Richiesta del bonus sociale sulla spesa elettrica: la procedura e la documentazione per richiedere l’aiuto del governo contro il caro-bolletta dell’energia elettrica

bonus-stampa.JPGPer ottenere il bonus fiscale di disagio economico sulla spesa elettrica più comunemente detto bonus sulla bolletta elettrica occore presentare presso gli uffici proposti del proprio comune di residenza la seguente documentazione:

1) Fotocopia di un documento di identità del richiedente. Nel caso la consegna avvenga mediante delega, occorre anche la fotocopia di un documento di identità del delegato;

2) Modulo di “Istanza per l’ammissione al regime di compensazione per la fornitura di energia elettrica. Modulo A – Disagio Economico” opportunamente compilato e firmato dal richiedente. Puoi scaricare e/o stampare direttamente il modulo in oggetto cliccando qui: “Richiesta bonus elettrico per disagio economico“;

3) L’attestazione ISEE e/o la relativa certificazione Asl. Per ottenere tale documementazione è sufficiente presentare la Dichiarazione Sostitutiva Unica presso gli uffici ISE/ISEE dell’INPS o del CAF o di un qualsiasi altro ente erogatore di prestazioni agevolate.

E’ possibile rivolgersi al numero verde appositamente istituito dall’Autorità per l’Energia Elettrica ed il Gas: 800.166.654. Il servizio di assistenza ai cittadini è attivo dal lunedì al venerdì dalle 8.00 alle 18.00.

Per ulteriori chiarimenti inserisci la tua richiesta nei commenti di questo post. Risponderemo il più rapidamente possibile.

Infine, nella categoria bonus fiscali di questo blog puoi trovare informazioni sulle altre agevolazioni e contributi statali in vigore quest’anno.

Passo per passo le istruzioni per richiedere il bonus sulla bolletta elettrica relativo al 2008 e al 2009. Per ottenere il bonus di disagio economico sulla spesa elettrica occore presentare presso gli uffici proposti del proprio comune di residenza la seguente documentazione: 1. Fotocopia di un documento di identità del richiedente. Nel caso la consegna avvenga mediante delega, occorre anche la fotocopia di un documento di identità del delegato; . 2. Modulo di “ISTANZA PER L’AMMISSIONE AL REGIME DI COMPENSAZIONE PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA. MODULO A – DISAGIO ECONOMICO” opportunamente compilato e firmato dal richiedente. Puoi scaricare e/o stampare direttamente il modulo in oggetto cliccando qui: “RICHIESTA BONUS ELETTRICO PER DISAGIO ECONOMICO”; . 3. L’attestazione ISEE e/o la relativa certificazione Asl. Per ottenere tale documementazione è sufficiente presentare la Dichiarazione Sostitutiva Unica presso gli uffici ISE/ISEE dell’INPS o del CAF o di un qualsiasi altro ente erogatore di prestazioni agevolate. E’ possibile rivolgersi al numero verde appositamente istituito dall’Autorità per l’Energia Elettrica ed il Gas: 800.166.654 Il servizio di assistenza ai cittadini è attivo dal lunedì al venerdì dalle 8.00 alle 18.00. Per ulteriori chiarimenti inserisci la tua richiesta nei commenti di questo post. Risponderemo il più rapidamente possibile. Infine, nella categoria bonus fiscali di questo blog puoi trovare informazioni sulle altre agevolazioni e contributi statali in vigore quest’anno.

Richiesta del bonus sociale sulla spesa elettrica: la procedura e la documentazione per richiedere l’aiuto del governo contro il caro-bolletta dell’energia elettricaultima modifica: 2009-02-27T16:11:00+01:00da giulia.gossip
Reposta per primo quest’articolo

8 pensieri su “Richiesta del bonus sociale sulla spesa elettrica: la procedura e la documentazione per richiedere l’aiuto del governo contro il caro-bolletta dell’energia elettrica

  1. B. Giorno, vorrei chiedere cortesemente se abbiamo diritto anche noi dell’isola al bonusfiscale sulla bolletta della corrente elettrica avendo una centrale privata ( non Enel)ed una ditta privata per la fornitura del gas.Grazie tante

  2. salve,mi chiamo marta,ho 20 anni e ho attivato il contattore per l’enel.non lavoro e non posseggo reddito,volevo avere informazioni per ottenere il bonusgrazie

  3. Buongiono, mia madre e mia sorella stanno cambiando casa e stanno quindi stipulando un nuovo contratto di affitto (520,00€/mese). Mia madre (75 anni) percepisce una pensione al minimo che con la reversibilità di mio padre arriva sui 750,00€/mese, mia sorella svolge un lavoro dipendendente a domicilio con uno stipendio mensile netto di circa 800,00€. Per quanto riguarda il contratto di affitto, nell’ottica di poter accedere sia al discorso del bonus sulla bolletta elettrica che di quello per il pagamento dell’affitto messo a disposizione dal comune, è conveniente intestrarlo ad una sola delle due o a tutte e due?Grazie

  4. vorrei dei chiarimenti la dove fosse possibile,sono disoccupata da mesi e il mio compagno ha perso il lavoro da poco.abbiamo difficolta economica,non riusciamo piu a pagare l’affitto e tutte le spese riguardanti le bollette di gas e luce,io volevo sapere se avevo diritto a un aiuto di tipo economico e cosa devo fare e a chi mi devo rivolgere,grazie mille.

  5. Molto iinteressante.Sparerei anche questohttp://www.governo.it/Governoinforma/dossier/elettricita_bonus/e sulla destra c’è ancheDossier correlatiBonus famiglia Bonus vacanza Bonus auto e mobili Carta acquisti Ciao,Mario

Rispondi a Nello D'angelo Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.