Irs oggi: il tasso Eurirs aggiornato in tempo reale per il calcolo del mutuo fisso

I tassi Irs – Eurirs di oggi
aggiornati in tempo reale

Tasso interesse Euribor Irs Eurirs

 

Cos’è l’Irs e l’Eurirs?

L’Eurirs (da Euro Irs, acronimo di Euro Interest Rate Swap) nell’uso finanziario è il tasso per i contratti in derivati swap su interessi in Euro calcolato quotidianamente dall’EBF (European Banking Federation). Tecnicamente l’Eurirs indica il tasso di interesse medio al quale gli istituti di credito appartenenti all’EBF stipulano contratti swap a copertura del rischio di interesse. Mentre nella vita quotidiana l’Eurirs rappresenta il tasso di riferimento sugli interessi fissi.

La Federazione Bancaria Europea è un’associazione che raccoglie i 50 principali istituti di credito dell’unione europea, ed è indipendente dalle banche centrali dei singoli stati componenti l’unione europea e gode di piena autonomia anche rispetto alla Banca Centrale Europea (BCE). Eurirs e Euribor non sono indicizzati al tasso di sconto e alla politica monetaria decisi dalla BCE. Il valore dei vari tassi Eurirs sono fissati giornalmente e comunicati intorno alle ore 11 CET dall’EBF.

L’Eurirs è usato come tasso base per calcolare interessi fissi, come avviene per i mutui a tasso fisso stipulati nell’Unione europea. Infatti il tasso di interesse dei mutui a tasso fisso è calcolato a partire dal tasso dell’Eurirs relativo alla durata del mutuo più uno spread variabile a seconda dell’istituto bancario. Tipicamente lo spread varia da un minimo di +0,5% a un massimo di +3%.

Il valore del tasso Eurirs dipende dalla durata del prestito, non dall’ammontare del capitale. Come gli altri tassi di interesse, in generale, maggiore è la durata del prestito, e maggiore sarà l’EurIRS da applicare.

Perchè viene utilizzato questo genere di tasso? Perchè nei prestiti a tasso fisso, il creditore subisce un rischio di mercato, legato a una variazione dei tassi di interesse. Se i tassi di interesse scendono al di sotto del tasso capitale, al quale è stato stipulato il mutuo, la banca guadagna. Viceversa, se i tassi di interesse salgono al di sopra dell’interesse al quale viene ripagato il debito, la banca subisce una perdita, pari alla differenza fra i due tassi. In termini finanziari, un mancato guadagno è equivalente a una perdita secca.

Per tutelarsi dal rischio di una perdita per un rialzo dei tassi di mercato, la banca stipula dei contratti in strumenti derivati, gli swap.

Il prezzo di questi derivati può essere espresso come interesse percentuale sull’ammontare dei prestiti a tasso fisso “riassicurati”. L’IRS è il tasso di interesse al quale le banche ottengono gli swap, ed è una media degli interessi applicati agli swap pesata per i volumi di scambio. L’EurIRS è la variante del tasso IRS calcolata per il mercato europeo, fra le 50 principali banche dell’UE facenti parte dell’EBF.

Il corrispettivo dell’Eurirs per gli interessi a tasso variabile è l’Euribor, ho preparato un post ad hoc dove spiego in dettaglio cos’è l’Euribor.

Consulta il tasso Irs Eurirs di oggi, aggiornato in tempo reale. Calcola la rata del tuo mutuo a tasso fisso e confrontala con le migliori offerte del mercato qui segnalate. La parola d’ordine è rinegoziare il muto a condizioni migliori! Ma cos’è esattamente l’Irs e l’Eurirs? L’Eurirs (da Euro Irs, acronimo di Euro Interest Rate Swap) nell’uso finanziario è il tasso per i contratti in derivati swap su interessi in Euro calcolato quotidianamente dall’EBF (European Banking Federation). Tecnicamente l’Eurirs indica il tasso di interesse medio al quale gli istituti di credito appartenenti all’EBF stipulano contratti swap a copertura del rischio di interesse. Mentre nella vita quotidiana l’Eurirs rappresenta il tasso di riferimento sugli interessi fissi. La Federazione Bancaria Europea è un’associazione che raccoglie i 50 principali istituti di credito dell’unione europea, ed è indipendente dalle banche centrali dei singoli stati componenti l’unione europea e gode di piena autonomia anche rispetto alla Banca Centrale Europea (BCE). Eurirs e Euribor non sono indicizzati al tasso di sconto e alla politica monetaria decisi dalla BCE. Il valore dei vari tassi Eurirs sono fissati giornalmente e comunicati intorno alle ore 11 CET dall’EBF. L’Eurirs è usato come tasso base per calcolare interessi fissi, come avviene per i mutui a tasso fisso stipulati nell’Unione europea. Infatti il tasso di interesse dei mutui a tasso fisso è calcolato a partire dal tasso dell’Eurirs relativo alla durata del mutuo più uno spread variabile a seconda dell’istituto bancario. Tipicamente lo spread varia da un minimo di +0,5% a un massimo di +3%. Il valore del tasso Eurirs dipende dalla durata del prestito, non dall’ammontare del capitale. Come gli altri tassi di interesse, in generale, maggiore è la durata del prestito, e maggiore sarà l’EurIRS da applicare.

Irs oggi: il tasso Eurirs aggiornato in tempo reale per il calcolo del mutuo fissoultima modifica: 2008-12-09T09:13:00+01:00da giulia.gossip
Reposta per primo quest’articolo

66 pensieri su “Irs oggi: il tasso Eurirs aggiornato in tempo reale per il calcolo del mutuo fisso

  1. Daccordissimo con te, è lo spirito che mi ha portato a cercare di fare la portabilità del mio mutuo, ma lo spread 0.9-1.10 chi te lo fa???……..se muto arancio mi avesse confermato la promozione avrei chiuso con un fisso intorno al 4.70, ma adesso non è più così!!!! Ti auguro di trovare un istituto che applica lo spread così basso………io credo di fare il variabile con il BCE, spero che scenda di un altro mezzo punto e conto di fare cassa per un po………del resto se avevamo fatto un fisso a quella cifra possiamo fronteggiare una eventuale risalita, bisogna capire se nel lungo periodo il tasso variabile sfori il 6% altrimenti è tutto guadaganto!!!!

  2. Io stò nella tua stessa situazione ho un tasso fisso del 6,10 altissimo!!!! e sto facendo vari preventivi per una surroga con altre banche che con il variabile risparmierei circa 250euro! mensili tasso intorno al 3%totale, mentre con il fisso risparmierei 100 euro! tasso circa 4.80% sinceramente non so che pesce prendere! ma alla fine penso che opterò per il fisso! considerando L’irs a 25 anni oscilla tra il 3.60/3.80 più lo spreed intorno 0.90/1.10 direi che il fisso mi stuzzica!!!

  3. CiaoLa mia storia in poche righe.Maggio 2008 ho stipulato un mutuo 25 anni fisso con sperad 0.9 (circa il 6%).A Novembre crollo dei tassi e inizio a informarmi per eventuale surroga con altro istituto.Mutuo Arancio mi offre un fisso con irs dei giorni nostri e uno spread 1.1 (ottimo) ma la promozione per questo prodotto scade a febbraio (la mia rata sarebbe scesa di oltre 100 euro).Inzi di febbraio, Mutuo Arancio termina l’istruttoria sulla mia documentazione e possiamo procedere con la surroga, ma visti i tempi non riusciremo a stipulare entro febbraio e scade la promozione (il nuovo spread che applicheranno sarà del 1.6).Viste le condizioni rifiuto e sono in attesa di eventuali proposte.Mi è stato proposto una variabile indicizzato al BCE con spread del 1.25.Un misto a rata costante 10 anni fisso (irs 10 anni + 0.9) il resto variabile con euribor mese 365.Adesso sto in crisi.Non so se approfittare del variabile e poi eventualmente fare una nuova surroga (per quanto tempo saranno i tassi così bassi???)…..pagherei mediamente 250 euro di meno al mese e se questo durasse per 2 anni avrei risparmiato circa 5000 euro nell’immediato!!!!Oppure fare quel tipo di fisso (comunque andrei a pagare una rata minore, circa 140 euro, e questo per ben 10 anni)Cosa mi consigliate???Su una cosa sono certo, io la surroga la faccio!!!!

  4. Ciao Monia,vedi preventivi su:- ingdirect- iwbank- cariparma- inpdap (per chi può)- bancoposta (mi piace solo l’ammortamento all’italiana…)altre info quihttp://www.migliormutuo.it/forum/Ciao,Mario

  5. cioa ho un mutuo affitto rata costante -tasso variabile vorrei passare al tasso fisso pensate sia il momento giusto o mi conviene aspettare ?le banche che ho contattato mi danno spred 1,50 .sapete indicarmi qualche banca che offre meglio?

  6. Presto comprerò casa e chiaramente anche io passerò attraverso alle forche caudine delle varie banche per la richiesta di un mutuo da 300 mila euro.Detto che sentirò il maggior numero di banche a partire da quelle on-line e dalle interessanti offerte presenti su questo bel blog, ho iniziato a seguire con grande interesse tutti i vostri tentativi per ottenere il mutuo a tasso fisso con lo spread più basso.Purtroppo da nessuno parte c’è la banca che avete trovato con lo spread più basso ossia allo o,9% è possibile sapere qual’è o se ce ne sono altre con un analogo spread?Grazie 😉

  7. Grande Franco,magnifica segnalazione, questo è quel che si chiama gioco di squadra!!! E tu Mario tienici aggiornati sul colloquio con la consulente di telemutuo!!!Forza Crisi Finanziaria! Siete grandi!!!

  8. Ciao Francy,indeciso ancora, in generale io sono per le bance on-line e contro le banche convenzionali, ma forse alcune convenzioni viste qui potrebbero fare al caso mio.http://www.inpdap.it/webinternet/credito/Convenzioni.aspSe trovo un parente…Ma già però immagino la faccia del direttore quando gli rifilo tutte quelle domande di persona… 😉 ad esempio con Cariparma ho un appuntamento dal vivo fissato per fine mese da inizio mese, un mese solo per “vedersi”…Ciao,Mariop.s. quando decido ve lo faccio sapere!

  9. Grazie Franco, l’offerta di IWBank è ottima, io sto confrontando tutte quelle on-line al termine vi darò un bel resoconto, qui fra i commenti, per il momento posso solo dire che non conoscevo l’offerta offerta da Franco ed è sicuramente ottima.Un grazie anche a Mario per l’approfondimento con il costumer care di IWBank 😉

  10. utilissimo il copia incolla di Mario!!!Grazie Mario per la tua gentilezza, le mie domande sarebbero state identiche alle tue.Tempo risparmiato e ottima qualità!!! grazie-grazie-graziePS: cosa deciderai di fare?

  11. Mi sono fatto una bella chat, fatevi 2 risate… ora ora…. Ti preghiamo di attendere, un operatore ti risponderà al più presto. Sei ora in chat con ‘Angelo V.’.Angelo V.: Benvenuto nella chat IWBank, in cosa posso esserti utile?Mario : SalveAngelo V.: salveMario : ho effettuayto un preventivo mutui on-lineMario : mi interessava un mutuo fisso di 200mila euroMario : per qacquisito prima casaMario : valore immobile 300milaMario : durata 30 anniMario : tasso fissoMario : il sistema e la mail mi danno un tasso di 5,11%, avrei qualche domanda…Angelo V.: okMario : l’eurirs preso da voi quale è?Mario : rispetto alla data di rogito…Mario : e lo spread?Mario : c’è ancora?Angelo V.: l’eurirs di marzo sarà quello calcolato come media dei tassi dal 20/01 al 20/02Mario : questo vale per ogni mese?Mario : quindi per tutti gli atti rogitati in marzo l’eurirs è la media che mi ha detto…Mario : e cos’ via per i rogiti in Aprile? media tra 20/02 e 20/03 ?Angelo V.: esattoMario : lo spread invece?Mario : è in relazione all’importo erogato e alla durato o è fisso?Mario : ?Angelo V.: lo spread è fissoMario : a quanto ammonta attualmente?Angelo V.: il tasso totale è del 5.11% con spread di 1,30%Mario : tasso finito buono, ma spread altinoMario : può aumentare tale tasso al momento del rogito per la componente spreadMario : è 1,30% fino ad una certa data?Mario : ?Angelo V.: per ora è questoMario : Significa che potete cambiarlo in qualsiasi momento?Angelo V.: no daremmo comunicazione se dovessimo farloMario : scusi forse non ho capito beneMario : io richiedo un mutuo e inizia l’istruttoria…Mario : voi se tutto è ok fate la perizie e autorizzate…Mario : quando lo spread è bloccato? oppure non lo è mai fino al rogito?Angelo V.: ok se la richiesta la fai con uno spread il mutuo va in stipula con quelloMario : è vincolante per voi?Angelo V.: anche quando sono stati variati i tassiAngelo V.: per le richieste effettuateAngelo V.: in gennaioAngelo V.: gli spread sono rimasti quelli vecchi anche se la stipula è avvenuta in febbraioMario : quindi vale quanto accordato in fase di richiesta? cioè il pdf arrivato via mail?Mario : oppure il vostro ok?Angelo V.: esatto vale quello del pdf di richiestaMario : ChiaroMario : la ringrazioMario : un’ultima domandaMario : il vostro mutuo variabile invece che condizioni di tasso ha?Mario : bce o euribor? e spread?Angelo V.: non abbiamo un mutuo a tasso variabileMario : no???Mario : stranissimoMario : quindi nemmeno a rata costante?Mario : e quello fisso è unico? solo ammortamento alla francese?Angelo V.: solo a rata costanteAngelo V.: l’ammortamento dei nostri mutui è solo a rata costante e a tasso fissoMario : chiarissimo, un unico tipo di mutuoMario : spese di periziaMario : ?Angelo V.: non ci sono spese di preriziaAngelo V.: la perizia è a carico di iwbankMario : se la perizia è negativaMario : pagate sempre voi?Angelo V.: la perizia è a carico di iwbank indipendentemente dall’esito. Puoi comunque richiederne una a tuo caricoMario : mentre possibilità di estinzione parziale anticipata?Mario : per prima casa ho letto che l’estinzione totale è possibile gratis, anche parziale di una quota capitale?Angelo V.: esatto non ci sono penali nè per estinzioni parziali nè totaliMario : un’estinzione parziale incide sulla durata o sulla rata? o su entrambe?Angelo V.: solo sulla rataMario : rinegoziate i vostri mutui se occorre? nel senso se fra 3-4 anni volessi rinegoziarlo sempre con voi perchè il tasso fisso è sceso, lo fate?Angelo V.: no Per favore attendi, mentre trasferisco la sessione di chat a ‘Adriana B.’. Sei ora in chat con ‘Adriana B.’.Mario: Grazie è stato gentilissimo non occorre continure, buon pranzo!ihihihihhSono stato buono perchè vado a pranzo pure io ;-)Ciao,Mariop.s. per chi vuole altre info http://www.iwbank.it/external/liveperson/iwChat.jhtml

  12. Mario, posso dirti che se mantieni una giacenza sul suo conto di 3000 euro loro ti applicano il 5% di sconto sulla rata del mutuo.Per migliori informazioni questo e’ il numero verde 800991188.In piu’ posso dirti che anche cariparma effettua buoni trattamenti per quanto riguarda mutui, di che provincia sei Mario? Facci sapere! Ciao.

  13. Cioa Franco,vedo sul sito un tasso finito, ma non i fogli informativi, ne lo spread… ora mi iscrivo per farmi contattare…Ma tu hai qualche informazione in più?Grazie,Mario

  14. ah Mario,io l’ho appena fatto per cui sono a posto. Speriamo solo di riuscirlo a pagare, sono gran brutti momenti lavorativamente parlando.Comunque io ho utilizzato tutto il mio tempo libero per trovare il muto più conveniente possibile.Ringrazio veramente questo blog, che mi ha dato il consiglio giusto. Chiedere più preventivi possibili, confrontarli uno a uno e poi scegliere quello che complessivamente era il più conveniente. Fra il più vantaggioso e quello meno (guarda caso proprio quello della mia banca tradizionale) c’è una differenza di oltre 14mila euro su base trentennale!!!Mica poco direi!!!Grazie a tutti vi leggo sempre.

  15. aaaaaaaaaaaaaaaaDa Marzo 2009 INGdirect non erogherà più mutui a tasso fisso trentennale!!!!Questa cosa credo che sia molto preoccupante e spazza via la convinzione che alle banche faccia piacere un fisso… le banche odiano il fisso!!!!Commenti? i prossimi tempi li vedo davveri duri….La banca si tutela e sembra solida… ma il consumatore…. mmmmmCiao,Mario

  16. Ciao Enzo,no la polizza vita non è obbligatoria per legge ma è facoltativa.L’unica polizza obbligatoria per legge e quella su scoppio e incendio della casa (del bene ipotecato).A meno di spread vantaggiosissimi che compensano, fossi in te, scapperei da chi ti propone una polizza vita… secondo me le polizze vita sono uno dei bidoni più grossi sulla faccia della terra 😉 Evito di parlare male delle assicurazioni in generale perchè è come “sparare sulla croce rossa”… bah…Ciao,Mariop.s. mutuo arancio eroga una polizza scoppio e incendio a loro spese…

  17. Le assicurazioni sul mutuo servono a tutelare la società che eroga il mutuo dagli imprevisti.Tutte le finanziarie e le banche ne fanno uso, e l’uso è leggittimo. Va detto che molto spesso c’è chi ci gioca su questo aspetto, spostando il guadagno del mutuo proprio sull’assicurazione…Quello che ti consiglio e che consiglio sempre ai nostri lettori è di non fermarti alla prima offerta che ti viene fatta e soprattuto al primo porto che incontri.Cosa significa?Verifica sempre cosa ti propone la concorrenza e solo successivamente vai alla tua banca a fare un bel colloquio con il direttore dell’agenzia o con il responsabile dei mutui.In sostanza prima di muoverti con la tua banca individua le migliori offerte della concorrenza, in questo internet è uno strumento preziosissimo:anche in questa pagina puoi trovare sempre nuove promozioni di varie banche e istituti finanziari.Dopo che hai selezionato le migliori offerte, richiedi un contatto con un loro consulente commerciale.E’ un servizio sempre disponibile, senza impegni e offerto gratuitamente. Poi fai la stessa cosa anche con un paio di banche tradizionali, quelle che più ti ispirano, recandoti direttamente nelle loro filiali.Solo dopo questo lavoro puoi contattare la tua banca e spiegare loro le alternative che hai a disposizione.La controparte farà il possibile per offrirti una soluzione comparabile con le migliori che hai individuato o addirittura leggermente migliore.Dipende tutto da come te la giochi, considera che esistono consulenti il cui mestiere è proprio quello di contrattare il mutuo più vantaggioso e che guadagnano sul differenziale ottenuto più un rimborso spese.

  18. Per Mario,sì l’idea è buona esiste un’interrelazione stretta fra i due indici, prossimamente prepareremo un bel post anche su questo tema ;)ma abbiamo tante cose in cantiere che non sarà subitissimo.

  19. Le polizze sulla Vita che si stipulano contestualmente ai mutui sono obbligatorie? sono poi così onerose,la BNL me ne ha proposto una che a 20 anni porta via quasi il 10% del capitale,la mia età è di 33 anni cosa ve ne sembra…

  20. Si concordo,poi pensandoci per la svaluatazione della moneta abbiamo l’indice istat dei prezzi al consumo (incredibile cosa hanno inserito nel nuovo paniere), non sempre fedele alla realtà, ma meglio di nulla..Forse sarebbe utile confrontare gli IRS storici con l’indice istat storico, mmmmmCiao,Mario

  21. Caro Mario,mutatis mutandi, quanto tu dici è sicuramente vero per il passato ma non per il futuro. Anzi credo che non sia nemmeno lontanamente ripetibile una svalutazione della valuta nazionale come quella che avvenne dagli anni 50′ agli anni 90′ dello scorso secolo.Ora abbiamo l’Euro e uno degli obiettivi della BCE è appunto impedire la svalutazione della moneta comune Europea e contrastare l’inflazione.Credo che il mutuo a tasso fisso a 30 anni sia già una bella durata, oltre non mi spingerei, come hai ben detto ogni anno in più sono interessi extra a cui far fronte.

  22. Ciao,giusto, ci ho pensato dopo, l’ammortamento complica il calcolo.Un tool credo sia utilissimo.Si, per in confronto con un tasso fisso a rata costante credo sia facile da fare perchè il tasso è comunque fisso ma la rata decrescente andrò appena posso in un ufficio postale grande (stranamente le Poste non lo fanno on-line :-)).. per capire bene… gli spread forse non sono tanto convenienti…Sarebbe forse anche utile capire l’andamento della svalutazione della moneta, ad esempio mi hanno raccontanto di mutui di 40 anni estinti negli anni ’90 (e quindi fatti negli anni ’50) per i quali le rate finali erano ormai di 20mila lire!!!!!Quanto conviene aumentare i tempi e quindi anche gli interessi che però diminuiscono di valore nel concreto?Ciao,Mario

  23. Ciao Mario,la differenza di uno 0,1% sullo spread di mutuo a tasso fisso trentennale su 200 mila euro è addirittura superiore a 6mila euro, per via del calcolo dell’ammortamento del debito.Esistono numerosi tools on-line che fanno il calcolo esatto, non appena ne trovo uno fatto bene lo metto anche su questo blog.In merito al mutuo a tasso decrescente, benvenga ma attenzione Mario: non è la formula del mutuo a fare la reale differenza, occorre sempre guardare alla fine della fiera (estinzione del mutuo) quanti interessi sono stati pagati oltre alla restituzione del capitale. Cosa molto semplice da calcolare preventivamente per un tasso fisso, impossibile per un tasso variabile…

  24. Ciao Elena,il dilemma è amletico e non esiste una risposta valida per tutti.Però mi sento di darti un paio di importanti consigli:1) Il mutuo a tasso fisso da una maggiore tranquillità e minori incognite per il futuro. Certo, il fisso ora è sensibilmente meno conveniente del variabile e addirittura lo sarà ancora di meno nell’immediato futuro.Ma poi? Chi lo sa.Oggi nessuno ne ha la ben che minima idea, neanche le banche. Molti esperti e tecnici dicono che i tassi rimarranno bassi a lungo oltre i tre anni. Ma altrettanti dicono che dopo una fase di caduta dei tassi ci sarà una forte impennata. Comunque una cosa è certa i tassi non potranno rimanere così bassi all’infinito, prima o poi riprenderanno la strada della risalita e a quel punto il tasso fisso diverrà conveniente come il variabile o addirittura di più.Dato che voi avete optato per un mutuo a 30 anni, vivrete numerosi periodi di sali e scendi fra variabile e fisso, ma col fisso se avete una certezza di reddito non correrete mai il pericolo di non riuscire a pagare il mutuo. Mentre non altrettanto si può dire per il mutuo a tasso variabile…2) Lo spread dell’1% è buono ma non ottimo, in giro è possibile trovare qualche cosina di meglio. Per carità non differenze abissali, stiamo parlando di circa un decimo di differenza ma se questo lo riporti su base trentennale ti renderai conto che sono migliaia gli euro che risparmieresti.Ora a parità di automobile, la compreresti dal concessionario che te la vende per mille euro in meno o per te sarebbe indifferente? E perchè allora non applicare lo stesso criterio al mutuo casa?Spero di esserti stata utile, facci sapere gli sviluppi dell’operazioneciao e in bocca al lupo 😉

  25. Nei primi dieci giorni di febbraio dovremo stipulare un mutuo per ristrutturazione, la durata sarà di 30 anni ma siamo del tutto indecisi se fare un mutuo a tasso fisso ( con la banca abbiamo concordato uno spred pari a 1) oppure un mutuo variabile a tasso BCE … cosa mi consigliate?…. col mutuo a tasso fisso avremmo una rata di circa 150 € in più al mese rispetto alla rata BCE…. ma su una durata così lunga meglio stare su una rata fissa???… aiutateci a districarci in questa giungla..grazie elena

  26. Cari curatori del blog,anche io sono nella situazione di Raffaele e la domanda che ha fatto mi ha proccupato. Sinceramente ho dato per scontato che le condizioni fossero quelle e non altre!Ma Raffaele mi ha suscitato una certa angoscia!Vi prego di ripondere alla sua e ora anche mia domanda,grazie

  27. forum davvero interessante! ho un dubbio, se in fase di istruttoria ho firmato con la banca le condizioni del mutuo, quindi anche lo spread, può la banca applicarmi uno spread piú alto al momento della stipula? grazie

  28. Grazie per i consigli li seguirò sicuramente, comunque credetemi che se le mie finaze avessero permesso di non fare un mutuo non l’avrei fatto… ma sfortunatamente non tutti siamo figli di Silvio…. erano anni che aspettavo di prendere un appartamento e di anno in anno i prezzi aumentavano cosi mi sono deciso…. poi sfortuna vuole che adesso il prezzo delle case stia scendendo… vabe dai comunque vi farò sapere com’è andata 🙂

  29. Sì io quoto quanto detto da Crisi Finanziaria e da Walter. Occorre essere più furbi della volpe o alla fine si finisce come piatto per cena.L’ideale sarebbe proprio non fare mutui, ma nell’impossibilità un tasso fisso al 5% è buona cosa.E comunque occorre darsi da fare, non aspettare l’offerta della propria banca e a posto così.Occorre girare, chiedere, sentire, confrontare, valutare.Cappero c’è chi prende in 10 giorni una decisione che dovrà portare avanti per 25 o addirittura 30 anni!!!E da banca a banca ci sono differenziali she superano l’1%!!!Ho un povero collega più anziano di me, il cui stipendio se ne va in praticamente in muto!!!Ma vi rendete conto, che follia! Lavorare una vita per far arricchire le banche, e non ha nemmeno la certezza di riuscire ad arrivare alla fine.Se la nostra azienda fallisce o il suo stipendio viene ridotto per qualche ragione è in braghe di tela!!!Cavolo, ponderate bene prima di fare un mutuo e cercate sempre la migliore offerta disponibile sul mercato!E SE POSSIBILE NON FATELO!

  30. UN CONSIGLIO MEGLIO TORNARE COME CINQUANT’ANNI FA QUANDO LE BANCHE SI FACEVANO IL CRUCIVERBA IL FUTUO PURTROPPO HA INGRASSATO SEMPRE DI PIù QUESTI DANNATI E FOTTUTISSIMI RICCHI DI MERDA

  31. Ciao Angelo,purtroppo non sempre la convenienza matematica coincide con quella bancaria.Se dal punto di vista dei tassi la rinegoziazione del tuo mutuo è evidentemente vantaggiosa, occorre analizzare nel dettaglio l’offerta di rinegoziazione che ti offre la tua banca o l’istituto finanziario con cui hai sottoscritto il mutuo.Considera anche che, a parte rare eccezioni territoriali, il prezzo delle case da un anno a queste parte non è aumentato, anzi in molti casi è sceso e questo purtroppo non gioca a tuo favore.Hai preso il mutuo a tasso fisso quando era significativamente più alto rispetto ad ora, questo aspetto ha un peso sulla rinegoziazione.Il consiglio che ti do è di non fermarti al primo porto che incontri lungo la rotta. Verifica le contro-offerte della concorrenza e solo successivamente chiedi la rinegoziazione.In sostanza prima di muoverti con la tua banca o società di finanziamento guarda bene cosa offre la concorrenza, in questo internet è uno strumento preziosissimo: anche in questa pagina puoi trovare sempre nuove promozioni di varie banche e istituti finanziari.Dopo di che seleziona le migliori offerte e richiedi on-line un contatto di un loro consulente.E’ un servizio sempre disponibile, senza impegni e offerto gratuitamente. Poi fai la stessa cosa anche con un paio di banche tradizionali, quelle che più ti ispirano, recandoti direttamente nelle loro filiali.Solo dopo che hai ben chiaro quali alternative e opportunità hai a disposizione puoi contattare la tua banca e rinegoziare alla luce delle offerte più vantaggiose.Per quanto riguarda il numero di rinegoziazioni, può essere fatto anche più volte. Ma attenzione non sempre è economicamente vantaggioso.Il vero vantaggio si ha se il valore della casa è significativamente aumentato rispetto al prezzo di acquisto.

  32. Ciao a tutti,un tasso fisso 30 anni del 5.00% è ottimo, non state a giocare con differenze di 1-2 punti, pensate che dal 1970 al 1980 la gente pagava un tasso da 13.00% a 18.00% circa. Vi riccordo che la Banca a potere di cambiare al momento lo spreed. Fate un tasso fisso piu’ alto possibile di anni e in questi anni cercate di estinguerlo prima possibile. Personalmente io sono proprietario di 4 immobili e usando questo metodo ho sempre vinto sulle banche (usuraie). Questo è il momento per fare mutui prima casa, a Febbraio ci sara’ l’aumento dei tassi, siamo ai minimi storici (tasso).

  33. Salve a tutti, sono Angelo per caso sono approdato qui, ero alla ricerca di qualche consiglio…. ho letto in giro ma non ho trovato quello che cercavo….Volevo gentilmente chiedere, io ho stipulato un mutuo 10 mesi fa, naturalmente a tasso fisso ( addirittura c’èrano banche che mi facevano il variabile piu alto del fisso… ) comunque sono riuscito a fissare l’IRS al 5,80, durata mutuo 25 anni.Volevo chiedere visto l’andamento dei mercati, quando mi conviene andare a rinegoziare il mio mutuo a tasso fisso ? Ho visto dagli ultimi indici che il tasso si è fermato a 3.91 , io ho 1.1 di spred , andrei al un tasso del 5% bene o male e calcolando ad oggi risparmierei quasi 80 euro.Un dubbio ho sempre letto per i tessi variabili che rinegoziando non hanno spese, con i tassi fissi è la stessa cosa ?Ultima domanda un mutuo si può rinegoziare solo una volta o anche più di una volta?Cosa mi consigliate? Granzie anticipatamente

  34. Ciao Marco,la tua domanda si unisce al coro di molti, vedi anche Mask in questo stesso post. Hai ragione a segnalare che molti dei tassi dell’Eurirs sono aumentati anzichè scendere dopo il calo dei tassi della BCE.Ma l’Eurirs è un tasso fisso per cui è solo in piccolissima parte correlato al tasso BCE e all’andamento dell’Euribor. Nella composizione del tasso Eurirs giocano molti fattori, il più importante dei quali è la previsione che i principali istituti europei di credito fanno in merito all’andamento dei tassi a medio lungo termine.Ecco spiegato perchè l’Eurirs sebbene sia sensibilmente calato dai massimi di settembre 2008 non continua a calare come invece sta facendo l’Euribor.

  35. Ciao Filippo,checchè se ne dica, la tua preoccupazione è del tutto legittima e ben motivata.Il sistema finanziario mondiale è ancora molto fragile ed esistono criticità sistemiche che posso moltiplicarne la fragilità (vedi il post sui CDS di questo blog: http://gog.is/crisi-finanziaria-credit-default-swap )Questo blog nasce proprio con l’intento di aiutare il piccolo risparmiatore e il comune lavoratore.Se vorrai seguirci con costanza avrai maggiori elementi di valutazione e un punto di vista indipendente su quanto sta accadendo.

  36. Ciao Francesco,le condizioni del mutuo a tasso fisso da te segnalate sono certamente valide, ma fai attenzione a alle spese di registro, notaio, assicurazione, … Talvolta succede che dietro a una valida offerta in termini di tasso d’interesse si celino onerose spese “extra” che ne riducono sensibilmente l’appetibilità e vincolino in modo vessatorio il contraente.Tienici aggiornato e nel caso ci siano spiacevoli sorprese comunicacelo, posso darti ulteriori consigli in merito 😉

  37. Ciao Mask,grazie per la tua domanda, tuttavia i tassi sono corretti e aggiornati all’ultima rilevazione. Hai ragione a segnalare che molti dei tassi dell’Eurirs sono aumentati anzichè scendere dopo il calo dei tassi della BCE.Ma l’Eurirs è un tasso fisso per cui è solo in piccolissima parte correlato al tasso BCE e all’andamento dell’Euribor. Nella composizione del tasso Eurirs giocano molti fattori, il più importante dei quali è la previsione che i principali istituti europei di credito fanno in merito all’andamento dei tassi a medio lungo termine.Ecco spiegato perchè l’Eurirs sebbene sia sensibilmente calato dai massimi di settembre 2008 non continua a calare come invece sta facendo l’Euribor.

  38. Ciao Giovanni,quanto tu dici è vero per molte banche ma credimi: non lo è per tutte. Questo è il valore e l’importanza della concorrenza. E anche nel settore bancario italiano, incredibile ma vero, si sta facendo strada un po’ alla volta.Il fatto che i tassi scendano è un bene in valore assoluto, perchè, anche nel caso gli spread aumentino, potremo sempre scegliere l’istituto di finanziamento con lo spread più basso ma a partire da un tasso base inferiore.Purtroppo in Italia vi è ancora scarsa consapevolezza culturale del valore della concorrenza, soprattutto nel settore bancario. La crisi finanziaria è servita anche a premiare concorrenza e gli istituti bancari più efficienti.Non tutto il male vien per nuocere…

  39. Buongiorno,gentilmente mi piacerebbe sapere, dato che vorrei attuare una surroga sul mio mutuo alla fine del semestre, fino a che punto si potrà abbassare irs, calcolando che la mia banca sul fisso vuole lo spreed dello 0,90, (agevolazione aziendale).La ringrazio anticipatamente, roberto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.