Ing Direct: nuove condizioni per Conto Arancio. La banca della zucca taglia i tassi d’interesse

1230561743.jpg“Mai così bassi i tassi d’interesse di Ing Direct!” protesta nella sua e-mail Andrea, cliente storico di Conto Arancio.

Sì, alla fine anche Conto Arancio di Ing Direct reclina il capo e si adegua all’ultimo taglio dei tassi d’interesse della BCE.

I numerosi clienti di Conto Arancio non hanno preso molto bene la notizia del nuovo taglio. Già ora il tasso base è alquanto risicato e questa nuova decisione renderà il conto di deposito di Ing Direct ancora meno attraente.

Ing Direct applicherà i nuovi tassi d’interesse da venerdì 5 giugno. Le nuove condizioni si conserveranno immutate almeno per tutta l’estate… sempre che ulteriori scombussolamenti non irrompano sullo scenario mondiale della finanza. Ormai tutto può succedere… ma non esageriamo.

Dunque ecco i nuovi tassi in vigore a partire dal 5/6/2009:

  1. Tasso d’interesse base Conto Arancio: 1,50%
  2. Tasso d’interesse Arancio+ per depositi vincolati da 5.ooo a 50.ooo euro: 2,25%
  3. Tasso d’interesse Arancio+ per depositi vincolati da 50.ooo a 100.ooo euro: 2,50%
  4. Tasso d’interesse Arancio+ per depositi vincolati oltre 100.ooo euro: 2,75%

C’è però una buona notizia le numerose offerte promozionali di Ing Direct non subiranno variazioni di sorte, ossia chi attualmente usufruisce di tassi speciali continuerà a beneficiarne sino alla naturale scadenza della promozione.

Codice Amico Conto Arancio

Novità: Ing Direct ha appena lanciato una nuova promosione chiamata Codice Amico Conto Arancio che ti permette di guadagnare 50 euro in ricariche telefoniche ogni amico che presenti a Ing Direct.

E se ancora non sei cliente Ing Direct, utilizza il codice amico di Crisi Finanziaria:

REC7LCA31

Avrai tutti i vantaggi della promozione in corso e otterrai la massima visibilità del tuo Codice Amico.

Per iscriverti è sufficiente andare sulla pagina della promozione Codice Amico di Conto Arancio e inserire il codice REC7LCA31. Per maggiori informazioni visita la pagina promuovi il tuo Codice Amico Ing Direct.

Buongiorno, sai la novità? Ing Direct il prossimo mese varierà i tassi d’interesse a tutti i clienti di Conto Arancio. Ecco come e quando variareranno.

Ing Direct: nuove condizioni per Conto Arancio. La banca della zucca taglia i tassi d’interesseultima modifica: 2009-05-07T13:16:00+02:00da giulia.gossip
Reposta per primo quest’articolo

8 pensieri su “Ing Direct: nuove condizioni per Conto Arancio. La banca della zucca taglia i tassi d’interesse

  1. domanda a CRISI FINANZIARIA: ho circa 30.000 Euro da far fruttare al meglio: quali sono i conti di deposito web che offrono attualmente condizioni migliori di Conto Arancio?Grazie in anticipo per la rispostaMario

  2. Sì Dario, la tua analisi coincide con la mia, l’abbassamento dei tassi di interesse è un movimento generalizzato su tutti i conti di deposito italiani e in generale europei.E certamente il movimento è pilotato dal tasso overnight della BCE che è al minimo storico di tutti i tempi.Per correttezza di cronaca va anche segnalato però che il tasso d’interesse base di Ing Direct non è purtroppo fra quelli più vantaggiosi in Italia, infatti ci sono vari altri conti di deposito che offrono condizioni base migliori.Non era così ai primordi di Ing Direct in Italia quando il suo tasso base era nettamente il migliore, per non parlare poi delle numerose promozioni che ne elevavano ulteriormente il valore.Speriamo che in futuro anche Ing Direct torni a primeggiare in questo campo anzichè buttare via i proventi dei nostri depositi in campagne pubblicitarie molto costose e di dubbio ritorno (vedi sponsorizzazione della Renault in F1).Ing Direct è un prodotto finanziario mediato prevalentemente sul web, forse sarebbe stato meglio investire più in pubblicità e visibilità sul web e meno in eventi sportivi o in costosi spot televisivi…Purtroppo questo non è stato l’unico errore commesso in casa Ing e forse nemmeno il più grave (vedi crisi mutui sub-prime).

  3. Il fatto che ING abbassi i tassi non può essere visto come un fattore negativo, perchè segue l’andamento della BCE,ovvero del mercato.Mi sarei preoccupato se non l’avesse fatto,per allettare ulteriormente i clienti(io lo sono da diversi anni) illudendoli…più tasso più rischio…Il mercato va sempre considerato…Bisogna stare calmi…e considerare tutti i fattori possibili…ING continuerà sulla strada correttamente,come ha sempre fatto. Ciao.

  4. Ciao Rosalba, questo singolo stralcio di contratto non è molto chiaro e soprattutto si presta a differenti interpretazioni, forse gli altri articoli del contratto ne disambiguano la formulazione.Le banche e le finanziarie giocano moltissimo sull’osticità e sull’interpretabilità dei loro contratti, e ancor di più giocano sull’inesperienza dei loro clienti.Innanzitutto ti consiglio di inviare tutte le tue comunicazioni per posta raccomandata con ricevuta di ritorno, qualsiasi altra comunicazione non ha alcun valore legale… ad esempio per questa mia leggerezza ho perso 5.ooo euro…In secondo grado ti consiglio di far leggere il contratto a un legale o a un esperto di leasing, lui ti saprà consigliare per il meglio. L’atteggiamento della banca da te descritto è alquanto sospetto e poco corretto dato che nemmeno si degna di dare seguito alle tue richieste di informazioni.Cara Rosalba, tienici aggiornati sugli sviluppi della vicenda e ricordati di fare un po’ di link al nostro blog.Grazie, ciao.

  5. problema : una banca ha concesso in leasing finanziario un immobile . Nel contratto stipulato a tasso fisso , si legge:le parti si danno reciprocamente atto che il corrispettivo della locazione finanziaria -a richiesta dell’utilizzatore fisso per tutta la durata del rapporto- è stato determinato anche in funzione del valore assunto dalla quotazione dell’IRS corrispondente alla durata della locazione stessa (18anni), vigente al momento delle trattative ed indicato nella misura del 4,79%.laddove per qualsivoglia causa la quotazione dell’IRS alla data della sottoscrizione dell’atto di compravendita dell’immobile oggetto del presente contratto differisse in misura pari o superiore ad 1/20 di punto percentuale 0,05% da quella presa a riferimento di cui sopra , per evitare che detta circostanza possa rendere eccessivamente onerosa la prestazione di una delle parti, alla data della sottoscriz dell’atto si rileverà dal Sole 24 ore l’IRS puntuale e ,su richiesta della parte interessata si ricalcolerà l’ammontare unitario di ciascun canone periodico non ancora fatturato in funzione dello scostamento tra irs prescelto e quello rilevato dal quotidiano alla data della sottoscrizione .commento :sin qui sembrerebbe tutto limitato all’unico momento della stipulazione dell’atto , non più rivedibile nel tempo.Poi però si legge ancora : la richiesta da parte dell’utilizzatore dovrà essere fatta per iscritto e gli effetti della stessa sulla determinazione del canone periodico avranno decorrenza a partire dal canone non ancora fatturato ed immediatamente successivo alla data di ricezione della richiesta da parte del concedente . quest’ultimo da parte sua ,formulerà la propria richiesta direttamente con la fatturazione del canone aggiornato ,specificando l’irs preso a parametro per l’aggiornamento rilevato alla data e con le modalità indicate.domanda : l’aggiornamento vale solo alla sottoscrizione ? o può essere fatto anche nel tempo quando si verifica la variazione dell’IRS superiore ad 1/20 di punto?Da luglio 2008 l’irs è diminuito moltissimo e nonostante le mie richieste di adeguamento del canone , non mi hanno neppure risposto . Sarà immodificabile anche quando il tasso aumenterà????

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.