Credit default rating: investire in obbligazioni ad alto rendimento e rischio

4168938666_5088e01155_b.jpgSì, investire in obbligazioni ad alto rendimento significa fare investimenti ad alto rischio.

Purtroppo ci si rende conto di questa banalità solo in occasione di default o di clamorose bocciature delle agenzie di rating.

E’ accaduto nel passato più o meno remoto con Argentina e Islanda. E’ accaduto qualche settimana fa con Dubai. Sta succedendo ora con Grecia, Venezuela e forse Portogallo, Irlanda, Spagna e perchè no Italia.

Ma allora ha senso rischiare i propri risparmi per pochi punti percentuali di interesse?

Domanda ardua e controversa a cui è impossibile dare una risposta valida in tutti i casi. Nei prossimi post affronteremo questo tema sotto diversi aspetti e da differenti punti di vista.

Iniziamo subito con la testimonianza del nostro lettore Luca. Luca investe nel mercato delle obbligazioni ad alto rendimento e vola là dove nemmeno le aquile osano volare.

Dunque direttamente dal tetto del mondo dell’investimento ad alto rischio ecco la testimonianza di Luca:

 

Se ho venduto titoli in perdita?

Certo che sì, l’ultimo proprio pochi giorni fa’ intorno al 19 di novembre. Le sue generalità VENEZUELA 15.09.2027 9,25% acqistato circa un mese prima a 74,30 e rivenduto a 73,00 perchè quel giorno perdeva il 4% con scambi di oltre 3milioni di $ contro i soliti 200/300 mila $. Erano alcuni giorni che cercavo di capire perche’ i titoli Venezuela continuassero a perdere leggermente, mentre sulle analoghe scadenze MESSICO o TURCHIA tendevano addirittura a guadagnare, comunque quel segnale fortemente ribassista mi ha fatto vendere rimettendoci un 6% dovuto al cambio eur/usd.

Solo alcuni giorni dopo ho imparato quello che stava accadendo, ma io ero gia’ fuori.

In passato direi nel 2005 su GM 03LG13 ho perso un 9% in 4 mesi,con FORD MCO 01AP13 ho lasciato un 5 % in circa 10 mesi. Queste vendite a volte si fanno anche solo per accumulare un po’ di minusvalenza prima di venderne altri in guadagno, poi in seguito si rientra sul titolo venduto in perdita.

Come default invece ho avuto la “fortuna” di evitarli 2 volte. Per prima l’Argentina che avevo acquistata a circa 97,00 , era calata a 90,00 quasi subito, ho atteso circa un anno e alla prima cedola ho venduto facendo una patta, poi dopo pochi mesi il fattaccio.

Per seconda l’Islanda, avevo un sacco di titoli BEI in corone ISK anche in questo caso vendute perchè non mi davano nessuna soddisfazione extra in quei momenti , e sono passato ad altro piu’ renumerativo.


Se dicessi che sapevo dei default sarei bugiardo, ecco perche’ ho scritto che ho avuto “fortuna .
Vorrei aggiungere che secondo me’ quando fai una scelta rischiosa con passione e con forte motivazione ha gia’ dalla tua parte un poco di fortuna, mentre se la fai solo per fare shopping devi pregare veramente alla fortuna.

Vorrei raccontarti un situazione molto interessante che mi ha fatto’scattare la molla’.

Era il 1997 dovevo fare un investimento , e uno di mestiere mi ha convinto ad aquistare il titolo JP morgan ZC 21/01/27. Ho passato 12 mesi a pensare perche’ questa scelta di un 7% anno per 30 anni quando un bot a 12 mesi rendeva oltre l’8%.


Nell’aprile 1998 la risposta e’ venuta da sola: chi aveva acqistato il bot all’8% ora lo avrebbe rinnovato ma al 5% ,chi aveva acquistato il JP Morgan a 11,30 ora lo poteva rivendere a 19,00 con un guadagno del 68% tutto grazie al calo dei tassi. NB. io ho venduto.

Questo esempio per rendere l’idea di come una banale obbligazione (grazie alla sua precisa caratteristica) presa al momento giusto possa amplificarti i risultati dandoti grandi soddisfazioni.

Investire in obbligazioni

A seguire una sintetica raccolta di articoli sull’argomento:

Come e dove investire

Investimenti sicuri: 3 regole d’oro

Rischio obbligazioni Grecia e Irlanda

Archivio rendimenti bot

Archivio investimenti

Rischio paese: Dubai, Grecia, Irlanda, Venezuela, Ucraina sono paesi a rischio default? Alcuni sì altri no. La testimonianza di un investitore in obbligazioni ad alto rendimento e rischio.

Credit default rating: investire in obbligazioni ad alto rendimento e rischioultima modifica: 2009-12-09T20:19:00+01:00da giulia.gossip
Reposta per primo quest’articolo

12 pensieri su “Credit default rating: investire in obbligazioni ad alto rendimento e rischio

  1. Sì caro amico, hai scritto bene: operare nel forex richiede attenzione e tempo per seguire le dinamiche del mercato e coglierne le opportunità.Dunque è un mercato impegnativo poco indicato a chi piace fare un investimento e lasciarlo fermo in attesa di un rendimento.Però il Forex ha anche molti vantaggi, fra i quali l’elevato potenziale di guadagno (ma anche di perdita), la possibilità di operare 24h, la liquidità e la maggiore trasparenza rispetto a mercati azionari come la borsa di Milano.Considera anche che un’obbligazione può andare in default, un fondo può chiudere azzerando il capitale, un’azione può arrivare a zero in caso di fallimento della società, etc. etc. Mentre le valute possono solo salire o scendere, mai andare a zero.In generale se non puoi controllare frequentemente la dinamica dei cambi ti sconsiglio questo genere di investimento, per te è sicuramente più indicato l’investimento obbligazionario.

  2. Mi chiedevo se il mercato forex sia più affidabile. Ho capito, più o meno, come funziona ma ho l’impressione che sia necessario investire forti somme e seguire in maniera maniacale le quotazioni. Una volta al giorno potrebbe essere troppo poco per approfittare in maniera tempestiva delle fluttuazioni.Che ne dici?

  3. Ciao giuseppe, sì 150 euro di rendita annua su un capitale di 15.000 euro è proprio pochino, ti consiglio di scaricare il consulente fannullone e di optare per un buon portafoglio obbligazionario. Il 4-5% annuo è facilmente raggiungibile (è circa 4 volte il tuo rendimento).Prendi anche una piccola parte in obbligazioni high yeld, per quest’ultime puoi raggiungere rendimenti sino al 6% senza correre grossi rischi.Mentre se vuoi correre rischì ci sono le obbligazioni Greche che rendono più del 10% annuo… ma qui il rischio esiste ed è concreto. Consiglio questo genere di obbligazioni solo a investitori esperti e/o che fanno trading con le obbligazioni.Dato che non mi sembra essere il tuo caso, meglio se per iniziare investi solo in obbligazioni AAA o AA.Buon divertimento, ciaops: sostieni la nostra iniziativa segnalando questo blog ad altri, più siamo e più possiamo aiutarci a vicenda 🙂

  4. salve,sono giuseppe dopo avermi fidato di un consulente visto che io non ci capisco quasi nulla,investendo 15mila euro in obbligazioni alla fine dopo un anno ho guadagnato 150 euro sono pochi ma come devo fare per quadagnare qualcosina in piu’ pur aspettanto 5 anni ?ciao grazie.

  5. Oggi giornata molto volatile per i bond della grecia.Personalmente oggi ho aquistato un paio di bond 2011 e 2012 ma davanti ad un guadagno in poco piu’ di 1 ora del 7/10 % non ho resistito ed ho venduto, preferendo dormire tranquillo visto che non ho ancora le idee chiare sulla situazione.Quanto riguarda i saldi oggi sicuramente intorno alle 10,00 abbiamo toccato dei prezzi veramente bassi , pero ci saranno parecchie altre occasioni ma facciamo molta attenzione perche tutto puo accadere ed il rischio e’ ancora molto alto.Penso sara’ l’inizio di una stagione molto volatile anche sui bond Portogallo Spagna e perche’ no’ anche i nostri carissimi bot e btp.Questi momenti di forte incertezze creano significativi storni anche su tutti i bond piu’ vulnerabili quinti vedrai si andranno a creare nuovi momenti per rientrare anche su bond di altri settori,dando la possibilita’ di crearsi un portafolio ad alto rendimento.buon lavoro a tutti…

  6. Ciao Luca, ti seguo sempre nei tuoi interventi e ne concordo al 100% lo spirito. Complimenti per la tua strategia e per il tuo coraggio.Attualmente sei impegnato sulla Grecia? Io sì con 10 mila euro e vorrei portarlo a 15 mila.Credo che questi siano gli ultimi giorni di saldi e poi o va in default o inizia a riprendere quota. Entro maggio credo si decideranno le scellerate sorti della Grecia nel bene o nel male.Che ne pensi tu?

  7. Finalmente un po’ di movimento nell’obbligazionario oramai schiacciato dai bassi rendimenti.Oggi tocca alla Grecia essere vittima delle forti speculazioni e a noi trader pazienti cercare di dare qualche zampata vincente.Adesso e’ ora di togliere i soldi dal conto deposito e di buttarsi nella speculazione cercando di fare buoni profitti. Se la Grecia andra’ in default o no’ non lo so’ (sicuramente per il 75% no)pero io sono pronto per la sfida come sempre…

  8. @ PER ENRICO DA ROMAProva a rifare i conti sul VENEZUELA oggi, e calcola quanto avresti quadagnato se solo invece di spaventarti per nulla ,avessi avuto un po’ di fegato e di propensione al rischio calcolato.Conosco persone che anno in portafolio Venezuela 2027 a 110/120 pensa che sofferenza in questi anni,tu invece hai avuto la fortuna di averlo avuto davanti agli occhi a 68/70 e ti sei fatto sfuggire una occasione forse irripetibile per lungo tempo.IO non so se un titolo andra’ in default (anche se e’ piuttosto facile prevedere i probabili titoli a maggiore rischio)se sta’ toccando un minimo o un massimo,ma operando come faccio io raramente mi sbaglio…

  9. cara crisi finanziaria, luca parla bene. lui è un competente esperto, ma io eviterei di prenderlo ad esempio o di pubblicare i suoi consigli al lettore indistinto. e’ un po’ come regalare una ferrari ad un neo-patentato. certo lo si fa sognare, esultare e gioire, ma spesso si trasforma in una condanna a morte… intendo dire che io comprendo bene quello scrive luca, ma dal capirlo a metterlo in pratica ce ne passa. come si fa a capire quando è arrivato il momento di comprare e quando di vendere? e soprattutto come si fa a sapere se la crisi dell’obbligazione è passeggera e non si trasformerà in default? per quello che sono le mie conoscenze è impossibile. ho provato a seguire alcune obbligazioni con le caratteristiche di cui parla luca. ma alla fine ho desistito. e sono lieto di averci rinunciato. spiego il caso specifico. avevo puntato i miei occhi sull’obbligazione venezuela 30 anni. mi sembrava ottima, quotazioni basse (79-80) interessi alti e una certa tendenza a salire. infatti giorno dopo giorno era passata da 79 a oltre 81. stavo per comprare quando ha iniziato lentamente a scendere. allora mi sono fermato e ho deciso di vedere dove andava a finire. ebbene dopo pochi giorni si è messo a scendere violentemente, prima 78 poi 75 poi 70 e infine 68!!! ma vi rendete conto! stavo per investire 10 mila euro e nell’arco di un paio di settimane mi sarei trovato con meno di 8.500 euro! Ora staziona poco sopra i 70 euro, può anche salire un po’ ma comunque sarebbe stato un investimento in perdita e sempre con la spada di damocle del default sopra la testa. no per me non vale proprio la pena operare come dice luca a meno che non si sappia che il default non avverrà o che si è toccato il fondo e il titolo non può che salire. cosa che credo nemmeno luca sa.spero che diate al mio intervento lo stesso risalto dato a luca. vi ho linkati, grazie

  10. Volevo soltanto fare un commento approfondito,e non dare proprio una risposta alla domanda fatta da CF “Ma allora ha senso rischiare i propri risparmi per pochi punti percentuali di interesse?Le obbligazioni a basso rating quindi ad alto rischio,passano molto tempo della sua vita con pochissimo spread nei confronti di obbligazioni di buon rating.Esempio titolo AAA o AA rendita 4% titolo BB o B rendita 5% vi sembra poporzionato? I rischi che si corrono in questo esempio rimangono circa gli stessi di quando si aquista con differenze di spread anche molto superiori.Purtroppo “noi comuni mortali”quando vediamo che tutto va’ bene tendiamo ad acquistiare, e quando va male a tremare o a vendere,ma purtroppo e’ tutto il contrario.Cioe’ e’ normale quando il titolo va male ed e’ anormale quando e’ troppo quotato per colpa di tanti fattori ,ma di fondo il titolo e le aspettative su di lui sono sempre le stesse ” spazzatura”.E’ giusto acquistare “spazzatura” per un 4% ? o e’ meglio acquistare per un rendimento del 7% ? Io onestamente vi consiglio di non fare cassetto di questi titoli ,ma di tenere la vostra liquidita’ in rendimax o conto arancio e di acquistare quando i rendimenti di questi prodotti vanno a 20/30 o anche 60/100%,perche’ fidatevi il rischio che correte e’ lo stesso, anzi rimanendo meno sul questo mercato altamente altalenante e speculativo rischierete meno.Il mercato obbligazionario puo darvi molto di piu’ dell’azionario e con meno rischisi possono ottenere dei 30/40% comodamente ed anche dei 3/4% in due tre giorni ,che ricordo corrispondono ad un 360/500% su base annua. Non bisogna mai investire soltanto perche’uno ha i soldi disponibili in un tale momento ,ma quando si presenta una buona opportunita’ . Ammetto che per fare questo occorre molta freddezza ,molta conoscenza e molto tempo da dedicare al mercato ma fidatevi alla fine soffrirete meno e le soddisfazioni non mancheranno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.