Osservatorio prestiti personali on-line: tassi d’interesse e crisi economica

prestiti-personali.jpg

Eccoci al periodico aggiornamento sui tassi d’interesse praticati da banche e finanziarie su finanziamenti e prestiti personali offerti on-line.

Ricordi? Neanche 6 mesi fa salutavamo con favore la riduzione dei tassi d’interessi determinata dalla crisi finanziaria e dalla conseguente crisi economica, identificandolo come uno dei pochi effetti positivi seguiti alla tempesta finanziaria.

Infatti nell’ulimo anno il tasso BCE, il principale indice di riferimento europeo sui prestiti a breve, è sceso vertiginosamente rispetto al suo andamento tradizionale arrivando a segnare il suo minimo di tutti i tempi. Dal suo massimo di agosto 2008 di 4,25% il tasso BCE è sceso sino all’1%, valore di minimo su cui si è assestato da oltre 3 mesi e sembra destinato rimanervi ancora per un bel po’ di mesi (molto probabilmente tutto il 2009 e qualcosa del 2010).

A ruota l’ha seguito il tasso Euribor, il tasso di riferimento dei prestiti interbancari a breve, che è passato da oltre il 5,3% (Euribor 3m di ottobre 2008) allo 0,86% (Euribor 3m agosto 2009) minimo record di tutti i tempi.

Purtroppo non altrettanto si può dire sia avvenuto per i tassi d’interesse dei prestiti personali… Che sebbene abbiano ripiegato significativamente dai massimi delle scorso autunno non sono scesi neanche lontanamente con gli stessi ritmi e vigore.

Attualmente i migliori i tassi sui finanziamenti on line vedono un TAN che oscilla fra il 5,5% e il 6% se vincolati all’acquisto di un bene strumentale, di un veicolo o alla ristrutturazione di un’immobile. Mentre il classico prestito personale in contanti ha un TAN minimo che va dal 10% all’11%. Assurdo… anzi è più appropriato dire scandaloso!

Rispetto agli inizi del 2009 i tassi dei prestiti personali sono scesi di pochissimo soprattutto se rapportati all’euribor e al tasso BCE.

Come mai questa disparità di andamento fra tassi che in teoria dovrebbero essere fondamente correlati?

La cause sono diverse, fra queste c’è proprio la crisi del credito, ma per l’Italia la principale causa è la scarsa concorrenza del mercato del credito al consumo. Infatti gli istituti di credito hanno formato un tacito cartello con alti tassi e variazioni minime fra le offerte dei diversi competitor del settore. Gli stessi istituti di credito stranieri che in altri paesi della comunità europea praticano tassi molto più bassi quando sono sbarcati in Italia si sono rapidamente adeguati agli standard italiani.

Purtroppo a poco sono serviti i timidi ammonimenti dell’autority italiana alla concorrenza, quelli di Bankitalia e dello stesso ministro dell’Economia Tremonti.

In Italia i tassi dei prestiti personali continuano a vivere di vita proprio rispetto ad euribor, al tasso BCE. E nemmeno il confronto con le condizioni dei finanziamenti praticati in altri paesi della comunità europea scoraggia gli operatori dal tenere alti i tassi d’interesse.

Infine lo studio conferma che per poter accedere ai prestiti personali più vantaggiosi è necessario essere buoni pagatori, essere dipendenti a tempo indeterminato e avere un alto profilo di merito creditizio. In caso contrario ci si dovrà accontentare di prestiti con tassi sino a 2 punti percentuali superiori ai minimi.

Purtroppo le stime per per il prossimo futuro non prevedono nemmeno significativi ribassi, i migliori prestiti personali difficilmente scenderanno sotto al TAN del 5,5%.

In questa pagina trovate la rassegna dei finanziamenti e dei prestiti personali on-line più convenienti aggiornata giornalmente con il link al raltivo sito web ufficiale.

Tassi Euribor in tempo reale

Per conoscere tutti i tassi Euribor di oggi vai a questa pagina: “I tassi Euribor di oggi aggiornati in tempo reale“.

Tassi Eurirs in tempo reale

Per conoscere tutti i tassi Eurirs di oggi vai a questa pagina: “I tassi Eurirs di oggi aggiornati in tempo reale“.

Altre risorse utili

Rapporto aggiornato sulle migliori offerte di finanziamenti e prestiti personali on-line. Lo studio è aggiornato periodicamente e prende in considerazione i preventivi di prestiti personali offerti on-line dalle principali banche e finanziarie operanti sul territorio italiano.

Osservatorio prestiti personali on-line: tassi d’interesse e crisi economicaultima modifica: 2009-08-17T17:43:00+02:00da giulia.gossip
Reposta per primo quest’articolo

24 pensieri su “Osservatorio prestiti personali on-line: tassi d’interesse e crisi economica

  1. bravo endycap ha me e’ successo la stessa cosa, praticano interessi e commisioni molto alte rispetto ad altre finanziare e poi i prospetti informativi sono difficili da interpretare, ti accorgi della cosa solo alla fine quando riscuoti il netto.PS. attenzione non firmate mai il contratto in bianco vi diranno tanto sai quando ricaverai, lo compiliamo poi

  2. be cosa dire, si decantano le grandi finanziare nello specifico:Pitagora spa.Adesso vi illustro quello che e capitato a me:necessitavo di una cessione sulla pensione inps tanti bei discorsi, alla fine mi son fidato e cosa mi va a capitare:su di una cessione di euro 449 mensili x 10 anni la “grande” pitagora eroga rispetto ad altre finanziare la bellezza di circa 9000 euro in meno. meditate gente non rivolgetevi alla suddetta.

  3. Concordo con Anna Maria, meglio rivolgersi a finanziarie serie. E soprattutto confrontare il maggior numero di offerte a partire da quelle on-line, per esperienza personale posso dire che sono quasi sempre le più vantaggiose 🙂

  4. Buongiorno…scoprp per la prima volta questo blog…indovinate un pò di cosa mi occupo? :)di cessioni del quintoooooooooooooooooooooooooo…che dirvi…la crisi? Secondo me non esiste…in questi ultimi 2 anni i miei occhi vedono di tutto…e la parola d’ordine è sempre e solo una: SOLDI $$$$!!!!Ad ogni modo concordo con chi più in alto scriveva che se bisogna chiedere un prestito è pur sempre meglio rivolgersi alle grandi agenzie…lì almeno si ha qualche certezza in più di trovare personale qualificato…e poi in Agenzia si risparmiaaaaaaaaaa.Alla prossima

  5. Su una cosa sono sicuro… per i prestiti personali bisogna rivolgersi ad agenzie grandi e affidabili… ora in giro si vedono piccole finanzirarie sbucare come funghi… io lascierei perdere… non che non ci sia da fidarsi ma per certe cose chi ha un nome e si appoggia a grosse banche è molto più affidabile!

  6. Ciao vicking74, dipende dalla durata del prestito e dalla formula scelta dall’erogatore del prestito. In generale per prestiti a breve e medio termine si utilizzano i vari euribor (1,3,6,12 mesi) ma i prestiti a rata e durata fissa sono indicizzati all’eurirs, spetta a te decidere cosa più ti conviene fare.Ti consiglio di verificare un po’ di promozioni on-line, in questo modo farai esperienza senza rischiare di sbagliare e senza impegno di sorta, inoltre potrai verificare e confrontare i vari tassi applicati 😉

  7. Ciao Paolo da Udine,condivido la risposta di Ferdi da Palermo.In sintesi per le attività imprenditoriali esiste una miriade di strumenti di finanziamento: dall’anticipo fatture (castelletto), al semplice fido sullo scoperto o ancora al leasing sui beni strumentali, etc etc.Inoltre esistono speciali agevolazioni del comune e della regione in funzione dell’età del sesso degli imprenditori o della tipologia dell’impresa.Poi ci sono i bandi di finanziamento europei, che in generale richiedono la collaborazione con altre società o enti appartenenti alla comunità europea.Mentre se il tuo è il caso di un’attività non ancora avviata ossia senza p.iva gli strumenti di finanziamento si riducono essenzialmente a tre:1) Amici e parenti (da utilizzare con estrema parsimonia e raziocinio);2) Prestiti personali di finanziarie;3) Fido su conto corrente.In realtà ne esiste anche una quarta ossia particolari bandi locali sulla nuova imprenditoria, tuttavia i tempi di liquidazione del finanziamento si allungano sensibilmente e le possibilità di ottenerlo si riducono altrettanto sensibilmente.

  8. @ Paolo,uhm esistono diversi modo per finanziare nuove iniziative imprenditoriali, però in effetti se l’importo è piccolo tipo 10mila euro ed è solo una prova ossia non hai una srl o una partita iva, sicuramente il prestito personale è il modo più semplice e veloce.ciaooooo

  9. Sì ogni tanto ci sono offerte speciali sino al 5%, ma con particolari limitazioni.Io cerco un finanziamento da 10 mila euro per avviare un’attività di prova. E’ una buona idea utilizzare lo strumento dei prestiti personali o mi consigliate altro?A chi mi potrei rivolgere?Grazie di tutto siete grandi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.