L’Economia Europea nel 2015: il punto della situazione di Mario Draghi (BCE)

La sintesi del discorso tenuto da governatore della Banca Centrale Europe Mario Draghi, in occasione dell’International Monetary and Financial Committee (IMFC) tenutosi a New York il 18/4/2015.

“La situazione economica e l’outlook di breve termine nell’area euro sono attualmente più luminosi di quanto non lo siano stati per diversi anni”

L’economia è in rafforzamento in tutta Europa ma serve impegno e determinazione nel realizzare le riforme economiche necessarie ai vari paesi dell’unione e consolidare i risultati sinora raggiunti.

In Europa ci sono tutte le condizioni economiche affinché ciò avvenga grazie al Quantitative Easing della Banca Centrale Eruopea, alla riduzione del costo del petrolio, al favorevole cambio euro/dollaro e ai tassi d’interesse più bassi della storia dell’unione (e in generale della maggior parte dei singoli paesi membri).

L’Europa deve sfruttare al meglio queste positive condizioni di contorno per sviluppare al meglio l’economia, la ricerca scientifica, il commercio e per implementare le riforme strutturali utili allo crescita e alla prosperità dell’Unione Europea.

Il Quantitative Easing della BCE, ossia la politica di acquisto dei titoli di stato dei paesi membri dell’Unione Europea, proseguirà come previsto almeno sino a settembre 2016 e in generale sino a quando non si sarà raggiunto un outlook a medio termine dell’inflazione vicino al 2%.

Approfondimenti

Draghi: “La ripresa di Eurozona si rafforza” (fonte Quotidiano Nazionale Online del 18/4/2015)

L’Economia Europea nel 2015: il punto della situazione di Mario Draghi (BCE)ultima modifica: 2015-04-18T13:13:57+00:00da giulia.gossip
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.

*