani pagare le tasse più volte ma purtroppo questo è.Credo anche io nell’intuizione di Crisi Finanziaria, solo l’informazione e la consapevolezza possono cambiare le cose, per questo più siamo e più possiamo scambiarci aiuto e conoscenza 🙂

  37. Le tasse che restano comunque a carico: TARSU; tassa possesso televisore, tassa possesso auto; possono essere detratte dalla dichiarazione dei redditi? Se no non ritenete che io come lavoratore dipendente con tassazione alla fonte paghi due volte queste tasse?Complimenti per il vostro bel sito

  38. Sembrerebbe semplice caro Claudio, questa la definizione del “revenu brut global” :Le revenu brut global correspond à la somme algébrique de tous les revenus nets (après déductions et abattements spécifiques) et des déficits déductibles (hors plus ou moins- values sur valeurs mobilières, qui sont imposés à part).Soit la somme algébrique suivante : salaires + retraites + pensions alimentaires + rentes viagères + revenus des capitaux mobiliers + revenus fonciers ou – déficits fonciers + bénéfices professionnels ou – déficits professionnels = revenu brut global.Sono quindi tutte le entrate meno “déficits fonciers” e meno “déficits professionnels”.Premesso che non conosco il francese, così di primo acchito, sembrerebbe essere simile all’imponibile Irpef netto.Il calcolo dell’imponibile Irpef netto lo puoi trovare al punto 4) di questo articolo:http://crisi-finanziaria.myblog.it/archive/2010/03/21/irpef-2010-calcolo-aliquote-scaglioni-detrazioni-deduzioni.htmlSpero di esserti stato d’aiuto, segnala questo blog sui tuoi socials, blogs e ai tuoi amici, più siamo e più possiamo aiutarci fra noi 🙂

  39. Ciao a tutti, mi rivolgo a voi per dei consigli. Sono uno studente italiano che sta per iscriversi alla specialistica in Francia, e pertanto cerco di fare domanda per la borsa di studio. Ora, se in Italia chiedono L’ISEE, lì mi chiedono il ” revenu bruit global “, che se non sbaglio dovrebbe essere il reddito lordo. Siccome hanno delle soglie molto più basse delle nostre, inserendo il reddito lordo della mia famiglia mi risulta che non ho diritto alla borsa, cosa che, data la maggiore ricchezza della Francia e il suo più articolato stato sociale, a me sembra un po’ strana. Quello che vi chiedo, quindi, è se qualcuno sa di preciso a cosa corrisponde il “REVENU BRUIT GLOBAL”, e come devo fare per tradurlo dall’Italia alla Francia. Penso e spero che ci sia qualche differenza nella misurazione dei redditi, negli indicatori. GRazie anticipatamente, Claudio

  40. grazie mille per la pronta e precisa risposta!! Per l’irpef non avevo pensato al fatto della fascia, consideravo ottimisticamente (?) di avere altri futuri guadagni per il 2010 oltre ai 5000 euro attuali. alla prossima 🙂

  41. Ciao Marco,l’irpef è impossibile da calcolare preventivamente perchè dipende dal reddito fatto in un anno (vedi all’inizio di questo post).Mentre se il tuo unico reddito sarà di 5000 euro il problema non si pone perchè rientri nella fascia di esenzione Irpef. Per quanto concerne l’esenzione irpef 2010 ti segnalo un elenco di utili approfondimenti:http://www.google.it/search?q=esenzione+irpef+2010Le uniche tasse fisse e che puoi preventivare sono la ritenuta d’acconto (20%) e l’iva (20%).Quindi se voi ricevere 5.000 euro al netto di iva e ritenuta d’acconto devi fatturare:7500 euro iva inclusao identicamente:6250 euro iva esclusaContribuisci anche tu alla diffusione dello spirito del nostro blog, segnalaci ai tuoi amici, linka le nostre pagine dai tuoi social network e via e-mail ;)ciao

  42. Ciao a tutti, sto cercando notizie su come calcolare le tasse per la partita iva a regime agevolato, essendo nuovo del settore.. in particolare vorrei sapere, se il committente mi offre 5000 euro netti e dice su questi 5000 di pagarmi lui tutte le tasse, che imponibile metto in fattura? sapendo che le tasse che mi ritroverò da pagare sono circa il 50% sull’utile (meno i costi)… dovrei chiedere sui 9000 euro al committente per essere “sicuro” che me ne rimangano 5000 nette a fine anno??? altrimenti se dò un imponibile di 5000 euro, con il 20% di iva da aggiungere (eventuale 4% inps) viene un lordo di 6000 euro, dal quale io a fine anno pagando il 10 di irpef e 26 di inps e 4,75 di irap credo che mi resterebbe sui 3600 giusto????Non so se mi sono spiegato :/ grazie a chi riuscirà a chiarirmi!!

  43. Ci mancherebbe cara Cristina!!!se ho capito bene, il tuo datore di lavoro vuole che gli paghi i contributi del tuo nero e te li vuole detrarre dalla tua busta paga? Ma stiamo scherzando?!? Se ci prova vai dal sindacato e denuncialo vedrai che gli passa la voglia di fare certe minacce!!!PS: questo post è in chiusura se hai altre domande puoi porle a questo indirizzo:http://crisi-finanziaria.myblog.it/archive/2010/02/19/irpef-2010-aliquote-scaglioni-calcolo-detrazioni.html

  44. Ciao ragazzi,perfavore qalcuno mi riesce rispondere?Lavoro con un contratto al tempo ideterminato ,per reccuperare il mio stipendio prendo anche il nero,adesso il mio dattore ha decciso,che devo pagarli la differenza tra lordo e netto sulla busta paga,la devo pagare io?

  45. ciao susy,innanzitutto una rassicurazione, il prossimo mese tornerai a prendere il sussidio di disoccupazione ordinario, in quando il conguaglio ha sanato il tuo “debito” di Irpef che dovevi allo stato.Per quanto riguarda l’importo del conguaglio, non ho tutti i dati per poterti dire se il tuo conguaglio è stato calcolato correttamente oppure no, il computo è complesso perchè tiene conto di diversi fattori, non si tratta semplicemente di applicare le aliquote irpef.Tuttavia alcune cose si possono dire:- Iniziare e interrompere il rapporto lavorativo più volte nel corso dell’anno contribuisce ad elevare la quota del conguaglio, per via di extra quali liquidazione e tredicesime che pesano nell’ammontare dell’imponibile irpef complessivo- L’applicazione corretta del conguaglio Irpef è prevista per legge e non è in alcun modo penalizzante rispetto agli altri lavoratori dipendenti. E’ semplicemente la compensazione dell’irpef che non hai pagato nel corso dell’anno perchè il compenso realmente percepito si è rivelato essere superiore rispetto a quello stimato in busta paga.- Se tuttavia non ti tornano i conti rivolgiti agli uffici Inps della tua zona per legge debbono offrire il servizio di assistenza del contribuente. Se così non è il funzionario Inps d’area rischia grosso, e tu puoi denunciarli.Infine un mio scrupolo nato leggendo i tuoi commenti precedenti, sei certa di non confondere lo stipendio netto con il lordo, perchè chiedi se il 23% di aliquota irpef è trattenuta sulla busta paga risposta che avresti potuto ricavarti grosso modo da sola dalla differenza tra il compenso lordo mensile e quello che hai percepito in busta paga…fammi sapere, ma possibilmente sul nuovo post dell’irpef 2010 che questo ormai è in chiusuraciao

  46. questi sono più o meno i miei stipendi lordi del 2008gennaio febbraio marzo 900 euro lordi di disoccupazione mensile x 3 mesi quindi 2700 euroaprile maggio giugno lavoro part time circa 700 euro lordi x 3 mesi 2100 euro piu 13esima e liquidazione che non ricordo bene ma diciamo che siano 1000 euro lordi(a dire tanto,tantissimo)luglio agosto settembre lavoro full time 1500 euro lordi x 3 mesi quindi 4500 euro piu tredicesima quattoridicesima e liquidazione lordi diciamo 1500 euro ottobre novembre e dicembre disoccupazione 800 euro lordi quindi 2400 euro lordiquindi..2700+ 2100+1000+4500+1500+2400=13.700 euro lordi e ho contato in più.Non ho beni e non ho famigliari a carico.Quello che non capisco è che l irpef non viene trattenuta mese mese dai vari stipendi?ci può stare un arrotondamento,ma detrarre 600 euro di irpef non lo vedo un arrotondamento.Questa è piu o meno la mia situazione lavorativa degli ultimi 4 anni e non ho mai avuto una stangata del genere a gennaio.SU internet ho trovato quest articolo che dice che la mia condizione è la stessa di migliaia di altri disoccupati.http://www.cgil.it/ufficiostampa/comunicato.aspx?ID=2537E poi qualche giorno fa parlando con una mia amica anche lei mi ha detto che di 920 euro lordi con in conguaglio irpef gli sono rimasti 120 euro netti.Sicuramente è una cosa generale ma ripeto,non capisco perchè questo è il primo anno che mi capita(anche alla mia amica che ogni anno ha la stessa siruazione lavorativa stesso stipendio stesso periodo lavorativo stessa indennita di disoccupazione),e non capisco come mai se ogni mese l irpef viene detratta in automatico ci può essere un conguaglio del genere.

  47. ciao Susy, quello che ti è successo è molto strano, sei certa che i conti che hai fatto siano fatti bene? Faccio una ricerca su internet, vediamo se salta fuori qualche cosa di interessante.ciaoPS: il 23% sotto i 15mila è l’aliquota giusta, poi ci sono le esenzioni come ha spiegato ottimamente Michela da Milano.

  48. ciao cara Susy, ti confermo che sotto i 15 mila l’aliquota è del solo 23%. Ma non solo… i redditi sotto gli 8.ooo euro non pagano proprio nulla di irpef. Viene detta area di esenzione Irpef. Tale esenzione è progressiva e si può ulteriormente allargare in caso di familiari a carico. Per approfondire l’argomento ti consiglio questo post di CF: http://crisi-finanziaria.myblog.it/archive/2010/03/05/irpef-2010-esenzioni-no-tax-area-detrazioni.htmlTornando al tuo problema temo che tu faccia confusione fra netto e lordo, per avere il totale imponibile irpef devi sommare tutti i redditi lordi e non quelli netti o un po’ netti e un po’ lordi. Solo così potrai calcolare con precisione la tua tassazione irpef.Se hai bisogno di altro aiuto ti consiglio anche il nuovo post sull’irpef 2010: http://crisi-finanziaria.myblog.it/archive/2010/02/19/irpef-2010-aliquote-scaglioni-calcolo-detrazioni.htmlin bocca al lupo per il tuo lavoro e la tua vita, ciao 🙂

  49. FaustoDove vivo io lavoro per tutto l anno non ce n è molto,sono lavori principalmente stagionali.Vivo in un isola turistica quindi siamo abbastanza esperti di disoccupazione.QUalcuno che mi aiuti anche a me?Riposto il mio questito”SOno una disoccupata da novembre e tutti i mesi prendo un sussidio di disoccupazione pari a circa 700 euro al mese.Lo scorso mese ho ricevuto un indennizzo di 130 euro.Premesso che con l inps non c e verso di parlare ho dato un occhitata su internet e ho scoperto che a gennaio c è stato un conguaglio irpef e che tutti i disoccupati si sono visti azzerare il sussidio.é la terza volta che sono disoccupata e mai mi era capitata una cosa del genere.L hanno scorso ho lavorato 3 mesi presso un azienda e altri 4 mesi presso un altra anziena.Ho percepito uno stipendio lordo sicuramente inferiore ai 15 mila euro volevo capire se è una cosa normale che mi siano stati detratti almeno 600 euro(non mi è ancora arrivata alcuna lettera dall inps)e come mai negli anni precedenti (sono stata disoccupata anche nel 2008 stesso periodo)non ho mai avuto questa botta-detrazione.Da quel che ho capito l irpef è un imposta che si calcola sullo stipendio lordo mensile pari al 23% se si è sotto i 15 mila euro annui giusto?Calcolando dioccupazione e i due lavori io sono stata sotto i 15 mila euro.Ora..ogni mese piu o meno dovrebbero gia avermi detratto questo 23% giusto?PErchè mi si chiede questa botta di soldi (poi tutta assieme)se mese mese ho gia dato?E il prossimo mese è possibile che me ne chiedano altri?”SPero qualcuno mi possa illuminare!

  50. Ciao pippettino79, se il compenso annuo pattuito è al netto dell’iva andrai a pagare circa 17mila euro di imposte irpef. Dico circa perchè in realtà saranno di meno se “scaricherai” i costi legati alla tua attività professionale. Sì l’affitto della casa è deducibile sino al 50% se adibisci la casa in cui vivi a sede della tua attività professionale.Infine considera che oltre all’irpef ci sono le spese pensionistiche, quest’utlime variano in funzione della cassa previdenziale a cui si è iscritti.ciaoPS: se hai bisogno di altri ragguagli domanda liberamente sul nuovo post dell’Irpef 2010:http://crisi-finanziaria.myblog.it/archive/2010/02/19/irpef-2010-aliquote-scaglioni-calcolo-detrazioni.html

  51. Mi presento: medico, 30 aani, specialista e DISOCCUPATO!!!Per il motivo di cui sopra, mi accingo ad emigrare dal sud nel “ricco” nord del nostro paese dove mi hanno offerto un contratto a 55-57 mila euro lordi annui. si tratta di un contratto di collaborazione professionale. Vorrei sapere, quanto sarebbe la cifra netta che guadagnerei?? L’affitto della casa (di tanto in tanto vorrei dormire nel mio letto e non in ospedale …) si può detrarre, se si in quale quota??Grazie a chi vorrà essere così cortese da rispondermi

  52. Condoglianze caro Giovanni per la perdita di tua moglie.Per quanto riguarda il calcolo della pensione di reversibilità dal punto di vista tecnico-fiscale non è esattamente come hai descritto, tuttavia è vero che non si riceve mail il 60% della pensione del coniuge defunto.Entrando nel dettaglio se il superstite che percepisce la pensione possiede altri redditi, la pensione viene ridotta del:- 25%se il pensionato oltre alla pensione ha un reddito annuo superiore a tre volte il trattamento minimo, che per il 2009 è pari a € 17.869,80- 40%se il pensionato oltre alla pensione ha un reddito annuo superiore a quattro volte il trattamento minimo che per il 2009 è pari a € 23.826,40- 50%se il pensionato oltre alla pensione ha un reddito annuo superiore a cinque volte il trattamento minimo che per il 2009 è pari a € 29.783,00Purtroppo questo stabilisce la legge, giusto o non giusto che si ritenga essere :(Se hai bisogno di altri ragguagli domanda liberamente sul nuovo post dell’Irpef 2010:http://crisi-finanziaria.myblog.it/archive/2010/02/19/irpef-2010-aliquote-scaglioni-calcolo-detrazioni.htmlun caro saluto

  53. Ho avuto la disgrazia di perdere mia moglie in pochi mesi ed è stato un dolore immenso – la disgrazia si è rinnovata quando l’INPS mi ha corrisposto la reversibilità della pensione di mia moglie – grande sorpresa – la stessa prima calcolata al 60% viene decurtata del 25% per la Legge 335/92 – al residuo mi viene sottratto il 23% di IRPEF ed il rimanente viene sommato alla mia pensione e risottoposto alla trattenuta del 27% che abbassa la pensione mia personale – è possibile questo ? alla fine di tutta la storia il 60% spettante per reversibilità viene decurtato del 25% legge 335/92 e del 50% di IRPEF – E’ semplicemente vergognoso che la stessa somma venga assoggettata due volte all’IRPEF – Qualcuno può darmi dei chiarimenti in merito rispondendo alla mia Mail ? grazie di cuore

  54. no no parlo di disoccupazione.La disoccupazione viene conteggiata sullo stipendio lordo e è pari al 60% dello stipendio lordo.Io prendevo lordo circa 1500 euro e netto poco più di 1000 euro.cmq qui trovate tutto http://www.inps.it/newportal/default.aspx?itemDir=4798Se non hai percepito mai nulla è perchè o non hai mai fatto richiesta oppure non hai i requisiti.Trovi tutto speigato sul sito dell inps.Poi c e la disoccupazione straordinaria detta anche disoccupazione minima.Da presentare da gennaio a marzo.Non so bene come funzioni ma se l hanno scorso sei stato disoccupato per un periodo potresti ancora rientrarci..Ti danno un assegno unatantum che varia asseconda dello stipendio lordo percepito. cmq varia dai 1000 ai 20000 euro ma non so dirti bene sul sito dell inps trovi tutto.Cmq il prolema rimane che di 700800 euro mi hanno dato 130 euro(non so di preciso quant è l importo totale perchè ancora non ho avuto lettere dall inps).Non capisco perchè mi hanno fatto questo conguaglio quest anno e l anno scorso no.

  55. no no parlo di disoccupazione.La disoccupazione viene conteggiata sullo stipendio lordo e è pari al 60% dello stipendio lordo.Io prendevo lordo circa 1500 euro e netto poco più di 1000 euro.cmq qui trovate tutto http://www.inps.it/newportal/default.aspx?itemDir=4798Se non hai percepito mai nulla è perchè o non hai mai fatto richiesta oppure non hai i requisiti.Trovi tutto speigato sul sito dell inps.Poi c e la disoccupazione straordinaria detta anche disoccupazione minima.Da presentare da gennaio a marzo.Non so bene come funzioni ma se l hanno scorso sei stato disoccupato per un periodo potresti ancora rientrarci..Ti danno un assegno unatantum che varia asseconda dello stipendio lordo percepito. cmq varia dai 1000 ai 20000 euro ma non so dirti bene sul sito dell inps trovi tutto.Cmq il prolema rimane che di 700800 euro mi hanno dato 130 euro(non so di preciso quant è l importo totale perchè ancora non ho avuto lettere dall inps).Non capisco perchè mi hanno fatto questo conguaglio quest anno e l anno scorso no.

  56. @ susy e lorenzosì lorenzo, penso proprio che sia come dici tu, susy si sarà confusa a scrivere disoccupazione al posto di cassa integrazione ma rimane il fatto che i conti non tornano.mah… Susy ci confermi che quando lavoravi prendevi 800 euro e ora 700?

  57. Un sussidio di disoccupazione di 700 Euro???????? Sarebbe cassa integrazione o qualcos’altro?Com’è possibile? sopratutto se percepivi uno stipendio lordo sicuramente inferiore ai 15000 euro? vuol dire che quando lavoravi prendevi al max 800 euro… e adesso 700??Fatemi capire perchè io in 8 anni sono rimasto disoccupato 4 volte almeno e non ho mai percepito NULLA.Ho degli amici cassaintegrati che percepiscono 700-800 euro al mese ma come stipendio quando lavoravano prendevano 1700-1900 euro NETTI.

  58. Ciao a tutti.SOno una disoccupata da novembre e tutti i mesi prendo un sussidio di disoccupazione pari a circa 700 euro al mese.Lo scorso mese ho ricevuto un indennizzo di 130 euro.Premesso che con l inps non c e verso di parlare ho dato un occhitata su internet e ho scoperto che a gennaio c è stato un conguaglio irpef e che tutti i disoccupati si sono visti azzerare il sussidio.é la terza volta che sono disoccupata e mai mi era capitata una cosa del genere.L hanno scorso ho lavorato 3 mesi presso un azienda e altri 4 mesi presso un altra anziena.Ho percepito uno stipendio lordo sicuramente inferiore ai 15 mila euro volevo capire se è una cosa normale che mi siano stati detratti almeno 600 euro(non mi è ancora arrivata alcuna lettera dall inps)e come mai negli anni precedenti (sono stata disoccupata anche nel 2008 stesso periodo)non ho mai avuto questa botta-detrazione.Da quel che ho capito l irpef è un imposta che si calcola sullo stipendio lordo mensile pari al 23% se si è sotto i 15 mila euro annui giusto?Calcolando dioccupazione e i due lavori io sono stata sotto i 15 mila euro.Ora..ogni mese piu o meno dovrebbero gia avermi detratto questo 23% giusto?PErchè mi si chiede questa botta di soldi (poi tutta assieme)se mese mese ho gia dato?E il prossimo mese è possibile che me ne chiedano altri?

  59. ciao lorenzo, in rete ho trovato questo, spero ti possa essere d’aiuto:L’immobile concesso in locazione è tassato in base al canone d’affitto percepito nell’anno precedente a quello di presentazione della Dichiarazione dei Redditi, con detrazioni forfetarie che dipendono dal tipo di contratto di locazione in corso. Normalmente la detrazione concessa è pari al 15% del canone (se ad esempio l’affitto annuo è di € 6.000,00, l’imponibile IRPEF ammonta ad € 5.100,00); in presenza di contratti a “canone concertato” la detrazione è invece pià consistente, e dipende dalle circostanze, come ad esempio, disagio abitativo del conduttore, credito d’imposta, canoni non percepiti, etc.se hai bisogna di altre info prova a chiederle anche sul post dell’ipef 2010:http://crisi-finanziaria.myblog.it/archive/2010/02/19/irpef-2010-aliquote-scaglioni-calcolo-detrazioni.htmlciao

  60. Ciao,mia madre casalinga e senza pensione tra un paio di mesi inizierà a percepire un reddito da affitto per un totale di 6000 Euro annui.Questo reddito è l’unico reddito che ha.A quanto ammonterebbe la NO TAX AREA per reddito da affitto? solo 500 euro oppure 4800 euro?C’è una bella differenza… con 500 euro di tetto pagherebbe (6000-500)*23% = 1265 euro di irpef all’annocon 4800 euro di no tax area pagherebbe (6000-4800)*23% = 276 euro di irpefCiao Lorenzo

  61. Sì MarcoZ, il lavoro fisso è ormai una chimera se non sei figlio di qualcuno o amico di qualchedun’altro.Cara Roberta se fatturi 36mila l’anno +iva, alla fine te ne rimarranno circa 20mila.In bocca al lupo cari amici e w la libera informazione finanziaria 🙂

  62. Roberta, se ti basta una risposta a spanne – del fatturato ti resta circa la metà. Se non hai trovato risposte migliori e vuoi dettagli in più direi che la voce di costo che devi dirmi è quale cassa previdenziale andresti a foraggiare… le quote variano molto. Io da ingegnere verso alla cassa ingegner &architetti che mi piglia circa il 10% annuo. comunque brava, ormai il lavoro fisso dobbiamo scordarcelo e diventare imprenditoei di noi stessi.marco

  63. Egr.On.Tremonti,a parte i giovani che sanno solo lamentarsi dopo che tutti i governi sn e dx li hanno ridotti al minimo comune multiplo (compresi i sindacati),li hanno equiparati ai rumeni, ai bulgari,ucraini ecc come qualità di vita e di lavoro,e solo grazie alle conquiste dei genitori riescono ancora a campare decentemente,ripeto a parte questo(vedi università piene quando un laureato oggi non riesce a trovare lavoro,e se lo trova…a 800 euro al mese) come può un uomo come lei, loquace,spiritoso e intelligente, dare ai pensionati uno 0,7% di aumento sulle pensioni (solo la carta igienica è aumentata dell’1%) quando la stragrande maggioranza dei pensionati con sacrifici ti ha versato minimo 35 anni di lavoro e prendono massimo fino a 18000 /30000 euri lordo l’anno ? Dovresti prendertela con le pensioni baby,con le rendite vitalizie degli assessori provinciali e regionali e con le varie pensioni accumulate dei politici (fanno dai 3 ai 5 mestierini l’anno! come presidente della enciclopedia tot + consigliere banca tot +senatore+presidente e ministro ecc.).Non mettere i giovani contro i vecchi che ti hanno versato con lavori sacrificati e duri (come turnisti per una vita) bei quattrini per minimo 35 anni.Ricordatevi che per gli umili Dio esiste “ancora”,cercate di non toglierci anche questo perchè diventerà veramente difficile trattenere il popolo.Vergognatevi stiamo restituendo sulle pensioni lo 0,1% perchè avete detto che l’aumento lordo dell’anno scorso del 3,2% era stato troppo (solo l’acqua e spazzatura è aumentata del 15%,e sai bene che ogni anno ognuno aumenta il prodotto del 10%,vedi anche costo dei biglietti trasporto e autostrada),questa è stata una misera mossa,dillo anche a quelli della lega che ci hanno rotto i coglioni con “Roma ladrona” e con le …….nei loro partiti.VergognA, è STATA UNA MISEREVOLE MOSSA.

  64. Ciao, avrei alcune domande sulla Partita Iva. Premetto che ho sempre avuto contratti a tempo indeterminato perciò so ben poco. Ho visto già 3 commercialisti ad oggi al riguardo e ho capito certe cose, ma non quanto mi rimarrebbe in tasca a fine mese.Sto pensando di aprire la partita Iva. Lavoro nel settore eventi e comunicazione. Se fatturo 36,000 + IVA all’anno (3000 mensili) all’agenzia, quanto mi rimarrebbe in tasca. So che dipende molto anche dai costi ma vorrei sapere senza costi quanto mi rimarrebbe e come si fa il calcolo. Se sapete anche darmi un link dove ti spiega passo passo come fare i calcoli. Scusate l’ignoranza ma nessuno riesce a darmi una risposta.GrazieRoberta

  65. Ciao domenico, non è possibile poterti dire l’importo mensile che ti spetta per la pensione provvisoria. Il calcolo richiede una serie di dati e verifiche complesse, ti consiglio di rivolgerti al tuo sindacato o ad un commercialista o a un consulente del lavoro.

  66. Ciao Gianfranco, certo che è fattibile, ma occorre vedere se c’è mercato e quali sono le revenue economiche.Come formula di impresa ti consiglio di utilizzare la società a responsabilità limitata o l’equivalente per le cooperative la scarl.In bocca al lupo per la vostra iniziativa, tienici aggiornati gianfranco,contribuiamo tutti a diffondere l’informazione finanziaria libera 🙂

  67. sono un libero professionista, mia moglie è lavoratrice dipendente della ASL, vorremmo assieme a mia sorella che è anche lei libero professionista costituire una società per la commercializzazione di beni di importazione. Cosa mi consigliate di fare? è fattibile la cosa?? grazie.

  68. Sono un Ass.te Capo di Polizia Penitenziaria riformato in data 08.12.2009 per causa di servizio mi è stato assegnato la quota della pensione provvisoria lorda di euro 27416.00 Vorrei sapere con gentilezza la quota mensile spettante al mese da un mio calcolo e di 1600,00 circa e cosi? grazie Domenico

  69. grazie Federica, questo è proprio lo spirito che anima l’iniziativa, aiutarsi a vicenda per sopravvivere al mondo della finanza. il tutto in modo semplice e sinteticocontinua a seguirci, più siamo e più info possiamo dare 🙂

  70. Ciao letmont, se hai ricevuto 2.750 euro al mese lorde alla fine dell’anno sono 33.000 lorde. Per cui complessivamente andrai a pagare di tasse: 6.960 + il 38% di 5000 = 8860.Questo l’ammontare complessivo delle tue tasse in un anno. In realtà l’importo può essere leggermente inferiore grazie a detrazioni o bonus fiscali vari…Vedilo come un ordine di grandezza.In questo blog ci aiutiamo a vicenda, dai anche tu il tuo contributo aiutando altri lettori o linkando le pagine del sito :)ciaoooooooo

  71. Buongiorno, sono una ragazza con un contratto co.co. pro con uno stipendio di 2750e al mese. Il mio datore di lavoro mi ha detto che pagheranno il 23% in piu’ al mese ed io dovro’ un terzo del 23% da pagare. A fine anno dovro’ fare il 730?ho paura di ricadera nell’aliquota del 38%…quanto, quindi, percepiro’ di netto al mese?Grazie

  72. Salve avevo bisogno di una informazione, sono uno studente universitario e non ho reddito, i miei mi hanno lasciato in proprietà una casa, se l’affitto a 400 euro al mese quindi 4800 euro l’anno, quanto dovrò pagare di tasse?

  73. Ciao Romina,sii serena 😉 nel 2010 compilerai un solo modello per la denuncia dei tuoi redditi all’interno del quale saranno presenti sia le tue entrate da partita iva che quelle relative alla rendita del fabbricato.Se puoi dacci una mano a condividere la notizia con altre persone nella tua medesima situazione. E’ sufficiente che linki le nostre pagine, in questo modo contribuirai a dare maggiore visibilità alla nostra iniziativa 🙂

  74. nel 2009 ho aperto la partita iva per una piccola attività.gia compilavo l’unico per redditi da fabbricati, nel 2010 faccio lo stesso unico oppure ne devo fare due una per la partita iva e l’altro per i fabbricati.se potete rispondermi sarei molto più tranquilla grazie

  75. Caro Piergiorgio da Padova, il conteggio che ci hai dato potrebbe anche starci in particolari condizioni retributive.Dal mio punto di vista è impossibile poterti dire se il calcolo è corretto perchè sono molti i fattori in gioco, quello che ha scritto il consulente del lavoro nei commenti precedenti non è del tutto sbagliato, sebbene non rispecchia lo spirito con cui io scrivo e credo della maggior parte dei partecipanti di questa comunità.Noi cerchiamo di aiutarci l’un l’altro, ma è più facile quando si scambiano proprie conoscenze e informazioni mentre calarsi in casi specifici è complicato o certe volte addirittura impossibile, soprattutto nel caso di buste paghe o della denuncia dei redditi dove la normativa prevede una serie di casi specifici e varianti che andrebbero analizzati di volta in volta.Se vedi che nessuno ti risponde prova ad aspettare qualche giorno o partecipare ad altre discussioni del nostro blog, ripetendo pedissequamente la stessa richiesta nel corso dei vari commenti si rischia di fare la figura di chi è solo interessato al proprio problema e ha poco rispetto dello spirito dell’iniziativa ;)Comunque qui ognuno è libero di fare quello che vuole, ti auguro che troverai presto risposte definitive al tuo problema, in bocca al lupo per tutto 🙂

  76. Ciao Ragazzi ho bisogno di un aiuto, temo che il conguaglio di fine anno non sia corretto, il mio datore di lavoro mi ha calcolato un imponibile netto di 31077 euro (facendo la somma degli stipendi lordi ho ricevuto 36226) l’anno scorso partendo da 34300 euro di stipendi avevo un imponibile netto di 28066! Tenendo conto che quest’anno ho anche una figlia a carico oltre alla moglie come mai la differenza degli imponibili è aumentata di 3010 euro contro i 1890 degli stipendi?Ho provato a cercare al termine dell’articolo i link per il calcolo Irpef 2009 ma non gli ho trovati?Grazie”

  77. Premetto che questo commento non è polemico nei confronti dei redattori di questo blog che stimo per la qualità, l’equilibrio e la serietà dei loro post. E’ rivolto a una parte dei commentatori di questo articolo, in particolare alla maggior parte dei più recenti commentatori o per meglio dire questuanti.Sono un libero professionista che si occupa di elaborare le buste paga di piccole e medie aziende.Sorrido ogni volta che leggo gli interventi di certi lettori che con due informazioni in croce hanno la pretesa che gli si rediga la denuncia dei redditi o la propria busta paga.Ma dico io, secondo voi perchè in Italia per queste cose esistono i corsi di laurea e l’esame di stato per l’abilitazione alla professione?E’ avvilente l’ingenuità (per non dire ignoranza) di queste persone che credono che il calcolo della loro busta paga si desuma da uno o due informazioni in croce e pretendono che qualcuno on-line stia a fare i conti del loro stipendio anzichè fare altro… mahVa bene che in questa comunità tutti si aiutano l’un l’altro, lo capisco ed è assolutamente encomiabile, ma per certe valutazioni e consulenze esistono professionisti e organizzazioni sindacali. Rivolgetevi a loro anzichè chiedere improbabili aiuti, dando peraltro informazioni parziali o addirittura inutili e forvianti…

  78. Ciao Ragazzi ho bisogno di un aiuto, temo che il conguaglio di fine anno non sia corretto, il mio datore di lavoro mi ha calcolato un imponibile netto di 31077 euro (facendo la somma degli stipendi lordi ho ricevuto 36226) l’anno scorso partendo da 34300 euro di stipendi avevo un imponibile netto di 28066! Tenendo conto che quest’anno ho anche una figlia a carico oltre alla moglie come mai la differenza degli imponibili è aumentata di 3010 euro contro i 1890 degli stipendi?Ho provato a cercare al termine dell’articolo i link per il calcolo Irpef 2009 ma non gli ho trovati?Grazie

  79. Ragazzi ho bisogno di un aiuto, temo che il conguaglio di fine anno non sia corretto.Ho un contratto a progetto co.co.pro di 8260 lordi ogni 6 mesi. Dunque per il 2009 ho percepito 16520. In più ho avuto qualche altra cosa grazie a delle giornata lavorate di sabato. Il ragioniere mi ha allegato alla busta paga il prospetto per il calcolo del conguaglio mettendo nella voce Imponibile Fiscale Annuo = 16790.84.La mia domanda è semplicissima: Come posso calcore l’imponibile Fiscale annuo dalle buste paghe? Grazie mille

  80. LE 2 NUOVE ALIQUOTE GIOVANO ESPONEZIALMENTE x I RICCHI:da 0 a 15.000 euro 23% NESSUN VANTAGGIOda 15.000,01 a 28.000 euro 27% VANTAGGIO 4% MAX 480,00 €da 28.000,01 a 55.000 euro 38% VANTAGGIO 15% MAX 480,00 + 4050,00€da 55.000,01 a 75.000 euro 41% VANTAGGIO 17% MAX 480,00 + 4050,00 + 3400,00€da 75.000 euro a 100MILA 43% VANTAGGIO 20% MAX 480,00 + 4050,00 + 3400,00 + 5000€oltre 100 VANTAGGIO MIMIMO 480,00 + 4050,00 + 3400,00 + 5000€ + 10% sull’eccedenza di redditoGRAZIE SILVIO.. che BENEFATTORE… nn c’è che dire, il suo è il Partito dell’AMORE… PER I SOLDI !!!!!!!!!

  81. Cara Anna, probabilmente sei giovane e ancora “innocente”. Anche se il governo riuscirà a introdurre le due aliquote uniche, il bilancio dello stato continua ad aver bisogno dello stesso gettito fiscale di ora (almeno)… Vedrai che in un modo o nell’altro quello che andremo a pagare alla fine dell’anno sarà almeno quello che paghiamo ora.o in alternativa dovremo rinunciare a sanità o pensione…

  82. Grazie amici, le info che ho trovato qui mi sono state molto utili.Come molti di voi spero che il governo vari realmente le due aliquote secche e che non sia il solito fumo negli occhi per distrarre l’opinione pubblica mentre approvano la riforma della giustizia.Speriamo bene, anche se come dice Graziano da Roma quello che ci danno da una parte ce lo toglieranno con gli interessi dall’altra.Siamo nelle mani di un branco di avidi profittatori.

  83. Benvenuto Giovanni Marigliano!!! Anche tu del nostro partito: politici tutti nostri parassiti!Stiamo a vedere come andrà a finire la bella storiella delle due aliquote… tempo che quello che ci lasceranno da una parte ce lo toglieranno dall’altra…i politici italiani sono la vera rovina dell’italia!

  84. Sono l’ultimo tar…tassato della lista. Speriamo accettino due nuove aliquote irpef Berlusconiane : allora,forse la statuetta di quel matto a Milano,ha prodotto un effetto per tutti noi onesti contribuenti ! Il problema è che continuiamo ad avere tutti un cancro dentro: i politici-corrotti italiani:altro che ” pane e cicoria”. Un medico-artista, tuttora povero, ma felice.

  85. Scusa Fausta, ma non sono d’accordo con il tuo ragionamento. Attenzione non difendo quei mangiapane a tradimento dei nostri politici. Parto dal presupposto che è vergognoso che manteniamo una classe politica di cocainomeni, papponi e profittatori.Ma il regime di tassazione della pensione di reversibilità è corretto. Dopo il decesso di tuo marito la sua pensione è divenuta a tutti gli effetti un tuo redditto ed è quindi corretto che anch’essa sia entrata a far parte del computo totale delle tue entrate.Poi se vogliamo ragionare sugli iniqui scaglioni dell’irpef o su quanto sia costosa la vita di oggi giorno in proporzione alle pensioni che prendiamo trovi una porta aperta.Ma il metodo con cui viene computata la pensione di reversibilità è giusto e coerente con il sistema tributario italiano.

  86. Mi unisco alla segnalazione fatta da CP, ha perfettamente ragione la fascia intermedia è la più tartassata. Quegli ingordi avvoltoi dei nostri politici se ne strafregano di quanto ci prendono dalle tasche… a loro frega solo di fare la bella vita alle nostre spalle!Complimenti all’iniziativa di questo blog, un luogo di ritrovo e di condivisione di informazioni e opinioni. Spero solo che la casta non vi costringa a chiudere e a moderare gli interventi.

  87. Salve… mi chiamo Paola ed ho 25 anni. Volevo chiedere info riguardo alla dichiarazione dei redditi. Io svolgo l’attività di assicuratore presso una nota società a torino, il mio è un lavoro autonomo su base provvigionale. Da ogni mio stipendio viene detratto il 19% e percepisco il netto. L’anno prossimo dovrò fare la dichiarazione dei redditi. Se guadagnerò 15000€ lordi nel corso di quest’anno, dovrò pagarne il 23%di tasse? Vale a dire 3450€??? Cosa posso scaricare e in che misura?

  88. ritengo ingiusta la tassazione sula pensione di reversibilità: la legge Dini ha ridotto notevolmente la pensione di reversibilità per chi ha lavorato ( ogni mese mi tolgono circa 800 euro dalla pensione di mio marito e percepisco di mio la GRANDE pensione di 1300 euro. Ma almeno si dovrebbe tassare la pensione di reversibilità a parte e non partendo dalla mia aliquota più alta. Già è un furto la legge Dini, la tassazione fa il resto e ti danno le briciole dei contributi versati dal coniuge.

  89. vorrei avere più delucidazioni come pensionata il perchè con 885 euro devo versa quasi 30 euro di irpef. Comunque il vostro sito molto chiaro ed anchem molto importante. grazie saluto

  90. La fascia più colpita è quella che rientra nel reddito dai 28.000 ai 55.000 euro con una percentuale di tassazione irpef maggiorata dell’ 38%, 11 punti in più rispetto alla fascia sotto i 28.000 euro che è del 27%, praticamente lavori per le tasse.Chi supera il tetto dei 55.000 fino ai 75.000 euro aumenta da 38% a 41% solo 3 punti in più per aumentare altri solo 2 punti al 43% per chi supera gli oltre 75.000 euro.Inoltre quello che ci resta come reddito se ne va in maggior parte per pagare altre tasse: IVA su tutto, addizzionali varie, tasse comunali, TV, accise ecc.A forza di tirare la cinta si spezza, lo capiscono questi ingordi dei politici, partiti e sindacati.

  91. Cara Raffaella, il calcolo della pensione non è immediato e spiegarlo in poche righe è proprio impossibile. La cosa più semplice è rivolgersi agli uffici dell’ente previdenziale a cui appartieni o in alternativa chiedere agli uffici di sindacati e padronati. Se invece hai dubbi sul computo della tua pensione puoi rivolgerti al consulenti del lavoro o ad un commercialista. Se invece preferisci approfondire l’argomento su internet, troverai ampia letteratura e esempi di casi specifici probabilmente anche simili al tuo.Per approfondire l’argomento è sufficiente scrivere sul motore di ricerca “calcolo pensione”Dacci una mano a sostenere la nostra comunità per la diffusione della conoscenza finanziaria, linka le nostre pagine dove ti è possibile, grazie 😉

  92. da conteggi inps,attraverso la procedura pin, risulta al 01-01-2010 un calcolo previsionale di pensione una cifra di 2430 euro lordi mensili.la mia finestra di uscita sarà 1 aprile 2010.Da conteggi del tutto personali (irpef,add.regionale,add.comunale)a me risulta una pensione netta mensile di circa 1830 euro mensili.Chiedo gentilmente un vostro parere.pietro moreno gasparoni

  93. Ciao a tutti,visionando il cedolino paga di dicembre ho notato che ho versato un conguaglio fiscale di 610 euro (il mio lordo mensile è attualmente di 2700 euro circa).Faccio notare che l’ultimo aumento in termini di superminimo è avvenuto a luglio 2008, quindi a metà 2008, ed a dicembre 2008 pagai 310 euro di conguaglio (mi viene da pensare, quest’anno l’aumento è esteso a tutto l’anno quindi pago il doppio…ma non so se funziona proprio così).Vorrei sapere se è possibile un’incidenza così elevata del conguaglio ma vorrei ancor di più sapere i meccanismi che generano il conguaglio. Senza entrare nel merito dei numeri, com’è possibile che l’irpef calcolata su base annua sia maggiore di quella calcolata mensilmente? Cosa influenza il generarsi di tale squilibrio§?Peraltro per alcuni la differenza inverte il segno, e si ritrovano ad aver pagato di più del dovuto ed in busta paga hanno una differenza positiva.Grazie anticipatamenteDario

  94. devo andare in pensione a gennaio con i 40 anni e sono molto preoccupata per quello che mi daranno,ho fatto per circa 15 anni la part-time come mi calcoleranno la cifra? questo sito è molto interessante complimenti

  95. Qualche Consulente o Partecipante del Blog mi può rispondere ?GRAZIE“Con rif. mio post del 8 dicembre 2009 …..”…. mi hanno anche tolto le detrazioni d’ imposta 19 % spese mediche di mia moglie (denti) corrispondenti a 300 euro .Quest’ ultime come avrei potuto detrarle sui suoi 3100 euro ?Sui CUD due ( 2500 e 600) euro, non ho visto ritenute !…. “Avrei potuto detrarre le spese mediche 19%, corrisp. a 300 Euro, di mia moglie ?”

  96. evviva Marco! Allora sei anche tu dei nostri allora! Meno male :)che vita che siamo costretti a fare a causa degli errori della nostra classe dirigente!avvilimento e scoramento quotidiano, basta farci guidare da questa cricca di inetti arraffoni!!!

  97. Alt! Ho forse detto che non bisogna pagare le tasse? Sono partito da un’esperienza personale per denunciare un episodio vergognoso che ho subito e per porre su queste basi una considerazione logica. Se dopo due/tre anni che hai aperto la tua attività ti trovi a pagare più tasse di quanto hai guadagnato l’anno prima, è ovvio che ti senti rapinato, sodomizzato e quant’altro. Quando qualcuno vi pone un problema dovete cercare di mettervi nei suoi panni. Provate ad immaginare… da domani vi danno 2000 euro in busta anziché 1000 euro e le tasse le pagate voi a Luglio. Bene, l’anno scorso avete quindi guadagnato 24000 euro; a giugno ne dovete pagare 26000. Porca troia, capite adesso o no? Nessuno dice che le tasse non vanno pagate o che bisogna parassitare, ma di fronte a queste batoste è ovvio che devi difenderti. Difenderti, scaricare qualche spesa in più, schiocchezze, almeno da rimanere intorno al 50%. Questo non fa di te un disonesto o un parassita, anche perché, diaciamocela, le tasse sono così alte perché considerano che bene o male tutti qualche giochetto lo facciano. Quindi una persona, per quanto buoni ideali abbia, non può moralmente accettare di dare il 60/70% di quanto guadagna allo stato. Non facciamo i moralisti del ca… diciamo le cose come stanno. Personalmente le porterei al 30% con controlli a tappeto e multe astronomiche a chi non paga. Ma questa è una considerazione personale. Non siamo nessuno, non possiamo combattere il sistema, anche perché il virus sta nell’indole umana propria di tutti noi. Ad ogni modo, il sistema ti dà ancora la possibilità di crearti un lavoro, fare successo e raccogliere tutte le soddisfazioni di cui ha bisogno, per cui fai prima ad adattarti ad esso. Chi attacca e dà del parassita è probabilmente il vero parassita, colui che, anziché fare come il sottoscritto – facendosi su le maniche e creando qualcosa che gli dà soddisfazioni professionali ed economiche – vuoi per incapacità o mancanza di volontà, preferisce andare in piazza a dare la colpa agli altri della propria situazione (è vero, gli altri hanno una parte di colpa, ma la maggior parte è tua). E chi ti paga la disoccupazione, la scuola e la sanità visto che tu non produci ma sai solo protestare? Uno che ha un lavoro in proprio e non ha tredicesima, non ha disoccupazione, non ha ferie pagate, non ha niente di niente, e poi gli fanno pagare il 110% di quello che ha guadagnato l’anno prima. Andiamo su… siamo seri. Analizziamo i problemi con spirito critico, senza pregiudizi. Voi ne avete molti evidentemente, perché, mi avete attribuito affermazioni che non ho fatto, e che cazzo, su, siamo seri. Beh, questo è il mio ultimo post, mi è costato mezz’ora di lavoro e ovviamente nessuno me la ripaga. Ciao a tutti.

  98. sì ci schiavizzano mentalmente ed economicamente. non ce ne accorgiamo ma siamo tutti servi della gleba del sistema. sistema peraltro ingiusto è profondamente corrotto. basta vedere i casini (di donne, droga e viados) che combinano i nostri politici. Dal vertice a scendere sino ad arrivare ai portaborse…svegliamoci una buona volta e smettiamo di fare gli struzzi.

  99. RIFLESSIONE DA CONDIVIDEREIn un Paese civile ogni anno gli scaglioni delle aliquote vengono aumentati x tenere conto dell”inflazione al fine di mantenere immutata la pressione fiscale. Faccio un esempio del furto che subiamo: supponiamo che dopo una serie di rinnovi contrattuali (che dovrebbero coprire almeno l”inflazione) il nostro reddito passi da 28000 a 33000, la differenza di 5000 verrebbe tassata all”aliquota marginale e non a quela media, quindi x il semplice passare del tempo (inflazione) paghiamo sempre più tasse. Cosa aspettiamo per andare in piazza a manifestare lo schifo dei nostri politici??

  100. Con rif. mio post del 8 dicembre 2009 …..”…. mi hanno anche tolto le detrazioni d’ imposta 19 % spese mediche di mia moglie (denti) corrispondenti a 300 euro .Quest’ ultime come avrei potuto detrarle sui suoi 3100 euro ?Sui CUD due ( 2500 e 600) euro, non ho visto ritenute !…. “Avrei potuto detrarre le spese mediche 19%, corrisp. a 300 Euro, di mia moglie ?

  101. Caro Paolo vi è costato caro lo sforamento, è un paradosso ma sarebbe stato quasi più conveniente non lavorare :(In merito alla logica fuzzy o 01 hai perfettamente ragione, sarebbe auspicabile una maggiore progressione ed equità. Ma evidentemente i politici hanno altro da fare che pensare ad adeguare le tasse a questi aspetti :(Contribuisci a diffondere la libera informazione economica linkando questa e altre pagine del nostro blog. In questo modo altre persone potranno usufruire di utili informazioni e più persone ci leggono più persone possono rispondere ai quesiti che ci ponete 😉

  102. Ciao Manuela,ti confermo che in italia le tasse sono più alte della Spagna :(Il calcolo dell’irpef che hai fatto è corretto, ma l’irpef non è l’unica tassa che i lavoratori italiani devono pagare. Ci sono anche i contributi previdenziali e l’irap nel caso di lavoratore autonomo. Mentre nel caso di lavoratore dipendente c’è anche il tfr. Poi per entrambi ci sono le addizionali comunali e regionali dell’irpef…Come vedi in Italia le tasse non finiscono mai ;)Spero di averti dato informazioni utili, dai un contributo anche tu a diffondere la libera informazione finanziaria linkando questa pagina e altre del nostro blog 😉

  103. Caro Marco, la tua è la posizione più comoda che puoi scegliere. Prendi quello che la società offre ed eviti di fare la tua parte per la società!In questo modo dimostri di essere ne meglio ne peggio del sistema che critichi.Pensi di essere solo tu a dover pagare le tasse?Con quali soldi vengono pagati i servizi sanitari di cui ti avvali? Medicine, esami medici, visite mediche, ricoveri ospedalieri …Non tutto in Italia funziona è vero, ma penso che tu abbia avuto un’istruzione. Chi pensi abbia pagato i tuoi maestri elementari, i tuoi insegnanti delle medie e delle superiori. Pensi che le tasse universitarie siano sufficienti a coprire i costi di una laurea?E poi le forze dell’ordine, la giustizia e via discorrendo.Allora, pensi che le tasse le paghi solo tu?

  104. Complimenti per il blog. Io ho appena firmato un contratto a Roma per 35.000€ lordi annuali.Se ho capito bene le tasse che mi devono togliere sono 6.960€ + (38% x 7.000 )= 9.620€ annuali.Quindi mi restereranno “in tasca” 25.380€ annuali ? o ci sono altre tasse o contributi da pagare? Ho il dubbio perche io sono spagnolo e mi avevo sentito che in Italia le tasse sono molto più alte che in Spagna e non mi sembra. Sicuramente mi sfugge qualcosa. Mi aiutate a chiarire i dubbi?Grazie!Saludos

  105. Complimenti per il Blog con il suo Spirito sia Informativo che Educativo di noi comuni cittadini .Nel 2006 mia moglie (fiscalmente a carico assieme a mio figlio studente >18 anni) ha sforato la soglia di 2840,51 Euro (3100) per temporanea prest. interinale 1 mese con 4h al giorno.Nel 2007-2008-2009 è ridiscesa di nuovo sotto la soglia quindi a carico mio.Adesso a Novembre mi hanno fatto la rettifica .Mi hanno ridotto la deduzione di famiglia da 4200 a 1800 euro sull’ imponibile con sanzione, interessi ecc. però mi hanno anche tolto le detrazioni d’ imposta 19 % spese mediche di mia moglie (denti) corrispondenti a 300 euro .Quest’ ultime come avrei potuto detrarle sui suoi 3100 euro ?Sui CUD due ( 2500 e 600) euro, non ho visto ritenute !Perchè la soglia di 2840,51 euro è ferma da parecchi anni e non si propone di adeguarla ai tempi ?E poi lo sforamento perchè non potrebbe essere graduale ossia non con la logica 1 o 0 ma bensì sfumata, in inglese chiamata anche “fuzzy” ?In tal modo un superamento di poco, che non cambia la vita, non sarebbe così devastante !

  106. Caro Piero, i motivi del conguaglio possono essere innumerevoli. E’ difficile dire da cosa dipende senza conoscere il tuo caso specifico e il regresso delle tue entrate e trattenute.Può dipendere sia da entrate extra che che da compensazioni relative alle trattenute precedenti o ancora da un errore.La cosa più semplice è rivolgersi agli uffici dell’inps loro ti sapranno dare la risposta esatta. Aggiornaci sull’esito, potremo aiutarti meglio e aiuterai altri nella tua situazione.

  107. Sono un pensionato ed in questi giorni l’Inps mi ha notificato una trattenuta per conguaglio Irpef di circa 280 euro su pensione e tredicesima. Non riesco ha comprendere a cosa si riferisca in quanto solitamente l’inps, come sempre, invia ad ogni pensionato il dettaglio con le trattenute previste e gli importi (pensione e tredicesima) già calcolati cosa che è avvenuta anche in questo anno puntualmente. Vi sarei pertanto grato, qualora vi fossero novità che mi sfuggono e prima di rivolgermi direttamente all’inps, se mi metterete al corrente se esistono cambiamenti sulle aliquote irpef. Ovviamente il mio reddito e solo da pensione.Grazie Piero

  108. Non sono arrabbiato o deluso, sono incazzato e non è mia consuetudine esserlo, né tanto meno usare questo termine. Come ti compri il fucile per difenderti dal rapinatore, sei costretto a giocare sul filo che separa la legalità dall’illegalità per difenderti dall’erario. Questo non fa di te un disonesto, i disonesti fanno molto di peggio; se sparo al rapinatore non è omicidio, è legittima difesa. Con la differenza che un rapinatore mal che vada ti porta via tutto quello che hai guadagnato fino a quel momento, non ti porta via anche una parte di quello che guadagnerai in futuro e ancora non hai.Inutile combattere il sistema, preferisco lavorare e adattarmi ad esso piuttosto che farmi crescere la barba e andare in piazza a sventolare una bandiera.

  109. Caro Marco,capisco la tua rabbia e la tua delusione. Ma certe volte dietro a questi sentimenti si celano anche egoismo e menefreghismo.Pensi di essere il primo o l’unico a pagare le tasse? E’ il sistema baby, comodo sfruttarne i benefit e rinnegarne i malefit.Migliaia di centinaia di ragazzi in gamba sono nella tua stessa situazione e non tutti invocano come soluzione l’evasione e l’elusione.Se vuoi cambiare le regole impegnati per cambiarle a favore di tutti e non solo per te stesso 😉

  110. Ho 26 anni, passando dal regime fiscale agevolato a quello ordinario, mi sono trovato a pagare tra tasse ed inps più del 100% guadagnato l’anno prima.Cioè, ho guadagnato 100 ed ho pagato 110 (saldo inps dell’anno prima dal minimo fino all’aliquota massima, saldo inps dell’anno corrente più tutti gli anticipi del 2010).Sono stato rapinato e conosco il rapinatore. Sono incazzato nero, ma nero!!A giugno non dovrò pagare nulla perché mi andrà tutto in detrazione, ma non mi importa, non mi andrà mai giù questo affronto.Quale modo migliore per creare un popolo di evasori se non subire questo genere di ingiustizie? A 26 anni, ti fai in quattro per raggiungere i tuoi obiettivi (4 anni di lavoro, mattina, pomeriggio e sera), fai delle rinunce, arrivi ad ottenere quello che desideravi e poi ti arrivano queste sorprese.Non ho parole, inutile dire che d’ora in poi farò tutto quello che mi sarà concesso fare per proteggermi dall’erario e restituire al mittente questa indescrivibile ingiustizia.

  111. In uno stato democratico le tasse vanno pagate e fin qui nessuno lo contesta (si spera…) ma… aumentare le tasse ogni volta (vedi l’introduzione dell’IRAP) che lo stato rimane al verde è segno non solo di antidemocrazia ma della mancanza di una reale intenzione di proporre qualcosa di costruttivo per la nazione. A distanza di 20 anni rimpiangere Craxi significa (a mio parere) aver toccato il fondo dal punto di vista socio-politico-democratico.

  112. Caro Massimo,per quanto concerne l’irpef 2009 pagherai poco meno di 7.000 euro, a questa tassazione vanno aggiunti le imposte previdenziali e l’irap.L’Irap è un’imposta regionale il cui coeficente, che varia leggermente di regione in regione, si aggira attorno al 4% del reddito imponibile. Se puoi dimostrare di svolgere un’attività senza avalerti di collaboratori e senza una propria struttura, l’irap non va pagata.Mentre per i contributi previdenziali la trattenuta è del 24,72% dell’imponibile o del 17% se sei titolare di pensione o iscritto ad una cassa previdenziale obbligatoria. Dunque anche per i contributi previdenziali la tassazione non è fissa, dipende dalla propria categoria lavorativa e dall’eventuale ordine professionale di appartenenza.Infine ci sono esenzioni, detrazione e deduzioni che aiutano a ridurre la tassazione complessiva.Semplificando e generalizzando agli estremi su 27.ooo euro di imponibile annuo le tasse complessive da pagare superano i 13.ooo euro.Come anticipato l’ammontare complessivo può essere significativamente abbattuto operando opportunamente su deduzioni e detrazioni.cerchiamo di aiutarci a vicenda,ciascuno in ragione delle propriecompetenze e conoscenze.condividi anche tu lo spirito del nostro blogpiù siamo e maggiore è l’aiuto chepuoi ricevere.linka questa pagina e propagheraiil nostro spirito.

  113. “Ho iniziato un’attivita imprenditoriale a partire da gennaio 2009, in prospettiva entro il 31 dicembre 2009 l’utile d’esercizio sarà di 27000 € qualcuno sa dirmi circa, cosa dovrò pagare a giugno e a novembre. vi ringrazio anticipatamente.”Sono posessore di partita IVA, (impresa di pulizie) e da gennaio 2009 ad oggi non ho versato irpef ho versato l’iva trimestrale e contributi imps.

  114. confermo, politici parassiti sono senza vergogna. ora vogliono l’impunità per continuare a delinquere e fare i soldi evadendo e prendendo tangenti.intanto a noi chiedono di pagare le tasse per pagare le loro veline!

  115. Ho iniziato un’attivita imprenditoriale a partire da gennaio 2009, in prospettiva entro il 31 dicembre 2009 l’utile d’esercizio sarà di 27000 € qualcuno sa dirmi circa, cosa dovrò pagare a giugno e a novembre. vi ringrazio anticipatamente.

  116. Caro Corazzioni Alberto, la tua osservazione è corretta. D’altro canto la legge prevede questo e già da diversi decenni, purtroppo al contrario di altre leggi, su questo argomento non è mai stato aperto un dibattito. Anche a livello europeo gran parte degli altri stati hanno adottato un trattamento fiscale della pensione analogo al nostro.Dunque se può consolarti mal comune mezzo gaudio caro Alberto.Continua a seguirci e a linkarci, noi continueremo a tenerti informati sul risparmio in Italia.

  117. Cari amici, siete grandi. Questa sera ho visto lo speciale di Fazio su Roberto Saviano. Il coraggio delle sue scelte, e di quelle di altri eroi della verità, mi hanno emozionato sino alla commozione.E’ anche grazie a persone come loro se il mondo non è in mano a corruzione, crimine e violenza.Scusate il fuori tema ma poi non lo è del tutto se penso che le nostre tasse vanno in mano a quei criminali di stato dei nostri politici!Vergogna a loro e alla loro avida arroganza!Basta tasse! A casa tutta la nostra classe politica: via gli inetti sciacalli saprofagi!

  118. salve, vorrei un chiarimento, sono possessore di una pensione INPS, quindi le trattetute alla fonte, sono anche titolare di una ditta individuale, è possibile che devo cumulare i due redditi e pagare il 47% di tasse, ma per la pensione le ho già pagate, perche me la tassano due volte, grazie

  119. Grazie a te Paolo per i link che vorrai farci, per noi sono molto utili per diffondere l’informazione economica al maggior numero di persone ;)Tienici aggiornati sugli sviluppi con il tuo commercialista, in bocca al lupo per il lavoro all’esterociao

  120. Ciao Paolo, sì ti confermo che come libero professionista se emetti fattura nel nuovo anno l’importo relativa andrà a far parte del fatturato complessivo del nuovo anno. Questo anche se la causale della fattura è relativa all’anno precedente.Se vuoi ovviare a questo problema ti è sufficiente emettere la fattura alla fine del 2009, anticiparla mezzo fax o posta elettronica e poi consegnarla in originale non appena ti è possibile. Detto che l’attuale normativa consente la consegna della fattura anche in formato digitale e mezzo e-mail.Dunque hai ampi margini d’operatività per far ricadere il tuo lavoro di novembre o nel fatturato del corrente anno o in quello successivo come per te è più comodo ai fini fiscali.Speriamo di esserti stati d’aiuto, se apprezzi l’iniziativa ricordati di sostenerla linkando le nostre pagine. Grazie.

  121. Caro Andrea, come fare a non essere in totale accordo con te…Sì hai ragione, ma non è semplice realizzare quanto tu auspichi occorre un cambio generazionale e culturale del bel paese oltre che il totale ricambio dell’attuale classe politica.

  122. Salve, mi chiamo Paolo e ho un dubbio:lavoro come libero professionista da meno di un anno per varie ditte e normalmente emetto la fattura relativa al mese precedente ogni mese intorno al 20 (esempio la fattura di gennaio la emetto intorno al 20 febbraio). Dal 23 novembre sarò all’estero per due mesi e quindi lavorerò qui in italia fino a venerdì 20. In questa data emetto normale fattura per il mese di ottobre. Ma per le prestazioni di novembre fino al 20 dovrò emettere fattura a gennaio al mio ritorno perchè una delle ditte per cui lavoro non può farmi un conteggio delle ore e della quantità di lavoro prima che io parta. Se emetto la fattura a gennaio per le prestazioni di novembre mi verrà conteggiata nel totale lordo del 2009 o del 2010?Io suppongo vada nel 2010 xk non posso fare una fattura retro-datata, giusto?Fatemi sapere xk ho appuntamento con il commercialista per parlarne non prima di lunedì 9 novembre e se qualcuno mi risponde nel frattempo mi aiuterebbe tantissimo a capire come risolvere la situazione!GraziePaolo

  123. Salve,Questo commento per complimentarmi prima di tutto per il blog. Detto questo quando sento dire che per pagare meno tasse, le tasse bisogna pagarle tutti, ok!Ma magari già spendendo con un pò più di senno quelle che già paghiamo qualcosa si inizierebbe a risolvere. E’ così difficile?

  124. @ A. Pellegriniconfermato, se nel 2009 non hai ricevuto altri compensi la tua tassazione irpef è al 23% sui compensi ricevuti negli ultimi 3 mesi. Alla tassazione irpef vanno poi aggiunti i contributi previdenziali per la tua futura pensione, il cui importo dipende dal contratto e dalla categoria lavorativa a cui appartieni.Speriamo di esserti stati d’aiuto, sostieni la nostra iniziativa linkando il più possibile le nostre pagine. grazie.

  125. Rientrando dall’estero essendo il mio contratto di lavoro italiano iniziato ad Ottobre potreste confermarmi che per il 2009 non eccedendo il mio salario lordo i €15000 paghero’ un’ imposta del 23% e cioe’ calcolata solo sull’ammontare relativo ai tre mesi del 2009?Grazie

  126. Ciao Carlo,avendo una sas tutto dipende da come quest’ultima vi retribuirà.Comunque vi consiglio di rivolgervi ad un commercialista che analizzando il bilancio della sas e i vostri singoli casi vi consiglierà come operare per ridurre il più possibile la vostra tassazione personale.

  127. Ciao,inizio a fare un po’ di confusione. Con un reddito lordo annuo di 36744 euro, quanto dovrò pagare di IRPEF? Mi spiego meglio, essendo una libera professionista devo calcolare l’IRPEF sul lordo o sul netto? la differenza sarebbe notevole posto che usando come base di calcolo il netto sarei in uno scaglione inferiore e l’aliquota scenderebbe in maniera considerevole…Ciao e grazie

  128. OTTIME DELUCIDAZIONI MA VORREI SAPERE UN’ULTERIORE NOTIZIA, IO SONO TITOLARE DI UNA SAS INSIEME A MIO FRATELLO.SE NOI ABBIAMO DEGLI UTILI NETTI DI CIRCA 30000 EURO COME BISOGNA PAGARE L’IRPEF? O MEGLIO ABBIAMO BISOGNO DI FARE 2 MODELLI UNICO E PAGARE L’ALIQUOTA SU 15000 EURO CIASCUNO OPPURE NE FAREMO UNO DEI RICAVI DELL’AZIENDA?CIOE IO NON CAPISCO QUANTO MI RESTA IN TASCA CON QUESTA CIFRA DI RICAVI GRAZIE CIAO

  129. Sono pensionato.L’IRPEF è un’imposta sui redditi. ok.ma la pensione non deve essere classificata non come reddito ma rendita? Infatti è una somma accantonata (con trattenuta alla fonte) per garantire- sulla base dei contributi versati- una rendita differita. E’ così. grazie mille

  130. Al pensionato Franco che deve eseguire un lavoro per conto terzi.Caro Franco, se il tuo compenso annuale lordo è di 36.ooo euro ogni compenso extra che ricevi sarà tassato al 38%.Tale tassazione sarà applicata se i compensi extra che riceverai non supereranno i 19mila euro.

  131. Al pensionato Vicenzo che vive all’estero. Se le cifre che ci hai dato sono lorde, ossia hai ricevuto 28.600 euro lordi, le tasse che avresti pagato in Italia sono circa 7mila euro.E’ un calcolo approssimativo, consideralo come un ordine di grandezza, perchè per avere l’importo preciso ci sono una serie di altri parametri da prendere in considerazione.Spero ti siamo stati utili, ricordati di linkarci il più possibile grazie 😉

  132. Ciao Luciano,sino a 15 mila euro la tassazione è del 23%. Credo che tu faccia confusione con la ritenuta d’acconto che è del 20% e con il fatto che sotto i 5.000 euro non è necessario fare la denuncia dei redditi…In realtà la problematica è un po’ più complessa rispetto a quanto scrivi, ti consiglio di rivolgerti a un commercialista in modo da farti spiegare in dettaglio i regimi fiscali in gioco, cosa comporta aprire la partita iva, e gli obblighi contabili previsti.

  133. Caro Giuseppe,la tua rimostranza è moralmente giusta e inappuntabile. Tuttavia quanto chiedi non è attuabile. Vedi dei politici tutto si può dire accetto che siano fessi quando tutelano i loro interessi.Infatti per legge hanno stabilito che non è possibile indire referendum su tematiche fiscali. Il presupposto con cui hanno fatto la legge è legittimo, vi sarebbe una chiara contrapposizione o meglio dire conflitto di interessi fra il votante e l’oggetto della votazione. In sostanza i contribuenti voterebbero sempre per eliminare le tasse perchè sono essi stessi a pagarle.Chiaro e semplice. Però non si capisce perchè lo stesso metro non viene applicato anche ne loro caso.Infatti i parlamentari possono tranquillamente votare per aumentare i loro stipendi. Chiaro che il voto è sempre favorevole e lo stipendio puntualmente aumentato “de jure”.Ed è quello che succede da circa 40 anni, tanto che la recente votazione per aumentare il loro stipendio l’ha portato a 20 mila euro al mese (il più alto a livello europeo se si sommano tutti i benefit e rimborsi spese).In questo caso, come in altri, il conflitto di interessi non è stranamente contemplato…In sostanza e ahinoi, è tutta una questione di interessi e di chi sono gli interessati.

  134. Buongiorno.sono un artista, e solitamente ho sempre lavorato con assunzioni a breve termine e ritenuta d’acconto. Ora mi hanno chiesto per un lavoro la partita iva agevolata, quella per entrate sotto i 30000 euro.Io sono sempre stato a credito con lo stato, non superando mai la soglia dei 15000 euro (penso che sia questa).Vorrei, per favore, sapere, se questo può avvenire anche avendo appunto la partita iva, cioè, se riesco a rimanere a credito guadagnando sotto la soglia minima.grazie e buon lavoro a tutti (sperando in bene)Luciano

  135. Io non capisco perché in Italia non si promuova un referendum per abolire o quasi le tasse sui redditi da lavoro dipendente e su quelli da pensione fino a 50.000 euro, come nelle nazioni civili. In questo paese delle banane i redditi bassi pagano le tasse mentre chi gode di rendite milionarie frutto di investimenti o stock options versa un misero 12,50 % allo stato. Così loro, i figli di puttana vivono felici e contenti e noi figli di poveracci repressi e bastonati. Dobbiamo capovolgere questo tran tran. Ci siamo rotti i Maroni, anche lui un gran testa di c…o.

  136. Come non essere d’accordo con Elena! Abbiamo una classe politica da vergogna, chiedono sacrifici a noi e intanto fanno i parassiti a nostre spese: aerei di stato, auto blu, aeroporti personali (vedi Scajola: http://www.corriere.it/politica/08_agosto_17/scajola_albenga_roma_7674e1a0-6c33-11dd-9087-00144f02aabc.shtml ), veline e ballerine di stato… e via discorrendo. Basta! tutto questo lo fate alle nostre spalle e sulla nostra pelle.Spero non sarò censurato, questa è la cruda verità.

  137. Ciao a tutti . quale pensionato italiano residente in Francia , pago le tasse in questo paese . Nel 2008 ho preso lordo 2.200 Euro al mese per 13 mensilita’ . Vale a dire 28.600 euro annuo. Ho pagato 2.200 euro di tasse . Cio’ corrisponde a 183 Euro al mese . C’e’ pero’ anche un modo semplice e del tutto legale per chi e’ pensionato e volesse restare in Italia pagando di tasse tanto quanto pago io in Francia . C’e’ qualcuno che mi sa dire quanto avrei pagato di tasse se fossi in Italia considerando che non ho altri redditi , proprieta’ , e sono solo ?Per mestiere non faccio il profeta pero’ sono certo che la comunita’ europea prima o poi approvera’ una legge per eliminare le tasse che i pensionati pagano attualmente . E’ una vera e’ propria truffa . E’ come pagare due volte le tasse . Ciao a tutti .

  138. sì edcar, hai ragione ma oltre a denunciare lo stato delle cose tu cosa fai?Credo che siamo messi così male proprio a causa dell menefreghismo dell’italiano medio.Nel mio piccolo io cerco di cambiare le cose dal di dentro, dando un contributo a informare le persone e a condividere la conoscenza.anche partecipare alla comunità di crisi finanziaria è un piccolo contributo verso una maggiore consapevolezza economica degli italianicredimi edcar, stando con le mani conserte a giudicare non si cambiano le cose anzi le si peggiorano

  139. Siamo alla follia totale. il 38% di aliquota su redditi da pensione o lavoro dipendente da 28 a 55 mila € . Invece oltre 75 mila fino ai milioni di €, il 43% (solo il 5% in più) . Un disegno di aliquote fatto per spremere le categorie a reddito fisso, dove non è possibile l’evasione. Il gettito IRPEF totale proviene all’ 82% da pensioni e lavoro dipendente, il restante 18% deriva da tutto il resto ( commercio, artigianato, piccola media e grande industria, finanza, etc.).A fronte di tutto ciò servizi da terzo mondo (ferrovie, autostrade vecchie di 40 anni, sanità con tempi biblici. Ma siamo tutti contenti, abbiamo il calcio, gli spaghetti e le belle donne, il sole da qualche anno ci ha abbandonato. Diamoci da fare ad aiutare le Banche ( finanziamenti a fondo perduto), la grande industria ( detassazione) ed il commercio ( prezzi fuori controllo).Chiedeteci, saremo sempre pronti a pagare !!!!!

  140. Sì Mauro, un bel problema spero che presto tu e tuo fratello troviate lavoro. In merito all’affittuario, il problema non è facilmente risolvibile, come ben sai gli sfratti sono lunghi e penosi…Ti consiglio di avere pazienza, e di fare attenzione a non pagare una euro in più di quanto realmente devi allo stato di tasse.Trovo vergognoso che in Italia ci siano persone che evadono miliardi e la fanno franca, mentre i poveracci vengono perseguitati anche per pochi euro, che poi fra spese legali, interessi di mora, e penali varie arrivano a raddoppiare e a triplicarsi…E’ proprio vero che la giustizia esiste solo per chi ha i soldi!!!

  141. Grazie barbara per la risposta immediata 🙂 cercherò di contattare un commercialista al più presto, considerando anche che l’affittuario della casa non paga regolarmente, sta indietro di circa 800 euro poichè ci dice che la sua ditta non lo paga… pertanto non solo dobbiamo pagare dei soldi, ma nemmeno veniamo retribuiti a dovere, tra l’altro non riusciamo nemmeno a mandarlo via e ha peggiorato notevolmente le condizioni della casa 🙁 una situazione veramente triste, ma di questi tempi non sono il solo a viverla…

  142. Scusami Mauro, ho letto di fretta e non so per quale motivo ho capito che i mille euro erano di ICI e non di Irpef.Per quanto concerne l’irpef la tassazione è molto bassa in quanto i redditi complessivi sono di 750 al mese, questi vanno divisi per 3 (2 fratelli + madre). Dunque sono 250 euro a testa al mese di entrate che in un anno fanno complessivamente 3 mila euro, la tassazione irpef è al 23% e dunque l’irpef lorda è di poco più di 600 euro. Ma poi ci sono una serie di agevolazioni fiscali per via del basso reddito e delle nucleo familiare che riduce l’irpef netta a meno di 300, se a questo aggiungi oneri deducibili e/o detraibili come spese mediche et similia alla fine l’importo dovrebbe essere anche inferiore ai 200 euro…

  143. Caro Mauro, purtroppo sono in tanti ad essere in situazioni analoghe alla vostre. Purtroppo essendo immobili non “prima casa” la legge prevede che l’ici sia pagata fra tutti i proprietari dell’immobile.E in tal senso non sono previsti esenzioni specifiche per disoccupati.L’ici è una di quelle tasse a cui non è possibile sfuggire essendo tutto registrato. Mi spiace, non ci si può fare molto…Comunque avendo voi fratelli redditi molto bassi, mi sembra di capire che le vostre uniche entrate siano relative a quelle derivanti dalla locazione dei vostri immobili da dividere ulteriormente fra tutti i proprietari, potete usufruire di una serie di agevolazioni fiscali legate al vostro reddito e al vostro stato familiare.In tal senso vi consiglio di rivolgervi a un commercialista o a un caf di sindacato o semplicemente approfondire l’argomento documentandovi su internet e su questo ottimo blog.in bocca al lupo per tutto e non scoraggiatevi mai!

  144. Ragazzi aiuto non mi sembra possibile mia madre è pensionata, ne io ne il mio fratello lavoriamo, abbiamo un locale affittato alla cifra irrisoria di 500 euro ed una seconda casa sempre in affitto a 250 euro al mese, è possibile che da disoccuppati dobbiamo pagare circa 1000 euro di IRPEF a testa??? chiedo a qualcuno più esperto in materia di me io non ci sto veramente capendo nulla 🙁

  145. non posso che concordare con le parole di giuseppe1950, viviamo propio in uno strato canaglia!!! Lavori tutta una vita e non ti rimane nulla… per non parlare del precariato perenne dei nostri figli!!! Politici canaglia!!!

  146. a mio avviso uno dei problemi più gravi, non è le tasse che paghiamo, ma quelle che non pagano tanti nostri conoscenti.Verso quelle note categorie i nostri politici non prendono alcun provvedimento, i mezzi di informazione non ne parlano se non in maniera generica e noi, non abbiamo il coraggio di chiederela ricevuta o lo scontrino.(vedi: attività turistiche, ristorazione, liberi professionisti, artigianato ecc.)

  147. fischia! quest’anno pagherò più di 40 mila euro in tasse!!! Assurdo e vergognoso!!!Manco fossi paperon de paperoni!!!Non fiaterei se avessimo una classe politica più decente e servizi che funzionano…Ma visto che così non è sono ‘ncazzato nero!!!

  148. Ciao Voltaire,il calcolo dell’irpef che tu proponi non è fattibile sulla base dei primi tre mesi. L’irpef si calcola su base annuale, temo che tu abbia fatto un po’ di confusione fra stipendio lordo, imponibile irpef lordo, contributi previdenziali e tassazione irpef.Purtroppo non è possibile spiegare in poche righe la procedura per il calcolo della tassazione dello stipendio mensile di un lavoratore dipendente.Ti consiglio di approfondire l’argomento mediante le numerose guide disponibili gratuitamente su internet o più semplicemente rivolgerti ai consulenti del lavoro del sindacato.

  149. Ciao potrei avere dei chiarimenti:1) imponibibile lordo irpef = competenze (cioè paga base + eventuali premi e indennizzo di trasferta – trattenute?2) se avessimo il seguente imponibile irpef netto nei primi tre mesi dell’anno: nel primo mese 1300 euro il successivo 2100 e l’ultimo 2900 euro. L’imposta lorda viene calcolata nel seguente modo?I) 1300*0.24II) 1500*0.24 + 600 * 0.27III) 1500*0.24 + 1300*0.27 + 100*0.38??grazie

  150. Ciao Luca,c’è un po’ di confusione nei dati che ci hai fornito, comunque alla tua domanda “come è possibile perdere più del 41% di irpef con un fisso lordo annuo di 38000?” rispondo molto semplicemente: non è possibile. Nel tuo caso specifico non superi nemmeno la soglia dei 55mila lordi, ma anche se fosse pagheresti il 41% solo sulle somme che superano tale soglia e dunque solo una parte del tuo reddito sarebbe tassata all’aliquota del 41%, la restante parte è soggetta ad aliquote inferiori e dunque l’aliquota complessiva di necessità sarà significativamente inferiore al 41%.Probabilmente nel tuo conteggio molto empirico non tieni conto della trattenuta previdenziale che tutt’altra cosa è rispetto alla tassazione irpef…Per quanto concerne il mutuo casa, certamente che lo puoi “scaricare”, anche se sarebbe più corretto dire che gli interessi del mutuo prima casa sono deducibili dall’imponibile irpef ;)Ricordati di fare un link al nostro blog, ciao 😉

  151. sì Luca è proprio così… ma quello che è più vergognoso è dove va a finire il sudore della tua fronte!Se lo fregano tutto i nostri politici, per governarci da schifo e tenerci sempre più ignoranti…che tristezza Luca, però fare il nero è ancora più triste e vergognoso. meglio impegnarsi socialmente per migliorare lo stato delle cose 😉

  152. Ciao a Tutti,Mi chiedo ma un giovane per costruire qualcosa deve per forza andare all’estero?Io non dovrei essere una frana con i conti ma a volte gli stipendi sono un mistero praticamente mi è arrivato lo stipendio più i premi di un anno dimezzati dalle trattenute !:allora Retribuzione 2758,23+vari ……..VCP anno prec. 3300,00totale contributi 621,83IRPEF 1848,61Totale trattenute 2483,42Netto a pagare 3574,00 (tot competenze 6058,23)non è possibile che con 3300 euro abbia passato lo scaglione di 55000 con un fisso lordo annuo di 38000, e quindi abbia subito un conguaglio, come è possibile perdere più del 41%?Ma soprattutto merita farsi il culo un anno per perdere tutto in tasse o mettersi in proprio e fare il nero?PS se faccio un mutuo casa posso scaricare?

  153. @eumareimpossibile poter dare una spiegazione con così pochi dati a disposizione, l’aumento della tassazione e la conseguente diminuzione della pensione potrebbe essere imputabile a diversi fattori molti dei quali una tantum o compensazioni…puoi fare i calcoli personalmente tu attraverso gli strumenti messi a disposizione nei link di questa pagina o in alternativa rivolgerti ad un caf, o ancora chiedere un consulto ad un commercialista.Anche se l’importo è molto piccolo se non è una tantum, ripetuto nel corso degli anni diventa significativo e giustifica un controllo più approfondito, senza contare che potrebbe anche incrementarsi.Tienici aggiornati sui tuoi riscontri, ciao

  154. Mio padre ha visto, nella certificazione INPS 2009, crescere di 38 euro la ritenuta fiscale sulla pensione, aumentata di 10 euro, che è pertanto diminuita.E’ uno sbaglio o c’è una causa?

  155. Beato te caro Raffaele, spero che tu non abbia mai problemi nel tuo settore. Tornaci a visitare presto e ricordati di fare un po’ di link alle nostre pagine.ciao

  156. Faccio il fisioterapista in libera professione per una cooperativa e poi lavoro in privato. Attualmente sono nel regime dei minimi e stavo facendo due conti perchè ci stò un pò stretto. Fortunatamente in sanità la crisi non si sente granchè, almeno per ora!!Grazie ancora delle spiegazioni!!!!

  157. Grazie mille!! Stò facendo due conti sull’accettare o no una proposta lavorativa, ma credo che la accetterò!!Con 25,72% intendo i contributi previdenziali.Saluti Raf

  158. Cara Viviana,hai ragione, è triste vedere l’inconsistenza e l’inettitudine della nostra classe dirigente, ma spetta a noi fare in modo che le cose possano cambiare in meglio.Credo che insieme possiamo fare tanto, sicuramente più di quello che crediamo possibile, anche più di quello che possiamo immaginare.La casta è tale solo perchè la società sottostante glielo consente.I valori della cultura, della conoscenza e della solidarietà possono fare tanto e cambiare radicalmente l’attuale degradante situazione 😉

  159. Ciao Raffaele, non capisco bene la ragione di quel 25,72% di contributi… Cosa intendi esattamente con contributi? La tassazione irpef, i contributi previdenziali o ancora le ritenute d’acconto?Comunque in generale se il tuo reddito annuo è di 45.000 e hai detrazioni pari a 6.000, l’imponibile irpef è di 39.000 e la tassazione irpef è di 6.960 + 38% sulla parte eccedente i 28.000 euro ossia 6.960 + il 38% su 11.000 = 6.960 + 4.180 = 15.180 di tassazione irpef.Complimenti per il tuo bel compenso annuo, in bocca al lupo x tutto 😉

  160. Sono una frana con i conti e ti chiedo di aiutarmi in un calcolo:se io percepisco 45000 euro annui come libero professionista, e devo pagare 25,72% di contributi, quanto sarebbe il mio reddito annuale tolti circa 6000 euro di detrazioni???Help

  161. Ciao Francesca,mi sento di rassicurarti, per fortuna non è come tu paventi nel commento. Quello che percepisci in busta paga è già tassato secondo le aliquote sopra elencate. E non viene assolutamente tassato una seconda volta.Tu andrai a pagare solo le tasse relative alle entrate extra (fuori dalla tua busta paga) secondo le aliquote raggiunte sommando tutte le entrate.Ma attenzione le eventuali altre entrate, affitti, compensi extra et similia non si vanno a sommare su quanto percepisci in busta paga (compensi netti) ma su quanto la tua azienda paga per il tuo lavoro (compensi lordi).Chiaramente il compenso lordo è una cifra molto più alta rispetto al compenso netto, questo il motivo per cui l’aliquota delle tue rendite extra è maggiore rispetto all’aliquota che si avrebbe sommando gli importi relativi alle tue buste paga.Spero di essermi spiegata in modo sufficientemente chiaro, ciao!

  162. Scusate ma le tasse non si pagano già in busta paga??? Quindi se ho ben capito il mio reddito netto della busta andrebbe a sommarsi su un piccolo affitto che percepisco??? Ma in questo modo non si pagano le tasse doppie???Che scandalo!!!

  163. sì Viviana abbiamo una classe politica di inutili parassiti. Purtroppo non conosco una risposta certa alla tua domanda. Credo però che un nuova coesione della parte buona della società sia l’unica strada per fronteggiare questo branco di delinquenti in giacca e cravatta sartoriali.C’è tanta brava gente in giro, in gamba e onesta, piange il cuore vedere come la loro fiducia e il sudore della loro fatica venga tradito dal nostro ceto dirigente.In giro su questo blog ho letto di consapevolezza sociale… sì sono d’accordo anche io, solo se la nostra società acquisisce un maggiore consapevolezza e coscienza di sè può dare un calcio nel sedere a questa vergognosa classe politica e dare inizio al cambiamento.

  164. anto, fai attenzione perchè le cose non stanno proprio così come te le hanno dette. irpef va solo ed esclusivamente in funzione del tuo reddito, chiaramente se fai più ore è logico che tu possa salire di scaglione dunque avere una trattenuta maggiore in busta paga, ma da qui a perdere 400 euro in un mese solo è proprio impossibile soprattutto se il tuo compenso è di 6.8 euro all’ora.Ti invito a verificare tu in prima persona quanto ti ho detto facendo i calcoli a partire dalla tabella riportata in questo post. E’ molto semplice e ben schematizzata. Chiaramente i calcoli devono essere fatti su base annuale, ma comunque sia non sigiustifica una trattenuta di quel genere. ;)in bocca al lupo caro Anto.

  165. bel sito!ma io non capisco perchè a me il mese scorso mi hanno decurtato 400 euro di irpef dicendomi che ho lavorato troppo e che le aliquote vanno in base alle ore mensili lavorate.Ora…… io faccio l’operatore sociale prendo 6.80 l’ora mortacci loro!!!!!

  166. Beh sono fra i tanti finiti licenziati dalla crisi economica, quella che secondo il nostro premier non doveva arrivare se gli italiani avessero continuato a spendere…probabilmente nessuno l’ha ascoltato perchè la crisi è arrivata e ora sono senza lavoro.l’unica consolazione che ho è che non avendo praticamente redditi per quest’anno i politici ribarranno a bocca asciutta con mepurtroppo è una magra consolazione, ma almeno io non ho figli e famiglia a cui dover provvedere… alcune mie colleghe licenziate come me hanno figli e una non ha nemmeno il marito che le possa dare una manoe per fortuna questo governo doveva aiutare le famiglie…

  167. ah ahtra due settimane andrò a lavorare all’estero mi sa che per quest’anno i politici italiani non berranno il mio sangue.Farò di tutto per rimanere fuori Italia, secondo la tabella io andrei a pagare oltre 15mila euro in tasse. Gli stessi soldi sarebbero usati per foraggiare politici che ridurranno ancora più in miseria l’Italia.Vi saluto!

  168. eh-eh a giugno eleggeremo gli euro-papponi, chissà qual’è la percentuale di irpef che va agli europapponi…Mannaggia che peccato, l’italia è un così bel paese, con tante brave persone per le quali sono ben lieto di pagare tutte le aliquote irpef del mondo!!! e invece vanno tutti a ‘sti parassiti che poi prendono decisioni per parassitarci ancora di più e loro ancora più bisboccia!!!E se emigro all’estero… l’ipef si paga lo stesso?Però non voglio fare la figura di Valentino Rossi io me ne vado perchè sono esasperato della mala politica e della miseria in cui sono costretti a vivere i miei connazionali per nutrire degli avidi e grassi politici!So già che mi censurete, ma almeno mi sono sfogato e magari qualcuno mi avrà letto prima dell’oblio coatto!!!

  169. Ah ah verissimo Mauro,ma sarebbe sufficiente che se ne andassero dall’Italia, si starebbe più larghi e tutti meglio.Sia in gamba ragazzi, complimenti per il blog, informazioni utili e preziosi!

  170. C’è poco da fare le tasse van pagate, il problema è come vengono spese.il punto è che abbiamo una classe politica che fa penase più onesti lavoratori entrassero in politica e più politici andassero a lavorare si starebbe tutti meglio!

  171. Sì Licia, siamo proprio dei Fessi!Il fatto è che ai miei tempi non c’era ne il grande fratello ne i tronisti e così ho dovuto fare l’ingegnere, e mi tocca pure dare la metà di quel poco che guadagno a questa classe politica…datemi una corda che la faccio finita 🙁

  172. Urka, però quanti soldini si prende la mia nazione dalla mia busta paga!!!Tutti soldi che vanno a mantenere una pletora di politici avidi ed incapaci…Che tristezza!!!Sono abbattuta per tutti quelli come me che hanno studiato, lavorato e sudato tanto per poi alla fine farsi prendere in giro da una casta di parassiti profittatori!

Rispondi a federica Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.