Tassa Patrimoniale 2011: cos’è? a cosa serve? quando e perchè applicarla? Il significato e il senso di una tassa ingiusta ma forse necessaria

patrimoniale-tassa-2011-significato-cosa-e-serve-quando-come-perche.jpgIn Italia a intervalli più o meno regolari si parla della tanto famosa e temuta patrimoniale. Ma qual’è l’esatto significato e il senso di questa odiata ma per certi versi anche invocata tassa?

Vediamo insieme cos’è, a cosa serve e perchè alcuni ne reclamano l’adozione mentre altri lo aborrono.

Cos’è la patrimoniale?

Si intende per patrimoniale qualsiasi tassa applicata sul patrimonio dei contribuenti.

Chi colpisce la patrimoniale?

L’imposta può riguardare le persone fisiche e/o quelle giuridiche (enti, società, cooperative, associazioni,ditte individuali…).

Ad esempio l’ultima patrimoniale una tantum entrata in vigore in Italia è datata 1992 e ha colpito indistintamente tutti i contribuenti, mentre la tassa di successione riguarda solo le persone fisiche.

Cosa colpisce la patrimoniale?

Il patrimonio oggetto della patrimoniale può essere esteso a qualsiasi genere di bene (denaro, valori preziosi, immobili, azioni, obbligazioni, fondi, …) o circoscritto a una particolare categoria.

Ad esempio la patrimoniale del 1992 ha colpito solo ed esclusivamente i depositi in conto corrente bancario o postale imponendone un prelievo forzoso del 6 per mille.

Quando è in vigore la patrimoniale?

La patrimoniale può essere “una tantum” (ossia in vigore solo occasionalmente senza alcuna ricorrenza periodica) o avere regolare cadenza (tipicamente annuale, ma in certi casi anche biennale, quinquennale o decennale) o in occasione di particolari eventi.

Ad esempio la patrimoniale del 1992 è stata una tantum, mentre l’Ici (che è a tutti gli effetti una patrimoniale sugli immobili) è annuale, mentre la tassa di successione si paga solo in occasione di un’eredità.

Patrimoniale secca o variabile?

Dipende… In alcuni casi è fissa, in altri casi è progressiva in funzione del patrimonio, in altri casi ancora è prevista una soglia di protezione (detta franchigia) al di sotto della quale non vi è tassazione.

Ad esempio quella del ’92 era fissa (per l’appunto del 6 per mille), mentre la tassa patrimoniale francese è progressiva (da 790 mila euro a 1,3 milioni si paga lo 0,55%, lo 0,75% fino a 2,5 milioni, l’1,5% fino a 16 milioni e l’1,8% oltre i 16 milioni). E ancora, la nostra tassa di successione in linea diretta ha una franchigia di un milione di euro e solo oltre tale importo si paga un’aliquota del 4%.

La temuta patrimoniale

In generale tutte le patrimoniali sono invise al contribuente. Psicologicamente la patrimoniale è vista come un’appropriazione per mano del sistema fiscale di una parte di ciò che è proprio e dunque è considerata un’imposta “ingiusta“, “oppressiva” e “illiberale“.

Ma le patrimoniali più temute e odiate sono quelle una tantum perchè considerate delle vere e proprie “imboscate” ai danni dei nostri risparmi e delle nostre proprietà.

Patrimoniale 2011

Ma alla luce di tutto ciò, oggi in Italia chi osa chiedere la patrimoniale?

Arrivati a questo punto è doverosa una premessa. Come tutti sanno, il principale problema economico dell’Italia è il suo debito pubblico.

L’Italia ha un debito pubblico sproporzionato, il primo debito pubblico  europeo e il terzo mondiale. Purtroppo però non siamo ne la prima economia europea ne la terza mondiale…

Per questo l’Italia fatica e faticherà sempre più non solo a restiture il debito ma anche a pagare gli interessi ai suoi creditori. Interessi che oltretutto sono fortemente suscettibili alle fluttuazioni e alle tensioni dei mercati finanziari.

Pensiamo agli interessi come a un bel elastico che regge il peso del debito, maggiore è il debito e maggiore sarà l’estensione dell’elastico. Maggiore è l’estensione e maggiore è la tensione a cui è sottoposto l’elastico… Purtroppo l’elastico è sottoposto anche al vento dei mercati e quando il vento spira contro, l’elastico si allunga ulteriormente sino al suo punto di rottura.

Superato tale punto l’elastico si rompe improvvisamente: è il default del debito, ossia il debitore non è più in grado non solo di ripagare il debito ma nemmeno i suoi interessi e fallisce.

Esistono solo tre soluzioni per evitare che questo accada:

- ridurre gli interessi

- ridurre il debito

- ridurre entrambi

Dal punto di vista politico si può dire che negli ultimi 20 anni le forze di centro-sinistra si sono concentrate a ridurre il peso del debito attraverso un’incremento delle tasse, mentre le forze di centro-destra hanno tentato di ridurre gli interessi attraverso una politica di bilanci rigorosi e di tagli alla spesa pubblica.

Purtroppo quest’ultima politica non sta dando gli effetti sperati e così negli ultimi anni lo spread (ossia il differenziale) degli interessi sul debito fra Italia e Germania si è vistosamente allargato.

Il giusto compromesso

Comunque la si veda, il debito pubblico italiano deve essere ridotto.

Lo dobbiamo innanzitutto ai nostri figli, se vogliamo che tengano fede al patto generazionale, se vogliamo che parte del loro lavoro vada a pagare le pensioni di chi non lavora più, e soprattutto se vogliamo che le nuove generazioni possano lavorare e costruirsi un futuro.

Sì, perchè solo se c’è crescita economica può esserci una sana crescita dell’occupazione. I paesi in cui il debito è troppo alto hanno una crescita economica molto lenta o addirittura nulla.

Per cui volenti o nolenti una parte della ricchezza del nostro paese deve essere impiegata a ridurre significativamente il peso del debito pubblico. Si tratta di trovare il giusto ammontare e individuare quali fasce della nostra società dovranno prendersi carico di pagare la patrimoniale.

Tutto il resto è demagogia e populismo.

Argomenti correlati

Governo Monti, la nuova manovra: patrimoniale, Ici e pensioni. Quali investimenti saranno risparmiati?

Riforma fiscale 2011: nuove aliquote e scaglioni

2011: crisi economica, finanziaria, politica e sociale dell’Italia

Manovra economica 2011

Cos’è la tassa patrimoniale e qual’è il senso della sua reintroduzione con la finanziaria 2011.

123 pensieri su “Tassa Patrimoniale 2011: cos’è? a cosa serve? quando e perchè applicarla? Il significato e il senso di una tassa ingiusta ma forse necessaria

  1. ma tu dove l’hai vista la politica di spesa rigorosa della destra????penso che tranne l’anno scorso per cause di forza maggiore sia l’unico caso (e comunque sempre tagli ai servizi sociali,sanità ed istruzione).Inoltre non si è mai verificato con il silvio una riduzione di tasse netta a fine anno.saluti Mattia

  2. Ciao Mattia,se leggi con attenzione l’articolo, l’autore dice che la destra si è concentrata sul rigore dei bilanci e sui tagli, ma dice anche che alla luce dei fatti hanno fallito… riporto testualmente: “Purtroppo quest’ultima politica non sta dando gli effetti sperati e così negli ultimi anni lo spread (ossia il differenziale) degli interessi fra Italia e Germania si è notevolemente allargato.”Probabilmente il bungabunga li ha un po’ distratti dai loro propositi…Per cui mi sembra che la pensate più o meno allo stesso modo o comunque più di quanto credi :)

  3. Non è quella la via; anche perchè, la riduzione del debito sarebbe solo momentanea senza riduzione delle cause che lo hanno innescato; e lo alimentano.In sintesi: a partire dagli anni 80, per pagare una finta tregua sociale, oltre 2 milioni di persone in eccesso sono entrate nel Pubblico Impiego ; con stipendi, costi accessori, aumenti periodici ed investimenti fasulli al seguito.Levateli di colpo dai piedi (pensione sociale o richiesta di cercarsi un lavoro vero) e, nel giro di anni 10 metà del debito si sarà riassorbito.Nel frattempo la macchina dello stato, terrorizzata e sgombra di zavorra, non è che funzionerebbe meglio?(Non si dimentichi che per assumere “clientes” sempre si inventano funzioni inessenziali e perditempo).Comunque mai patrimoniali da parte di chi il debito lo ha generato.

  4. Io penso che è troppo comodo cercare di risolvere il problema introducendo una nuova tassa in questo caso questa fantomatica patrimoniale, colpendo chi per una vita si è sacrificato per crearsi un piccola posizione economica, e non chi a magari ha sperperato i propri guadagni nel modo più disparato.Ma tornando al problema da risolvere perchè non pensare di tagliare tutte le spese superflue, a cominciare dai stipendi di tutte le nostre classi politiche, e i finanziamenti a tutte quelle opere faraoniche cominciate e mai portate a termine, e come mai chi promuove questi progetti non va sotto inchiesta. Vorrei se mi è consentito proporre una soluzione ,sarebbe quella di chiedere ai contribuenti non una tassa ma un prestito da restituire magari in un quadro quinquennale sotto forma di detrazione dalla denuncia dei redditi, penso che i cittadini dal momento che siamo in piena crisi e che qualcosa bisogna pur fare l’accetterebbe con minore timore di una tassa che rimarrebbe come sempre accade a vita.Nunzio Caltanissetta

  5. A mio avviso non credo che una nuova patrimoniale del tipo di quelle che già subiamo e abbiamo subito, specialmente come quella del governo Amato, potrebbe aiutare a sanare i debiti nazionali, come infatti nemmeno quella è servita, nè come si vede servono quelle sulle case, sulle auto, sulle successioni nè serve o almeno non basta quello che ogni lavoratore o pensionato , si vede trattenere ogni mese ancora prima di aver percepito quello che gli spetta, senza escludere quello che tanti onesti imprenditori , e altrettante oneste svariate categorie di lavoratori contribuenti versano. Fino a quanto quelli che guadagnano più di quello che “danno”, saranno in numero maggiore di quelli che a malappena vanno in pareggio sommati a quelli addirittura sottopagati rispetto al contributo che danno, e qui mi riferisco a quelli che producono effettiva ricchezza, cioè cose tangibili, e non fumo, basta il riferimento alla crisi ultima attuale. A mio avviso occorre combattere in primo luogo la speculazione, e cioè tutte quelle attività che consentono l’arricchimento in maniera indiscriminata, senza regole e senza rispetto per chi lavora, a partire da tutti quelli che hanno ingenti capitali 8 cioè quelli che lavorano con i soldi che non son loro o che hanno accumulato con i soldi degli altri) e che con le loro speculazioni ,sottraggono e indebitano lo stesso Stato che gliele consente, per arrivare a quelli che in un mese guadagnano “lavorando” quello che milioni di lavoratori insieme, non riescono nemmeno a sognare nell’arco delle loro intera vita lavorativa. E qui vorrei fare un riferimento concreto. Un lavoratore che dopo cinquant’anni di lavoro, di contribuzioni e tassazioni varie, quindi ha pagato e continua a pagare, e che a costo di enormi sacrifici, unitamente a quello che ha ottenuto con la cosiddetta liquidazione, riesce a racimolare una o due centinaia di migliaia di euro, e li deposita su un conto corrente i cui interessi a volte non bastano nemmeno a pagare le spese di tenuta del conto, perchè dovrebbe pagare un patrimoniale su quei soldi? Mentre chi lavora con quei soldi che non sono suoi, e che il contribuente con quel tipo di deposito(il conto corrente non è un investimento), ha voluto mettere a disposizione di chi può creare ricchezza comune, si arricchisce in maniera smisurata(facendo pagare ingenti intesessi) ai danni di chi ha bisogno per produrre lavoro, e altro benessere sociale, favorendo prima se stesso e poi chi lavora per produrre solo altri soldi per se stesso. Secondo chi mi legge, una qualsiasi altra patrimoniale (cioè imposizione che colpisce il patrimonio), senza distinguere da dove viene il patrimonio, di come uno è riuscito ad averlo, e via di seguito, chi colpirebbe il pensionato dei duecentomila euro, o tanto per fare un esempio lo stesso ancora Onorevele Giuliano Amato? e tutti gli altri onorevoli che come lui beneficiano di trattamenti stipendiali e a volte in contemporanea a trattamenti pensionistici milionari. Che gli fa a questi, a una banca, o ad un qualsiasi altro speculatore, il pagamento (si dice imposizione progressiva, proporzionale), pagare anche due tre quattro e più milioni di euro, quanto poi, essi hanno perchè se la danno “l’autorizzazione a procedere”, per lo immediato recupero nel giro da pochi minuti, ore, e al massimo di qualche settimana o mese. Secondo me, il riequilibrio sociale della giusta spartizione del reddito, e l’equo impiego dello stesso, comporterebbe da solo la giusta spartizione anche dei debiti ove caso mai ve ne fosse il bisogno di farli. “TarTassare” e imporre patrimoniali, significa far pagare sul pagato chi ha già pagato, mentre sarebbe più semplice ( forse?), “non pagare in quel modo”, quelli che vengono stapagati, visto la maggior parte del debito, se non addirittura il suo totale, è costituito, da quanto loro, sproporzionatamente, a parità di prestazioni fisiche, intellettuali, e di altro genere, guadagnano rispetto agli atri. La loro ricchezza così raggiunta, non puo essere altri che la povertà cioe il debito degli altri. Così quando si parla di debito pubblico, chi è il pubblico ? Io? quelli come me o che stanno peggio di me? Oppure i nostri politici di turno (negli paesi, in generale non è tanto diverso nè a destra ,nè a sinistra e nè a centro, e questo non perchè, io voglia sfociare in qualunquismo , o pessimismo assoluto nelle persone quanto le facciamo diventare politici ),e metto loro davanti perchè sono quelli che abbiamo messo a “governare” e dovrebbero avere il compito di raddrizzare le cose, senza dare sempre la colpa a chi ha preceduto o seguirà. Ma come si può pretendere che il debito sia di tutti (e cioè pubblico), quanto poi la spartizione della ricchezza (e qui per ricchezza non intendo quanto si può accumulare in via normale da qualsiasi lavoratore o onesto imprenditore in una vita di lavoro e cioè fino a poche centinaia di migliaia di euro allo stato attuale, nei migliori dei casi,fortuna nella salute, risparmio oculato, e soppressione dei “vizi”, quali anche una semplice vacanza o similare) è a favore solo di tanti privilegiati, che di vizi ne hanno sicuramente non pochi, tra i quali non manca di certo l’ingordigia. Oggi sarebbe utopico, credere di riuscire a togliere a queste persone ciò che a mio avviso è stato acquisito indebitamente a danno degli altri, però sarebbe alquanto realistico la ricerca di metodi e modi per arrestare il loro arricchimento finalizzato ad un giusto riequilibrio sociale.

  6. la patrimoniale se introdotta fda schifo!si parla della necessità di introdurre questa tassa per ridurre il debito pubblico….nessun parlamentare, nè di destra o di sinistra, ha finora proposto di diminuire la spesa per la politica, ad es riducendo il n. dei parlamentari, abolendo le provincie, aggregando i piccoli comuni (alcuni sono minori di 1000 ab)ecc. quanti milioni di € si potrebbero risparmiare?

  7. @ mapier ha scritto venerdì, 03 giugno 2011Giusto mapier! Anzichè continuare a strizzarci sino all’osso, iniziassero i politici a ridurre i loro costi!E’ VERGOGNOSO CHE TUTTI I PARLAMENTARI GODINO DI UN VITALIZIO DI OLTRE 3 MILA EURO AL MESE PER IL SOLO FATTO CHE HANNO SEDUTO IN PARLAMENTO PER 4 ANNI!A noi italiani comuni occorre lavorare per 40 anni per avere uno straccio di pensione nemmeno lontanamente paragonabile ai loro 3 mila euro netti.Bene iniziassero col togliere questo vergognoso vitalizio anzichè venire a prendere i nostri sudati risparmi di onesti lavoratori!

  8. Avete sentito di quei due a Milano in merito all’Expo, sembra che entrambi siano anche onororevoli, o che ricoprano entrambi cariche pubbliche, e che il primo ha lasciato il posto di non so quale carica(sempre in merito all’Expo) che gli portava da sola oltre quattrocentocinquantamila/l’anno e poveretto se avesse fatto bene il suo lavoro, ne avrebbe ricevuto altri 150 mila in premio, mentre il secondo a lui subentrato, poveretto anch’egli perchè purtroppo si è dovuto accontentare solo di poco meno di quattrocentomila euro/anno e con un premio ridotto di “soli” si fa per dire centomila euro/anno. Altro che patrimoniale potrebbero pagare questi poveretti che in Italia rappresentano la classe povera degli innumerevoli “golden man senza merito” esistenti, e che sono i principali “creditori” del “nostro” debito pubblico (non loro, perchè è chiaro che loro prendono i soldi del pubblico e noi che siamo il pubblico paghiamo a loro il debito). Il maggiore degli scrocconi, che alle nostre spalle,quantunque non avesse mai fatto nemmeno una giornata di lavoro, e perce-pisse un sussidio di cinque o sei mila euro/anno, dovrebbe campare almeno cento anni a scrocco, per poterci scroccare quello che il più povero dei “golden man”, riesce a scroccarci in un anno. Saluti gigi

  9. Inoltre, a mio avviso, la patrimoniale è una mera appropriazione indebita e non un fattore psicologico di punti di vista. Anche quando si porta l’esempio delle case. Ma chi è il fisco o chi per esso, e che cosa hanno dato loro (se non fastidio e ostacoli vari) ad un poveretto (e stavolta povero sul serio) che non ha mangiato per una vita pensando di sacrificarsi per farsi un’abitazione ( non l’avesse mai neanche pensato: burocrazie, richieste di permessi, norme urbanistiche, oneri di costruzione, oneri di urbanizzazioni, permessi di sovrintendenze, e chi più ne ha più ne mette), e che al momento che vuole trasferirla a qualsiasi titolo deve pagare, e che al massimo in tre o quattro passaggi(donazioni, vendita), il proprietario è divenuto il fisco e chi per esso che hanno intascato più di quello che il poveretto ha dovuto pagare e che deve pagare! La stessa ICI ,di cui, qualche colore politico ne lamenta l’abolizione sulla prima casa, che cosa era, se non il pigione che si spartivano stato e comuni , da veri “usurpatori di proprietà dell’immobile”, che il poveretto si è fatto a sue esclusive spese, lottando contro gli ostacoli creatogli dagli stessi enti impositori. Gli speculatori edilizi sono ben altra cosa, quale ICI pagavano o pagano?Cosa fa la politica, se non prendersela con chi sempre con sacrifici è riuscito a farsene , magari anche due di case (a volte anche dividendo in due la prima), e ci mette dentro un figlio ad abitarci (non specula con affitti e pigioni), quest’ultimo diventa il ricco di turno a cui “succhiare”, e già , non è quello che ha provveduto ad alleggerire l’onere dello stato di procurare un alloggio a tutti, ma diventa quello che “possiede” una “seconda casa”, per cui va tassato, 7 per mille ICI, aumento di un terzo rendita irpef e via discorrendo;ma se sono io il proprietario, perchè debbo pagare sul mio? Quando si tratta invece del loro, il concetto di proprietà è ben chiaro: cioè il mio è mio, e il tuo invece è …….. anch’esso mio. Saluti gigi

  10. Per come sta andando, meglio mangiarsi (a breve) tutti i pochi risparmi, come hanno fatto in tanti negli ultimi anni vivendo sopra le loro possibilità.Saremo cosi poveri, ma felici si esserci mangiato tutto noi (quello che avevamo guadagnato e risparmiato) e non lo stato….

  11. Articolo equilibrato che dimentica di indicare che lo Stato nasconde alla popolazione italiana un vero tesoro.Le 89 Fondazioni Bancarie Italiane hanno una capitalizzazione di circa 100 miliardi di Euro sul mercato finanziario. Accedere al sito http://www.acri.it per credere!Essendo le Fondazioni Bancarie “enti di diritto privato” il loro capitale non confluisce nel bilancio dello Stato; basterebbe teoricamente un semplice decreto legge che dichiari che le Fonadazioni Bancarie sono “enti di diritto pubblico” per ridurre il debito pubblico italiano di 100 miliardi di Euro.100 miliardi di Euro sono una somma immensa: ad esempio la finanziaria 2011 (con la temuta introduzione della patrimoniale) avrebbe un effetto totale di circa 30/40 miliardi di Euro!Allora la domanda: perchè prima di tassare i contribuenti con una nuova patrimoniale lo Stato non mette a disposizione questo suo tesoro “nascosto” di 100 miliardi di Euro per ripianare il debito pubblico che lo Stato ha contratto negli ultimi 20 anni?

  12. @ agoseta ha scritto giovedì, 23 giugno 2011Caro agoseta, premesso che sono d’accordo con te sul fatto che è ora che il governo smetta di strangolare gli italiani con nuove tasse e che inizi a tagliare i suoi costi e quelli della politica, non vedo molto attuabile la soluzione che tu proponi.Le fondazioni a cui tu fai riferimento sono a tutti gli effetti enti privati, non sarebbe sensato (oltre che ortodosso) trasformarle per legge in enti pubblici perchè sarebbe come trasformare una società privata in una pubblica… La stessa Cina comunista avrebbe difficoltà a farlo.Credo che il risanamento dell’Italia possa e debba passare per altre strade:- in primis taglio dei costi della politica e delle inefficienze dell’amministrazione pubblica- in secundis lotta all’evasione (soprattutto alla grande evasione)- infine investimento nelle energie rinnovabili e nelle tecnologie per il risparmio energetico.Nell’ambito del risparmio energetico esiste un potenziale incredibile, si calcola che in Italia si otterrebbe un risparmio pari all’energia prodotta da oltre 10 centrali nucleari.Ricordo che i piani nucleari del nostro governo (prima del referendum) prevedevano 4 centrali operative entro i prossimi 20 anni, ottenere l’equivalente di 10 centrali nucleari con il solo risparmio energetico rende perfettamente l’idea del potenziale a disposizione senza considerare che il risparmio energetico sarebbe attuabile in pochi anni e non in un ventennio come con il nucleare e senza i costi dello smaltimento delle scorie radioattive…Inoltre potremmo esportare verso gli altri paesi il know-how e le tecnologie implementate dall’Italia creando così un importante nuovo volano alla crescita del nostro paese.

  13. penso che il governo voglia farci pgare la sua incapacita’ di tagliare i costi inutili,come gli aiuti alla carta stampata,un miliardo di euro all’anno,e prenderli dove sono,auto di lusso,ferrari,lamborghini e altre,ed ai possessori di barche, palazi e aereomobili,e chi si puo permettere di spendere migliaia di euro in una serata in locali,magari denunciando poche migliaia di lire all’anno,senza scordarci poi i costi esorbitanti della politicam7 auto blu al ministro brunetta…non strombazzava tanto sui risparmi?senza aggiungere il resto che ai signori parlamentari paghiamo noi,es,la pensione a vita dopo una legislatura,solo in italia……….che schifo

  14. @ mauro ha scritto giovedì, 23 giugno 2011sono d’accordo con mauro, basta tassare gli onesti lavoratori è giunto il momento di tagliare i costi della politica e combattere seriamente la grande evasione fiscale.I nostri politici (sia di destra che di sinistra) non lo faranno mai di loro sponte, l’unico modo per cambiare le cose è far sentire la nostra voce il più forte possibile, attraverso gli strumenti che ciascuno di noi ha a disposizione.Questo blog, è un’ottima occasione che ci viene fornita. Complimenti per l’iniziativa!

  15. @ luca ha scritto giovedì, 16 giugno 2011sono d’accordo con Luca, spendiamo i pochi soldi che abbiamo prima che arrivi il governo e la prossima crisi a portarceli via :) i politici chiedono a noi sacrifici mentre loro si circondano di privilegi e benefit, siamo proprio dei coglio… a lasciarglielo fare

  16. Trovo che, la patrimoniale potrebbe essere applicata a tutti i parlamentari che guadagnano un sacco di soldi sudando poco, e che hanno tutti i privilegi in poco tempo, nonchè a chi ha avuto l’occasione di arricchirsi con l’aiuto di finanziamenti ecc aiutati anche da regole dello Stato, ma non sui risparmi del povero cittadino che, in una vita di straziato lavoro, ha messo da parte quel poco di risparmio per poi vederselo ciucciare ancora da questo sistema di tassazione assurda, e quindi pagare tassa su tassa su un guadagno da dipendente già tassato alla fonte, cerchiamo di fare le cose secondo criterio, e non come ha già fatto quell’emerito testa di c.di Amato, che ha colpito tutte le classi piu deboli con le trovate dei suoi malsani balzelli, tanto a lui e quelli della sua categoria, non tocca pagare!!!

  17. @ Pilato ha scritto domenica, 26 giugno 2011Come non essere d’accordo con le parole di Pilato: politici italiani vergognosi che stanno affondando il paese mentre loro continuano a circondarsi di ogni privilegio e benefit. E ora la politica si appresta a chiedere/imporre nuovi sacrifici ai lavoratori italiani.Ma non laviamoci le mani come Pilato: esprimiamo il nostro sdegno, la nostra indignazione e la nostra disapprovazione.Facciamoci sentire in questo blog, sui commenti dei giornali on-line, sui social network, nella vita reale, nelle piazze, nei circoli, al lavoro e in qualsiasi altro luogo sia possibile sensibilizzare la coscienza nazionale.Questo è il nostro obiettivo: portare l’opinione pubblica a chiedere il cambiamento radicale di questa classe politica vergognosa che ci sta lentamente portando alla rovina!AnticastaPS: sostieni la protesta contro la malapolitica e la casta dei politici, è sufficiente il passaparola e seguire questo profilo-twitter:http://twitter.com/AnticastaIscriviti a twitter ed esprimi il tuo punto di vista, contribuirai a cambiare le cose.

  18. Io credo che dire la nostra facendosi sentire sui blog, sui giornali ecc. ormai non sia piu’ sufficiente; questi mezzi sono stati sempre usati ma nuove tasse si sono sempre ripresentate alla nostra porta! Vediamo se facciamo la fine dei vari paesi nordafricani, dove e’ stato usato l’ unico modo possibile …………………….oramai non ci resta altro!

  19. Quando frequentavo le medie (50 anni fa), ogni settimana c’era un’ora di economia domestica in cui ci veniva insegnato a condurre l’economia di una famiglia. Se le entrate mensili sono 1000, le uscite mensili saranno al massimo 1000; se le uscite previste superano le entrate, bisogna evitare alcune spese. Solo per acquisti eccezionali (l’auto, la casa) e se le uscite mensili sono sempre state inferiori alle entrate, si può pensare a rateazioni.Non so cosa facessero i miei compagni di scuola in quell’ora, ma ci stanno governando e sicuramente non stanno mettendo in atto questi insegnamenti. In ogni famiglia, prima di togliere il gelato ai figli, i genitori rinunciano al ristorante, al cinema, al vestito nuovo. A cosa rinunciano i nostri padri, prima di togliere il gelato a noi, loro figli? Chi sono questi nostri padri che studiano come succhiare dalle paghette o dal nostro salvadanaio prima di rinunciare a parte delle loro entrate, benefici, vitalizzi ecc.? Per quanto dovremo sopportare ancora questo stato di cose?

  20. “” Levateli di colpo dai piedi (pensione sociale o richiesta di cercarsi un lavoro vero) e, nel giro di anni 10 metà del debito si sarà riassorbito. “”Così abbiamo di colpo una marea di disoccupati che si aggiungeranno a quelli che già abbiamo.Se invece blocchiamo le successive assunzioni pian piano verrano elimanati gli esuberi, dimezziamo drasticamente gli stipendi degli esuberi attuali e di chi lavora allo stato(politici, portaborse,autisti,sottosegretari, parrucchieri, e statuine varie). Lasciamo le auto blu alle sole cariche alte dello stato e le rimanenti le assegnamo alle forze dell’ordine che non ne hanno.Con tutto il rispetto c’è chi vuole spostamenti di ministeri altrove che causerebbero solo ulteriori spese di installazione e gestione di nuovi immobili che per giunta in affitto(altre spese). Sequestriamo mobili ed immobili per milioni e milioni ma non vengono utilizzati per recuperare entrate come la vendita o l’affitto. Tante strutture sequestrate e lo stato paga l’affitto di strutture pubbliche o caserme.”Recuperati milioni e milioni di euro di evasione fiscale” Se, se….. SULLA CARTA!!!ne entrano in cassa effettivamente si e no il 35% o perchè non pagano o perchè (per legge) l’agenzia delle entrate di quello accertato ne fà pagare una parte (ribadisco per legge che permette l’accordo ).E BAAAASTAAAA!!!!

  21. comunque la si metta, la patrimoniale, così come l’iva, l’ici, il bollo, è una razzia, un indiscutibile furto, anche perchè ” non tocca i ladri in parlamento.basterebbe veramente poco a limitare la spesa pubblica al punto di poter addirittura dimezzare l’iva, “cosa quest’ultima che moltiplicherebbe esponenzialmente il potere di acquisto del popolo” con tutti i benefici conseguenti.i ladroni hanno deciso di limitare a1600cc. i motori delle auto blu, bravi si! perchè invece non dimezzano subito quelle esistenti e poi se le tengono fino alla corrosione? tradotto, milioni di € in meno se si considerano anche gli stipendi dei drive “fan cazzisti”, perchè non si ridocono (subito gli stipendi) del 50% ed eliminano le province!?, tradotto: qualche buona a nulla disoccupato in più ed altri milioni in più nelle casse, perchè non non si tolgono a TUTTI i dipendenti di stato, sia in divisa che non, tutti quei micro benefici, sconti, pass, buoni etc.. che i comuni cittadini devono invece pagare?! semplice, xchè lo stato pretende in cambio di niente, questi banali, logici esempi, sono e saranno sempre inattuabili in uno stato da sempre ladrone, dove l’imperativo è delinquere.che schifo, W. la Francia.

  22. @ andy ha scritto venerdì, 29 luglio 2011tutto giusto andy, eccetto la frase finale. Non è inneggiando altri stati o accettando passivamente la stato delle cose che si migliorano le cose.Ognuno può fare e deve fare la sua parte per migliorare le cose altrimenti si è complici di chi ci governa.Facciamoci sentire in questo blog, sui commenti dei giornali on-line, sui social network, nella vita reale, nelle piazze, nei circoli, al lavoro e in qualsiasi altro luogo sia possibile sensibilizzare la coscienza nazionale.Questo è il nostro obiettivo: portare l’opinione pubblica a chiedere il cambiamento radicale di questa classe politica vergognosa che ci sta lentamente portando alla rovina!AnticastaPS: sostieni la protesta contro la malapolitica e la casta dei politici, è sufficiente il passaparola e seguire questo profilo-twitter:http://twitter.com/AnticastaIscriviti a twitter ed esprimi il tuo punto di vista, contribuirai a cambiare le cose.

  23. purtroppo se toccano le ultime risorse che gli italiani si conservano, sarà guerra civile.sono un dipendente di un’amministrazione soppresa con l’ultima finanziaria perchè a detta di qualcuno doveva portare ad un risparmio. In realtà hanno fatto piu’ danni, però i soldi per aprire 4 inutili sedi mkinisteriali a Monza, li hanno trovatoLega e Bossi merdeeeeeee…….non mi sento tutelato. Io lavoro per farmi una casa e poi mi tolgono quei pochi soldi da parte e quindi per finire i lavori devo chiedere altri prestiti a banche…..insomma vogliamo far lavorare le banche? vogliono rubarci tutto ???? che si attacchino a sti……ca……..zz

  24. Secondo me la patrimoniale (non come una tantum ma come tassa annuale) sarebbe cosa buona e giusta se accompagnata da una riduzione delle aliquote irpef in modo da spostare la tassazione dal lavoro alla rendita. In questo modo si ridurrebbe automaticamente anche l’evasione fiscale.Ma non credo che verrà fatto.

  25. Non sono per nulla ottimista su questo argomento come tutti voi del resto.Ed ho talmente poca fiducia nella classe politica Italiana da poter vedere solamente due soluzioni, entrambe provenienti dall’esterno:Gli speculatori internazionali riducono l’Italia sul lastrico;Bruxelles obbliga Roma a ridurre i costi;E’ probabile che la seconda avvenga in funzione della prima. infatti l’Europa non fara’ nulla a meno che non vi sia costretta.C’e’ anche un terzo scenario: L’Italia prende coscienza e si responsabilizza, ma questo cozza brutalmente contro il pessimismo con il quale e’ stato aperto il mio pensiero.Saluti e buona crisi a tutti

  26. Il problema di tutto cio’ sta’ nella politica e basta !!!.20 milioni di euro/anno per mantenere il presidente della repubblica e tutto il suo antourage e’ una cosa schifosa…se nza contare lo stipendio dei parlamentari, la pensione dopo 15 mesi di “lavoro”….e ce ne sarebbero da aggiungere per riempire 10 pagine.Insomma uno schifo !!!…sacrifici solo noi e basta e’ questa la realta’.La kasta invece niente…Che bel paese…Ho vergogna a vivere qui e a subire tutto questo schifo.Me ne andrei volentieri …ma la mia eta’ me lo impedisce…Spero solo in un grosso meteorite…che azzeri tutto…proprio tutto e si ricominci dall’eta’ della pietra….perche’ volente o nolente sara’ questa la soluzione di tutto.C’e’ troppa corruzione da tutte le parti…ma da tutte!!!….e quindi e’ l’unico sistema.Scusate la franchezza !!

  27. non mi fregate più con la storia dei figli. Anche quando mio padre lavorava gli avevano detto che i contributi erano alti perchè le generazioni successive dovevano essere protette. Quando ho cominciato io a lavorere nel 1970 mi fu spiegato che la maggior parte dei contributi servivano per la mia pensione. Oggi devo augurami che chi lavora me li paghi perchè i miei contributi e le mie liquidazioni me le hanno sequestrate e mangiate. Se veramente volete risparmiare non è certo il sistema di applicare tasse sui risparmi e sulle fatiche. Per risparmiare occorre avere il coraggio di accentrare come fanno le grandi imprese. Allora eliminate le regioni, le province e accorpate i comuni in modo omogeneo così da le frammentazione costose e dannose, con troppi comandanti e quindi con troppe contrapposizioni; mettete sul mercato le Municièpalizzate e le Aziende di stato e lasciate libera la gente. Cancellate le caste (noyai, medici, farmacisti, etc)e fate in modo che il cittadino sia libero di scieglere. Togliete il contenzioso fre i poteri e il togliete il contenzioso dei condomini dalle mani della magistratura ( sono il 60% delle cause) Assottigliate i privilegi. Così facendo vedrete quanto sarà il risparmio

  28. Naturalmente chi scrive spera come gli altri di non essere colpito…Questo articolo è un istigazione a delinquere, al furto, all’estorsione. Altro che demagogia e populismo, chi giustifica simili porcherie va privato di qualunque titolo e messo a raccogliere pomodori.

  29. “……, mentre le forze di centro-destra hanno tentato di ridurre gli interessi attraverso una politica di bilanci rigorosi e di tagli alla spesa pubblica.”HAHAHAHAHAH !…rido; era una battuta, vero?no?… di quali tagli si parla? niente demagogia per favore. Il fatto è che la classe politica (nel suo insieme) è sempre stata convinta (forse lo è ancora) che il debito pubblico fosse un problema troppo grande per essere risolto senza perdere irrimediabilmente in popolarità o senza rompersi le uova nel paniere con seri tagli alla spesa pubblica (.. le province, mioddio!!!!! ). Ma prima o poi i conti si pagano. A chi, vedremo.

  30. Se fanno la patrimoniale sui conti correnti tipo l’ imboscata d’Amato nel ’92, vedrete che qualche giorno prima i politici si precipiteranno in banca a svuotarli e l’onere del debito graverà come al solito sulle spalle del popolo bue.Per la serie: fate quel che dico ma non fate quel che faccio!

  31. Quello che scrive “Jack Montezuma ha scritto giovedì, 23 giugno 2011″ è chiaro, giusto e direi lapalissiano e quindi, visto che i nostri politici non si muovono in questa direzione, risulta chiaro che non si vuole uscire dalla crisi perché è figlia di vantaggi che non si vogliono perdere e di un “sistema” che per la casta è il brodo di coltura.Si pagherà caro ma tanto pagheranno gli altri, pagheremo noi tutti.Sono sempre più tristemente convinto che l’unica cosa giusta è la morte.

  32. Sto leggendo tutto quello che scrivete,per potere capire qualche cosa anche io,sono però arrivato a una mia conclusione ,per cambiare questa mangeria : stipendio, auto blu,ferie invernali e estive, viaggi a luoghi spirituali, porta borse,galoppini vari,viaggi trasferte,pensioni e tante altre ….,non dovrebbe assolotamente essere deciso da loro perchè sarebbe come, chi va al mulino si infarina,perciò parlare e sfogarsi OK ma se non togli a loro questa possibilità ciao e figli maschi.

  33. E’ bello sentire molta gente parlare di ribellarsi alla classe politica…peccato che siano solo parole al vento, NON realistiche.Prima di tutto perchè per fare una vera ribellione ci vuole coesione di un popolo, cosa che noi non abbiamo (destra contro sinistra, nord contro sud, italiani contro stranieri, ecc.). Finchè ci sarà questo menefreghismo e campanilismo, in Italia SCORDATEVELA una ribellione.Poi bisogna ammettere che per molta gente questi discorsi di ribellione sono solo lagne da bar. Poi basta una partita di calcio, una serata in discoteca o un cellulare nuovo per dimenticarsi di tutti i buoni propositi.E intanto la cosidetta casta continua a fare quello che le pare con i soldi nostri!Sapete cosa penso io? Che il governo metterà in vigore la patrimoniale, i costi della politica non verranno toccati se non al rialzo, i prezzi aumenteranno ancora, ci sarà un’ondata di nuove privatizzazioni selvagge e NESSUNO di noi muoverà un dito.Troppo pessimista? No, solo REALISTA.Ps: in Islanda una ribellione coi controfiocchi l’hanno fatta DAVVERO. Questo giusto per dire che non sarebbe un cosa impossibile, se ci fosse la volontà. http://www.ilcambiamento.it/lontano_riflettori/islanda_rivoluzione_silenziosa.html

  34. ciao Aky sei un grande …. sante le tue deduzioni purtroppo realistiche…le condivido a tal punto da farle mie ….e….facciamoci gli auguri spero che dopo questi fulmini arrivi l’arcobaleno se no…..benvenga il meteorite Ciao

  35. Ciao Cristina, …purtroppo hai non una ma mille ragioni…!!!!….Oggi fino a quando gli italiani avranno la formula 1, la moto gp e l’inter che gioca contro il milan la domenica pomeriggio su sky credo che non andremo proprio da nessuna parte !!!…..Alla gente piace la comodita’, piace non subire ne fare casini (almeno la maggior parte) ….e quindi credo che accadra’ proprio come dii tu….le tasse arriveranno e noi le pagheremo senza batter ciglio….poi andremo in depressione allora ci butteremo sul cibo , sul fumo e di nuovo sulla TV (vedi quanto scritto all’inizio) e cosi’ via….in un circolo vizioso….Ecco perche’ credo che per far svegliare le persone e quindi cambiare qualcosa serve che succeda un qualcosa di grosso, qualcosa che serva veramente ad aprire gli occhi o perlomeno faccia fermare il gioco e rivalutare il tutto…Purtroppo, vista la corruzione generalizzata un po’ in tutto, credo che questo qualcosa debba essere molto “pesante”….Mi spiace dirlo ma….forse dovremmo ricominciare dalla clava e ricostruire il tutto….Con tutte le falsita’ e la corruzione che esiste e’ difficilissimo recuperare lo stato delle cose attuali.In bocca al lupo !!!

  36. il problema è irrisolvibile perché l’umanità intera (a parte popolazioni indigene come gli indiani d’America, infatti poi eliminati) ha da sempre scelto come valore assoluto, inequivocabile, della vita il Denaro. E questo è ingiusto alla radice. Una zucchina e chi la produce genera una ricchezza reale, chi parla in Parlamento non produce niente, produce parole che non sono oggetti tangibili, non esistono, pertanto affidare del denaro (zucchine) a chi parla e basta è sbagliato. Tutti dovremmo coltivare zucchine, pulire i cassonetti, tutti dovremmo fare tutto. Il modello di sviluppo è SBAGLIATO. Ma questo nessuno lo vuole ammettere perchè fa molta paura pensare che SIAMO TUTTI UGUALI. RIVOLUZIONE, IO CI SARO’.

  37. ULTIMAMENTE PRENDO CONVINZIONE DEL FATTO CHE BISOGNA CRESCERE, SEPPUR IL CONSUMISMO E’ AL COLLASSO, E IN TAL SENSO DOVREMO PRENDERE PROVVEDIMENTI.PER CRESCERE , CREDO CHE DOBBIAMO LIBERARE IL NOSTRO SUD.TANTE PERSONE VALIDISSIME GIU’ AL SUD ASPETTANO QUESTO E HANNO FORTE VOLONTA’ DI CAMBIARE.IL NOSTRO SUD . LO PARAGONO AD UN PAESE SOTTOSVILUPPATO E REPRESSO AD OGGI , CHE PERO’ GRAZIE ALLE SUE POTENZIALITA’, NON SOLO UMANE, POTREBBE DIVENTARE UNO TRA I NUOVI PAESI EMERGENTI.PENSATE ALL’ ITALIA CON DUE FORTI MOTORI TRAINANTI .SE PENSO ALLA MIA OCCUPAZIONE VI DICO :SAPETE CHE A BENEVENTO SU 10 PERSONE 3 LAVORANO E 7 PERCEPISCONO LA PENSIONE ?

  38. @POSITIVO ha scritto lunedì, 08 agosto 2011giusto POSITIVO, ma sin quando ci sarà al potere questa marmaglia di ladri e parassiti non realizzeremo mai un fico secco. Innanzitutto vanno mandati a casa sia quelli di centro-sinistra che quelli di centro-destra, soprattutto quelli di centro-destra che sono il peggio del peggio!Poi con una nuova generazione di politici e di governanti si potrà iniziare a ragionare dei nuovi obbiettivi dell’Italia.

  39. HO 72 ANNI E, QUINDI HO VISSUTO SIA LA CRISI FINANZIARIA CHE TASSAVA OGNI FAMIGLIA DI 80.000 LIRE UNA TANTUM , SIA LA PATRIMONIALE DEL 1992. L’ABOLIZIONE DELL’ICI SU ALCUNI IMMOBILI NON HA FATTO CHE PEGGIORARE LA GIA’ PRECARIA SITUAZIONE DI PARECCHI COMUNI. LA DOMANDA CHE VI PONGO E’ LA SEGUENTE: LA PATRIMONIALE COLPIRA’ ANCHE CHI HA RISPARMI PRESSO VARIE BANCHE CHE OPERANO ON LINE? GRAZIE E CORDIALI SALUTI MARISA CAPOROSSI

  40. diego da milano,giustamente parli di nuova generazione di politici. Succede pero’ che chiunque riesce ad arrivare al potere politico , anche con ottimi propositi , e’ costretto a forti compromessi e la sera vanno tutti a cena insieme.come per magia , una volta arrivati sono costretti a mettere i remi in barca e se sei onesto convinto… sei fuori. io stesso non vorrei misurarmi. sono convinto che pure io cadrei nella rete.Premetto che non seguo ideologie politiche ma mi rendo conto che occorre qualcosa di piu’ grande come progetto per sradicare questo sistema.mi spavento a pensare queste idee drastiche che ricorderebbero lontanamente il nostro recente passato…pero’ occorrerebbe un intervento deciso.ripeto , al sud ci sono persone toste che credono ad un’altra famiglia ,ancora piu’ allargata.tra gli stessi potenti non credo non esista qualcuno che nutra alte aspirazioni di diffondere giusti ideali, azioni e risultati per l’essere umano.e’ vero anche che nella storia , quando tali ideali arrivarono al loaro apice , nel risorgimento, ecco che nacque a ruota il banditismo ! che ironico colmo !Chissa se riusciro’ mai a vedere , io insieme a voi , un nuovo pioniere che ha voglia di stravolgere questo sistema con idee sane .oh veloce, fra 100 anni chi sta’ leggendo non ci sara’ piu’ ….neppure i nostri figli.

  41. @CAPOROSSIMARISA ha scritto lunedì, 08 agosto 2011Dipende dal tipo di patrimoniale che il governo deciderà di imporre… Dal punto di vista tecnico-operativo il governo può tassare qualsiasi risparmio depositato su un conto italiano: sia on-line, che tradizionale, sia obbligazioni, che azioni, pct, vincolati e libretti postali.Dipende solo da dove il governo deciderà di attingere per ripianare il devastato (da loro stessi) bilancio pubblico.Ad esempio, se ci pensi, l’aumento dell’imposta di bollo sul deposito titoli, entrata in vigore con la manovra economica di luglio 2011, è già una piccola patrimoniale che colpisce chi ha titoli per un ammontare superiore a 50 mila euro…Lo spirito di questa comunità è quello di aiutarsi a vicenda, aiuta anche tu un lettore o segnala ad altri l’iniziativa tramite i tuoi blog, siti internet, social network (facebook, twitter, …) o con il semplice passaparola. Più siamo e più possiamo aiutarci a vicenda.grazie, ciao

  42. Premetto che io non capisco la politica , e nemmeno conosco tutti i rigiri che ci sono dietro , ma io penso che invece di tassare tutti gli italiani , i politici dovrebbero ridurre i loro stipendi gonfiati , e loro mega pensioni , sicuramente il debito cala , e poi scusate la domanda , ma i soldi che sequestrano alla mafia dove vanno ? Io spero vivamente che anche questo denaro , venga utilizzato per il debito pubblico , e le tasse che i mafiosi non pagano ….. Oppure …bah…non vorrei pensare al peggio , ma visto che quando sono al potere , tutti fanno quello che vogliono , destra o sinistra , sono tutti uguali ..

  43. Commosso dalla partecipazione all’argomento mi rendo conto che ogni punto di vista da adito ad osservazioni e commenti e approfondimenti e sensazioni quali rabbia, delusione, rassegnazione, voglia di intervenire…Qualsiasi soluzione è un azzardo… però far pagare chi ha causato il problema o comunque non è stato capace di risolverlo mi sembra una tra le tante possibili. Ma perché non riprenderci la nostra libertà? Se c’è un motivo per cui alcuni guadagnano tanto, quel motivo è la responsabilità. E se dopo pochi mesi in parlamento c’è gente che va avanti con un vitalizio più che invidiabile allora la responsabilità se la porta anche dopo il mandato. Che paghi gli errori.Direi che… Basta!Ancora un urlo tra pochi ma non c’è dubbio alcuno: siamo un pò tutti stanchi di quest’andazzo.Son sicuro di non esser solo in questa parte del mondo a metà tra l’onesto e il sognatore.In bocca al lupo a tutti e crepino gli “avvoltoi”

  44. allora via …..mi replico….chi fa’ da pioniere ?su forza , un ‘ idea concreta per fare un primo passo ….perdonate , io , io non sono mai arrivato primo …in qualsiasi occorrenza….ma… se parto , comunque sia tardi, … lotto per il secondo posto !!!! non pensiamo a drastiche risoluzioni … … mi fanno perdere energia….su’…un idea migliore dai !

  45. La soluzione sarebbe semplicissima se qualche “vero” giornalista o politico volesse fare emergere la verità.Le 89 Fondazioni Bancarie Italiane hanno una capitalizzazione di circa 100 miliardi di Euro sul mercato finanziario. Accedere al sito http://www.acri.it per credere!Essendo le Fondazioni Bancarie “enti di diritto privato” il loro capitale non confluisce nel bilancio dello Stato; basterebbe un semplice decreto legge che dichiari le Fonadazioni Bancarie “enti di diritto pubblico” per ridurre il debito pubblico italiano di 100 miliardi di Euro.100 miliardi di Euro sono una somma immensa: ad esempio la finanziaria 2011 avrebbe un effetto totale di circa 30/40 miliardi di Euro su 3 anni … la temuta introduzione della patrimoniale di soli 17 miliardi di Euro!Allora la domanda: perchè prima di tassare i contribuenti con l’ennesima patrimoniale lo Stato non mette a disposizione questo suo tesoro “nascosto” di 100 miliardi di Euro per ripianare il debito pubblico che lo stesso Stato ha contratto negli ultimi 20 anni? Inoltre autorevoli economisti sostengono che le Fondazioni bancarie sono la riedizione moderna della ottocentesca “mano morta”.C’è qualcuno in grado di spiegarlo???

  46. ma se invece di prelevare soldi e ridurre in continuazione i servizi perche’ tutta la classe politica non si mette a stecca con 1500 € al mese di stipendio e pensione dopo 40 anni di lavoro niente auto blu e scorta pagata da loro stessi e non dallo stato, ah dimenticavo anche tutti i servizietti dei palazzi a pagamento:barbiere, viaggi, bar etcvuoi vedere che in poco tempo l’elastico si ritira???bisognerebbe fare una rivoluzione come 100m anni faby by

  47. Comunque vada sono stanco che a pagare siano sempre i cittadini.Ma questa classa politica, destra e sinistra, quando ridurrà i propri privilegi, quando tagliera le spesie inutili, vedi “comitato per il ponte sullo stretto”, quando metterà un limite agli stipedi dei Manager del pubblico impiego, quando si rudurrà benefici e stipendio….Mi sto incazzando di brutto !!!!!

  48. Condivido tutto quanto scritto sull’articolo.Sono favorevole ad una patrimoniale anche incisiva e preferibilmente progressiva.Credo che sarà peraltro inevitabile.Ritengo che sarebbe giusto anche abolire gli enti inutili (licenziando il dipendenti pubblici che da anni percepiscono in molti casi stipendi a fronte di nessun servizio utile reso alla collettività). Magari introducendo meccanismi di uscita soft (1 anno di stipendio come buona uscita, ma non di più). Adotterei inoltre le politiche indicate dal Pietro Ichino nel suo libro per far uscire dalla pubblica amministrazione i nullafacenti.Adotterei costi standard nella sanità e parametri sui dipendenti regionali/comunalicon dei coefficienti massimi proporzionati al numero di abitanti. Non può esistere che la sicilia abbia da 5/6 volte i dipendenti della regione piemonte.Non è più tempo per gli enti pubblici come stipendifici. A mio avviso non basta solo non assumere più, ma occorre anche alleggerire l’esistente.

  49. io penso che 50 anni fa la bomba atomica doveva essere buttata su roma per distruggere le radici del male.Continuando cosi’ finira’ che la gente non ne puo’ piu’ e allora si che saro’ contento di essere in prima fila a dire come risolvere il problema in italia.Mica ci vuole tanto oppure l’arca di scienza e parole filosofiche ,io ho il modo come risolvere tutto cio’:chi sbaglia va a casa e paga tutto quello che ha rubato ,purtroppo non succede perchè con i soldi si comprono anche i giudici…IN italia debbono comandare 50 persone tutti gli altri a casa a rompersi il culo come faccio io per uno stipendio di merda fitusa come voi politici di merda e mafiosi che non siete altri……

  50. Ciao a tutti. Leggendo qua e la mi sembra di aver capito che fino ad ora ci siamo salvati perche le ns banche sono solide, ma sono solide perche noi formichine cojone abbiamo risparmiato una vita e i ns risparmi hanno fatto il “valore” di queste banche. Ora queste formichine cojone le vogliamo fare incazzare togliendogli buona parte di quanto risparmiato, perche’ questi scienziati al governo hanno sempre pensato ai c…i loro(privilegi vari,immensi,fatti ad hoc, che tutti conosciamo). Ricordiamoci che la precedente “patrimoniale secca Amato” è stata applicata di venerdi quando nulla abbiamo potuto, noi formichine, mentre “loro”, ben coscienti di quello che stavano per fare, sui loro conti/depositi i soldini …quel venerdi…erano stati …..puffff….prelevati .Chi ha pagato anche quella volta??? Ma possibile che tutti questi “scienziati” (sempre troppi come numero se paragonati a quelli di altri paesi) non si riesca mai a farli pagare per le fregnacce che fanno ?? In sintesi: siamo tutti schifati dei bungabunga,delle onorevoli vamp,delle miss schizzate, di loro in discoteca mentre i ns ragazzi muoiono in guerre del c…o,…. ma pensassero un attimo che se si va’ a picco per le loro cojonate forse pagheranno anche loro.

  51. Buonasera,non ho avuto tempo di leggere tutti ivostri commenti , ma quello che sta succedendo nel nostro paese dovrebbe scatenare una rivoluzione di tipo francese per eliminare tutti i governanti che ci hanno ridotto in questo stato.Le spese sulle quali intervenire per ridurre il debito pubblico sono :D imezzare i parlamentariEliminare le provincieCreare una polizia unica eliminando polizia di stato, carabinieri, polizia penitenziaria, finanzieri, polizia portuale, polizia zoofila, e tante altre inutili che impegnano una pluralità di persone che succhiano le risorse dello stato contanti privilegitra tra i quali ilmantenimento di circoli e foresterie sparsi in tutta italia .Auto blu , scorte, bouvette, barbieri e parrucchieri alla camera.Ridurre gli stipendi ai parlamentari compresi i commessi.Diminuire il potere della protezione civile, caritas e croce rossa e controllarne i conti.Ridurre i consiglieri regionali che tra l’altro se la maggior parte sono come il trota , non servono a niente.Purtroppo i tagli chi li fà? chi sta al potere non si autoriduce niente. La loro ricetta è far pagare i conti ai vassalli perchè loro sono i signorotti.Ci vuole solo una rivoluzione.Sono proprio arrabbiata.Lavoro, lavoro e riesco a malapena a pagarmi un affitto e se ho un minimo di risparmio devo anche temere che i ladri mettano le manio sul mio misero conto. E’ una vergogna.Buona notte

  52. @ emanuele ha scritto venerdì, 12 agosto 2011Sì emanuele, la manovra del governo può tassare anche i depositi vincolati a tempo determinato come ing direct, rendimax e che banca.Può colpire anche le obbligazioni e pure i libretti postali. In linea teorica tutti i beni privati sul territorio italiano sono suscettibili a tassazione, sta poi nella politica del governo decidere se e cosa tassare.Comunque nel caso della manovra finanziaria di agosto 2011 è improbabile che il governo decida di tassare direttamente la liquidità su conti correnti e depositi vincolati o pct. Più probabile che si concentri sulla tassazione delle rendite, degli interessi azionari e obbligazioni, delle seconde case.Ma stiamo a vedere è solo questione di ore, questa sera il governo deciderà quando le banche saranno già chiuse e dunque non si potrà più fare nulla per evitare il prelievo forzoso…

  53. E’ uno schifo….ci sono persone che non riescono neanche a vivere…dovremmo tutti non pagare più tasse…alla fine cosa ci da lo stato!!! Chi con tanti sacrifici e non solo i suoi ma anche quelli dei suoi genitori riesce a farsi una casa deve pagare!!!Assurdo…ipotizziamo che un ragazzo senza lavoro riceve in eredità una casa che era dei suoi genitori….deve pagare!!! La casa è riuscita ad averla non perchè guadagna, ma solo perchè i genitori hanno fatto sacrifici….a lui chi ci penza…come potrà pagare questa tassa se non riesce neanche a vivere….si penza al debito dello stato che è stato fatto da politici….e chi penza ai debiti che questo ragazzo disoccupato potrà fare? Non è un problema tanto….se questo farà debiti potrà pagare con la propria casa!!!Viva lo stato che si frega quasi il 55% dei nostri soldi guadagnati in un anno….e che servizi ci da? Ospedali che non funzionano, scuole che non inzegnano più niente, strade sporche e sfossate….io vivo a palermo e vi posso assicurare che è cosi!!! Se poi il disoccupato cerca di crearsi il lavoro….cosa fa? Apre una partita iva…non riesce a fatturare per mancanza di clienti…e se ci riesce i soldi li vede dopo 5 o 6 mesi…ma lo stato la vuole pagata l’iva, anche se quel disgraziato ancora i soldi non li ha!!! Oppure al momento di pagare l’inps si rende conto che deve uscire 3000 euro circa all’anno anche se ha fatturato 5000 indipendentemente dal fatturato! E’ giusto? E’ giusto che il ragazzo deve pagare l’inps indipendentemente dal fatturato? se guadagna 3500 euro in un anno (perchè il ragazzo apre l’attività da poco) è giusto che 3000 li deve dare all’inps e poi ci deve pagare pure l’irap l’irpef e imposte comunali e regionali e camerali?…e ancora il commercialista?…cosa gli rimane?…Le aziende avviate invece come possono assumere? possono solo boccheggiare…e non assumere…il ragazzo preso in considerazione dunque non può essere assunto…ed è costretto a chiudere la propria attività perchè è assurdo pagare tutte queste imposte…e cosa dovrà fare? A lui che gli interessa del debito fatto da altri….dei suoi chi ci penza???

  54. Si può anche mandare a casa tutti dipendenti pubblici, come qualcuno tanto vuole. Quando però si va ad esempio in ospedale, e ti lasciano crepare nelle corsie perchè non si assume più personale da anni non è il caso di lamentarsi.

  55. eccoci, siamo in dirittura d’arrivo per aprire l’uovo , nondi Pasqua, con tutte le sorprese che noi italiani, ancora una volta saremo chiamati a contribuire, con i nostri sacrifici di essere stati come una formichina che risparmia. Ora con una legge va in fumo tutte le nostre aspettative e la soddisfazione di avere risparmiato, oltre avere insegnato ai nostri figli di risparmiare per un domani. Questa legge sarà la svolta di svegliarci e di non più risparmiare , visto chi non risparmia ha vissuto una vita con molte soddisfazioni, e non hanno costruito un patrimonio , per cui non verranno penalizzati, allo sbaffo di chi invece è stato come una formichina.Ecco la nostra Italia, i nostri politici che nei vari governi del dopoguerra hanno creato questo debito pubblico , oltre tutte le loro decisioni ci hanno riservato una situazione negativa, i giovani emigreranno come i nostri padri, e forse anche noi lasceremo la patria nativa , seguendo i nostri figli, per trovare quella fiducia che i nostri gestori dell’Italia ci hanno fatto perdere .La nostra buona volontà di fare e contribuire alla crescita della nostra nazione , come risposta siamo coivolti a contribuire a sanare un deficit , e c’è da chiedersi : dove sono andati tutti i miliardi che in 60 anni di gestione sono stati erogati … a chi ….e oggi troviamo un’Italia con mille problematiche . Se verifichiamo , non esiste un cambio innovativo di politica ,leggi e leggine per tirare avanti , non ho visto un programma costruttivo,come ha fatto la tecnologia ,ora ci vuole un colpo di reni, e di intelligenza , per cambiare direzione ma con responsabilità politica , se sbagliano le scelte di gestione Italia , devono pagare di persona, come noi quando per qualsiasi infrazione siamo obbligati a pagare. spero di contribuire ad una riflessione e forse con umiltà e collaborazione , e ascoltando la voce dei semplici cittadini , si possono prevenire le problemtiche della nostra Italia, che vive in una camera intensiva , ma i medici ( politici) non sanno amministrare il farmaco idoneo. Speriamo che qualche dottorino arrivi con la sua ricetta miracolosa!!

  56. in questi giorni mi distrugge un pensiero, fino ad oggi cosa siamo stati a fare, (io per prima) sapevamo degli sprechi, delle immorali agevolazioni della casta, del denaro,tanto, prodotto da noi italiani, perduto in buchi neri. chiunque ha sentito parlare degli affari di fondazioni, corporazioni, P2,P3,P4,Pn……………..Tutti zitti e tranquilli, al di là di qualche ingiuria verso poilitici vari,La cosa che più mi fa incazzare che ora non c’è altro da fare, mi trovo a dover dare ragione su alcune cose ai nostri politici, addirittura a volte mi trovo in accordo con Bossi….. roba da brividi,,…..E’ come se un medico non abbia curato adeguatamente una cancrena e dica alla fine.”l’unica soluzione per non morire è l’amputazione”… non si può che dire…. si è vero, amputiamo la gamba. PUrtroppo devo dire: siamo italiani, abbiamo la straordinarietà di saper vivere di mare e sole, accettare di dover fare sacrifici. Io non ho paura di fare sacrifici, ma voglio farli insieme a TUTTI. con tre figli e un marito in mobilita, io per fortuna lavoro, ogni mattina vado a lavoro in macchina ed incrocio almeno tre auto blu, mi sale la rabbia: devo pagare la loro auto e i loro autisti, mentre sto realizzando che dovrò vendere la mia macchina perchè non posso piu mantenerla e non so se riuscirò a pagare altri sei anni di mutuo sulla mia unica casa. SONO INCAZZATA…SOPRATTUTO CON ME STESSA COME HO FATTO AD ACCETTARE TUTTO CIO’? E ORA SPENGO ANCHE LA TV LA SANTANCHE’ MI FA VENIRE IL VOMITO INSIEME ALL’ORTICARIA.

  57. @ huter ha scritto sabato, 13 agosto 2011è anche colpa tua se siamo arrivati a questo. anche tu, come io e tante altre persone oneste e corrette, hai accettato passivamente lo schifo della casta!dimmi cosa hai fatto di concreto per opporti alla casta oltre a scrivere un commento indignato su questo forum?

  58. niente di più che essere corretta ed etica nella vita, nel lavoro, nei rapporti interpersonali in genere, ho provato anche ad impegnarmi politicamente, ma non sono riuscita ad imparare “il politichese”, è un mondo che purtroppo non capisco. posso agire solo nel quotidiano.

  59. Come la mettiamo con gli 11.630€ netti regalati a Renzo BOSSI , al mese , e lo stesso importo per la MINETTI .Delle auto blu non parla piu’ nessunoA voglia politica rigorosa,cerchiamo una piazza come gli Egiziani e mandiamoli a casa tutti sti fannulloni

  60. Complimenti per l’articolo, di una chiarezza esemplare, il che non è certo scontato quando si affrontano argomenti ostici come questo. Concordo su quasi tutto. Non sono invece affatto d’accordo sulla parte in cui dici che la sinistra avrebbe concentrato i propri sforzi sulla riduzione del debito attraverso l’aumento delle tasse, diversamente dalla destra che invece avrebbe tentato di ridurre gli interessi “attraverso una politica di bilanci rigorosi e di tagli alla spesa pubblica”. In realtà, se guardiamo ai numeri nudi e crudi, i governi di gran lunga più vrtuosi, dal punto di vista del risanamento dei conti, sono stati proprio i governi di centro-sinsitra del 1996-2001. In quella legislatura, l’unica governata per intero dal centrosinistra (governi Prodi, D’Alema I e II e Amato), il risanamento c’è stato, eccome, sia in termini di avanzo primario sia in termini di riduzione del rapporto debito pubblico/Pil. E, contrariamente a quanto si dice, la pressione fiscale in quel periodo è rimasta sostanzialmente stabile, del tutto in media UE. E’ stato invece il successivo governo Berlusconi a riportare i conti in rosso e a far ricrescere il debito pubblico, sgretolando l’avanzo primario. Per contro non c’è stata con Berlusconi alcuna riduzione di pressione fiscale, malgrado i molti proclami in proposito. Pertanto, questa tiritera della sinistra che aumenterebbe le tasse e della destra che le ridurrebbe è solo una trovata propagandistica messa in atto da Berlusconi e dai suoi seguaci.

  61. Sono del tutto favorevole ad una patrimoniale progressiva, sul modello francese, che colpisca con aliquote progressive i grandi/grandissimi patrimoni. Purchè non si introduca l’ennesimo condono per gli evasori, perchè allora entreremmo in una contraddizione assoluta. Se si introduce la patrimoniale sui patrimoni “visibili” bisogna, a maggior ragione, essere inflessibili con gli evasori, stanandoli e facendogli pagare il dovuto. La patrimoniale può avere senso solo se lo Stato dimostra la volontà di combattere veramente e severamente l’evasione, cosa che in Italia finora è avvenuta, in parte, solo con il ministro Visco: da questo punto di vista i condoni berlusconiani e tremontiani sono davvero quanto di più negativo si possa immaginare, sia dal punto di vista economico, sia, ancor di più, dal punto di vista dell’equità fiscale.

  62. La patrimoniale ha senso solo se lo Stato dimostra fermezza e convinzione nella lotta all’evasione. E’ ovviamente giusto far pagare chi ha di più, con aliquote progressive sui grandi/grandissimi patrimoni “visibili”, ma è altrettanto giusto fare di tutto per stanare i grandi evasori e far pagare a questi ladri il dovuto. Quindi la politica dei condoni è quanto di più sbagliato si possa immaginare in termini di equità fiscale, perchè se metti la patrimoniale poi non puoi permetterti di “premiare” gli evasori come invece ha fatto a più riprese questo governo. La lotta all’evasione fiscale dovrebbe essere la priorità assoluta del governo, senza quella qualsiasi altra soluzione diventa molto complicata in termini di equità e di credbilità

  63. Sapete tutti questi commenti sono dal mio punto di vista positivi,xo c’è un problema enorme che forse sorvoliamo,Il problema è che ci sarebbero tante soluzioni per migliorare la situazione,ma la situazione non vogliono migliorarla,non la migliorano perchè è tutta una questione di interesse è un giro vizioso tra politica Italiana estera,per esempio il petrolio ci sarebbero energie alternative ma non le adottano,c’è un giro troppo grosso di soldi,si potrebbero fare tagli alla politica ma non li fanno perchè ci mangiano,tutto fluttua attorno il dio denaro,ognuno fa i propri interessi cercando la via più semplice,es:conoscenze,favori,mettendo a capo di un ufficio il nipote, il figlio la sorella,il genero ecc.E’ proprio questo il puntto su cui volevo arrivare noi Italiani abbiamo inconsciamente una mentalità corrotta!!!!per prima cosa cambiamo questa mentalità facciamo le cose sul serio e prendiamo a calci il sistema partendo da zero con un nuovo pensiero ma deve essere un pensiero pulito sano con degli ideali veri noi siamo l futuro e possiamo cambiare la storia…….

  64. Riflettendo bene su alcuni dati pubblicati di recente a mio avviso appare chiaro che il problema principale dell’Italia è la pubblica amministrazione.Secondo la GCIA di Mestre la P.A in Italia costa 4% in piu’ di quella tedesca (cifra che fa circa 60 miliardi)Tenendo conto che io dubito che sia meglio di quella tedesca accade che:la nostra P.A ci costa molto di più ed è (mediamente -salvo eccezioni) più scadente.La manovra di cui si discute è di 49/50 miliardi per cui basterebbe iniziare a tagliare i dipendenti pubblici che sostanzialmente non fanno nulla e ce ne sono (non è un luogo comune, diversamente non si spiegherebbe questa differenza con la Germania, oltre ai numerosi testi ed alle indagini giornalistiche ).Ce ne sono negli enti inutili, nei ministeri, nelle regioni (basti pensare alla Sicilia) e negli enti locali.Si potrebbero ipotizzare azioni a favore dei dipendenti pubblici che sarebbe giusto licenziare. Es. detassazione per le aziende che li assumonoEs. detassazione per coloro tra questi che aprono una attività in proprioAnche se personalmente penso che difficilmente nella forma mentis del dipendente pubblico nullafacente ci sia lo spirito di iniziativa dell’imprenditore o che l’imprenditore medio nel privato sia ansioso di assumere un ex dipendente pubblico che probabilmente spaccherà l’orario per uscire o invocherà questioni sindacali per qualunque quisquilia.Il problema di fondo è che in Italia c’è gente che ha fame e deve lottare ed ingegnarsi per sopravvivere (e che se non lavora non prende soldi) ed altra gente ultra tutelata e sindacalizzata che cazzeggia e spacca il minuto quando deve uscire da lavoro o addirittura fa altre cose durante l’orario di lavoro.

  65. Bene.Le patrimoniali ci sono già nel sistema(successione,Ici,prelievo su interessi di capitali che hanno già scontato l’imposte dirette etc).Ammesso che la manovra riesca a portare il debito al 60% del PIL dal 120% attuale,poi bisognerà pensare al rilancio dell’economia.il problema sarà dove prelevare,come prelevare,dove investire per migliorare l’occupazione senza fare elargizioni a pioggia idonei solo ad accresere il parco macchine e natanti della classe imprenditoriale alla faccia della classe media sulla quale potrebbe andare a gravare il prelievo.Sarei grato se provaste a predisporre un progetto virtuale di rientro dal debito e di rilancio dell’economia spiegando le reazioni virtuose del sistema e perchè.

  66. Bene, sono contento di tutti i commenti, perchè vedo che sono sulla mia stessa idea, cioè che, questa finanziaria era doverosa, visto il debito che abbiamo per colpa dei politici incapaci e ladri che fino ad oggi ci hanno governato, e da come è stata impostata, vedo che ancora oggi non intendono smettere di derubarci della nostra dignità e dei nostri miseri averi, insomma peggio di una dittatura, questo tipo di risoluzioni, non sono Democratiche, nè sociali, sono solo delle ruberie al danno dell’onesto >Cittadino pagante suo malgrado!! quindi è ora di finirla con questa ipocrisia, e che si corregga il tiro, i soldi vanno presi dove si sono accumulati in tutti questi anni, dal dopo guerra ad oggi, e cioè dai delinquenti mafiosi, dalle caste politiche corrotte, da quegli industriali arricchiti con furti e raggiri, e da quelli che, nella loro vita non sanno cosa vuol dire lavoro, eppure hanno accumulato immense ricchezze??!! allora dove vogliamo arrivare, ! e per finire, basta con tutti questi privilegi e stipendi dorati e le pensioni di annata, alla classe politica, basta, se vogliono fare qualcosa di socialmente utile per il Paese, scendano dal piedistallo, percepiscano il giusto dovuto, ma il resto, nelle casse dello Stato per il debito Pubblico, e nelle tasche di ogni onesto lavoratore, questa è l’unica ricetta per risollevarci!! non so vedere altre soluzioni,! Basta caste, basta,privilegiati, basta arricchimenti delle varie società finanziarie e Banche ladrone, basta furti al Popolo, siamo stufi!! Basta!!!

  67. Il male dell’Italia à di avere avuto politici che oltre a stipendi altissimi oltre a risparmi personali come la sanità-(visite mediche gratutite per loro e le loro famiglie)la benzina(viaggi aerei moltissime volte ingiustificati-auto blu’(spesse volte per uso personale) perdite di tempo con partecipazione in trasmissioni televisive con le stesse discussioni ma per loro importanti perchè si fanno la pubblicità a spese degli italiani con il dire(parlane bene parlane male ma essenziale che ne parli e che io sia presente) compartecipazioni ad affari privati sottobanco(tanto loro i soldini ce li hanno e comunque non rischiano niente perchè i soldini che hanno sono frutto di incassi illeciti ricevuti da imprenditori magari mafiosi i quali anno ricevuto un mandato per costruire o manutentare un bene pubblico con il costo dieci volte tanto con il risultato che oltre al danno arrecato alle casse pubbliche degli italianil’accentramento dei grossi capitali è sempre agli stessi che si arricchiscono sempre più).Amministrare i soldini di altri che non sono suoi è facile tanto loro non ci rimettono nulla.I nostri politici mi fanno ridere quando dicono stiamo lavorando per il nostro paese,per la nostra città, per la nostra provincia,per la nostra regione.Tutto questo lavoro io non lho mai visto. Il cervello dei nostri politici non viene sforzato per cercare alternative ma per loro è facile una mattina si accorgono che per sanare parte del debito pubblico servono tanti miliardi cosa fanno?La cosa più facile e quella(che se lo dici ad un bambino sa capirlo anche Lui)aumentiamo la benzina-immettiamo la patrimoniale etc (non per tutti ma solo per i piccoli imprenditori e risparmiatori). Ho fatto una riflessone(si sta tanto parlando della modifica elettorale e se nelle modifiche fossero messe queste mie proposte:per le promesse elettorali non mantenute ed eventualmente non giustificate si và in galera;stipendi equi alle mansioni rivestite(tenendo conto delle responsabilità) e diritti come qualsiasi altro lavoratore(pensione-sanità altro) ma pensate che tutti questi onorevoli e ministri che oggi lavorano per noi esisterebbero, penso proprio di no. So che la mia proposta è una utopia. Che Dio pensi per questi Signori e che non dimentichi gli Italiani onesti e lavoratori.

  68. Tutti i politici parlano pro o contro l’imposta patrimoniale, ma pochi ne hanno un’idea chiara. Cerchiamo quindi di porre delle domande sperando che qualcuno che conta le chiarisca. Patrimoniale ordinaria annuale e/o straordinaria? Chi la deve pagare: cittadini italiani, anche residenti stranieri in Italia (sono 5 milioni e non tutti poveracci)? Anche Marchionne, italiano che risiede in Svizzera, la deve pagare? Solo sugli immobili o anche sui patrimoni finanziari? Solo i beni in Italia o anche all’estero? Solo le persone fisiche o anche le società di cui sono già tassati i capital gains? Come si individuano i beni all’estero se non dichiarati? Si deve prevedere una franchigia e di quanto? E’ invece chiaro che l’aliquota deve essere unica, ma la progressività verrebbe introdotta dalla franchigia. Comunque come si clacolano i dati per la soglia della tassabilità? La patrimoniale deve essere detraibile dall’IRPEF? Come si valutano gli immobili? Il patrimonio è al netto dai debiti? Se uno ha venduto con una scrittura preliminare un’area edificabile o un’immobile a 3.000.000 Euro e ha ricevuto una cauzione di 60.000 Euro deve duplicare l’imposta pagando anche per i 60.000 Euro che ha in un conto corrente bancario? Infine è bene ricordare che esistono già in Italia imposte patrimoniali: successione, ICI, IRPEF su abitazioni sfitte e su terreni incolti, imposte sui redditi finanziari in presenza di valori reali degli investimenti finanziari in calo per via dell’inflazione non compensata dai redditi al netto d’imposta.

  69. I vecchi contadini conservavano il prezioso olio di oliva ottenuto al frantoio in damigiane di vetro. Ma prima di versarlo, al fine di evitare sprechi, controllavano accuratamente l’integrità e la pulizia del contenitore. Lo stesso principio vale per le finanze dello Stato. Prima facciamo le riforme strutturali, eliminiamo la sporcizia e il disordine, mettiamo i conti sotto controllo e poi introduciamo pure l’imposta patrimoniale. Se son si rispetta quest’ordine, l’Italia nel giro di un quinquennio si troverà nelle medesime difficoltà.

  70. tassa patrimoniale = tassa retroattiva; ritengo illegale, immorale e vessatorio tassare più volte qualcosa su cui abbiamo già pagato le tasse, allora quale aliquota stiamo DAVVERO pagando? ancora un po’ ed arriviamo al socialismo reale (100%)…caliamo un velo pietoso poi sul fatto che qualcuno pensa di (s)vendere gli immobili statali… è assurdo che lo stato vada in affitto nei suoi ex immobili di proprietà… chi ci guadagnerebbe da una situazione simile?riforme strutturali? senza eufemismi, significa che ridurranno le pensioni… tra un po’ continueranno a chiederci i contributi ma senza darci la pensione?comunque se questa crisi continua così anche il suddetto olio in damigiana varrà più delle banconote…

  71. arriva la tassa UE sulle transazioni finanziarie e/o la tassa UE sul risparmio…questo dopo quel partito che fa tassare le rimesse degli immigrati, e quell’imprenditrice (di destra?) che suggeriva di tassare i prelievi bancomat…chi vuol capire, capisca cosa è stato pianificato dall’alto…e se quando dicono “tassa sulle transazioni finanziarie” non si capisce che non parlano della speculazione finanziaria ma di tassarvi quando ritirate la vostra pensione, peggio per chi non capisce…

  72. Tomislav ha ragione. Pensioni pagate non solo a infoibatori titini, ma ancha a Toffanin, partigiano italiano al servizio dei titini e ai suoi accoliti; condannato all’ergastolo per aver tratto in un’imboscata, catturato ed ucciso un gruppo di partigiani friulani colpevoli, secondo lui, di ostacolare le ambizioni espansionistiche slave sul Friuli. Toffanin fu graziato dal Presidente Pertini senza aver passato un solo giorno in carcere e senza perdono dai parenti delle vittime e, secondo Wikipedia, avrebbe ricevuto regolare pensione INPS che si aggiungeva alle benemerenze da parte iugoslava e poi slovena, un sussidio e una casa a disposizione. E’ uno dei tanti scandalosi sprechi della finanza pubblica italiana. Non certo il più importante, ma sicuramente il più disgustoso.

  73. A CHI SERVE LA PATRIMONIALEUna ricetta semplice e immediata per un primo risanamento del bilancio pubblico: 1.vendiamo 1000 immobili di proprietà degli enti pubblici: non si capisce perché lo stato o la regione o il comune debbano essere proprietari di immobili. Sono immobili sottratti al mercato, alle famiglie, ai lavoratori. 2.Licenziamo immediatamente i 100.000 impiegati pubblici più inutili. Senza le vessazioni dei dipendenti pubblici, i ceti produttivi potranno creare ricchezza più liberamente. La maggior parte dei dipendenti pubblici non crea ricchezza, la distrugge. 3.Eliminiamo qualsiasi tassazione sul risparmio delle famiglie e sui rendimenti del risparmio. Se le famiglie vedono che i loro risparmi sono al sicuro dal fisco e rendono, spendono tali rendimenti nell’acquisto di merci e servizi venduti dai ceti produttivi, stimolando in modo sano l’economia.Sono ricette semplici ed evidenti, le capirebbe anche un bambino, ma non vengono attuate perché i ceti parassitari (famiglie padrone degli stati e della grande industria sussidiata, e apparati politici, burocratici, amministrativi) vogliono continuare a vivere sulle spalle dei ceti produttivi, delle famiglie dei lavoratori, magari estorcendo loro una tassa patrimoniale sui loro beni. http://finance.yahoo.com/news/Low-rates-squeeze-savers-and-apf-3139420642.html?x=0http://www.facebook.com/groups?%2F104254476309818%2F#!/groups/104254476309818/http://cromwell.ilcannocchiale.it/2011/08/16/tea_party_federazione_liberist.htmlhttp://cromwell.ilcannocchiale.it/2011/09/17/tasse_sul_risparmio_e_liberism.htmlhttp://propertyandmarket.ilcannocchiale.it/2011/09/08/tea_party_federazione_liberist.htmlA CHI SERVE IL DECRETO SVILUPPO “Lo stato è la grande finzione attraverso la quale tutti si sforzano di vivere sulle spalle degli altri” (Frédéric Bastiat)Non si capisce come e per quale motivo un governo dovrebbe intervenire sul sistema economico per favorirne lo sviluppo. Non si capisce quale sviluppo porta il RUBARE soldi a chi li ha saputi guadagnare, risparmiare, investire, per darli ad altri, a soggetti parassiti e/o incapaci. Non si capisce perché nuove tasse dovrebbero ULTERIORMENTE depredare i ceti produttivi PER FORAGGIARE CETI PARASSITARI. Non si capisce perché la grande industria succhiasoldipubblici deve essere foraggiata dai contribuenti tramite sussidi, rottamazioni, fiscalizzazioni di oneri sociali, socializzazioni di perdite ecc. Non si capisce perché noi contribuenti dobbiamo SOSTENERE IL REDDITO di classi e settori improduttivi, obsoleti, parassitari. Non si capisce perché noi contribuenti dobbiamo sostenere il reddito degli agricoltori, i quali beneficiano di una vera e propria rendita di circa 300 euro per ettaro, le quote PAC, pagate da noi; e il nostro reddito CHI CE LO SOSTIENE? Non si capisce perché dobbiamo mantenere milioni di dipendenti pubblici assolutamente inutili, anzi dannosi per lo sviluppo economico. O meglio, CAPIAMO TUTTI IL PERCHE’, ma è ora che facciamo qualcosa di serio per cambiare questo PARASSITISMO AI NOSTRI DANNI. CHI VIVE SULLE TASSE PAGATE DAI CITTADINI DANNEGGIA TUTTI. RIDURRE TASSE E SPESE PUBBLICHE E’ TUO INTERESSE. http://finance.yahoo.com/news/Low-rates-squeeze-savers-and-apf-3139420642.html?x=0http://www.facebook.com/groups?%2F104254476309818%2F#!/groups/104254476309818/Filippo MatteucciEconomista

  74. Noi siamo il 99% !Siamo capaci di fare una Patrimoniale che prenda i soldi nelle tasche dei ricconi (1%)?Patrimoniale che servirà ad abbassare il debito pubblico nei prossimi anni.Debito pubblico che è andato ad ingrassare tanti grandi patrimoni negli ultimi 20 anni.

  75. In linea di massima Carlo non ha torto. Resta il problema di individuare i “ricconi”, precisando che in questo caso non si dovrebbe considerare il reddito, ma l’entità del patrimonio. Al di sopra di quale ammontare del patrimonio si trova il riccone? Posto ad es. la soglia a 2 milioni di Euro, come la si computa? Che valore dare agli immobili (catasto o mercato)? E quelli all’estero? E come sommare le componenti di ricchezza finanziaria tenute presso più banche, anche all’estero (parlo dei quelle regolarmente dichiarate al Quadro W). E i cittadini stranieri, residenti o non residenti in Italia, che possiedono immobili in Italia e all’estero? Ricordiamoci che siamo in una società globalizzata e che ad es. alcuni dei vertici della Fiat hanno residenza all’estero. Finirà che si toglierà (a ragione) l’esenzione dell’ICI per la !^ casa e si aumenteranno le aliquote ICI, applicando una franchigia che di fatto escluda le abitazioni popolari. Comunque resta il pericolo che a pagare la patrimoniale concorra soprattutto, come al solito, il ceto medio.

  76. Grazie AM!Molto interessante la tua analisi, mi hai fatto capire che è molto difficile scrivere una buona patrimoniale.Io non escludo che la si possa scrivere.Proviamoci:–A me piace pensare che chi vale molto, chi lavora duro, chi comanda la sua fortuna, chi non commette errori, ecc…. vanga premiato, possa godere, possa essere un buon esempio per tutti per alzare la qualità di vita su questo pianeta.–………….. che le/la comunità investa molto sui bimbi, sui giovani, sugli studenti, sull’educazione, la formazione, ecc…..–………..che le/la comunità difenda e curi i deboli e i malati, e chi non raggiunge un livello minimo rispetto a quello medio.–Io sono sicuro che tutti i bimbi di questo pianeta, alla nascita debbano potersi sentire tutti uguali……. Poi “combattendo” si possano posizionare su livelli differenti.——-E allora ke si fà?Si fa una Mega patrimoniale sulle eredità, forse tutte, e forse al 100%!…. Mah sì daii!!!:-)- ok 2 milioni di euri di franchigia per tutti- il

  77. Una proposta di tassa sul patrimonio deve comunqeessere accompagnata nello stesso tempo da una riduzione delle tasse sui redditi,perchè già le tasse sono piuttosto alte (per chi le paga) e si genera una forte voglia di evasione fiscale. Bisogna poi dire che molte persone hanno come “patrimonio” in sostanza la casa-spesso in palazzi la cui solidità non è proprio certa al 100% in caso di terremoto,essendo stati costruiti con cemento solo-sabbia e tondini sottili come capelli!- in cui abitano,che è forse una delle poche sicurezze che hanno nel caso in cui le cose dovessero mettersi male. Fondi, investimenti ed altre cose moderne non piacciono quasi a nessuno, anche perchè i casi di Cirio e Parmalat hanno convinto molte persone di buon senso a diffidare da certe alchimie finanziarie…Penso quindi che da noi una “patrimoniale” vorrebbe dire invariabilmente “tassa sulla casa”. In altre realtà non è così, pochissimi sono proprietari di case per cui ci sono meno resistenze di ordine psicologico.

  78. Qualsiasi misura è inadeguata se non confortata da tagli draconiano,delle politiche di spesa pubblica.La quale,nasconde a mio avviso una inettitudine truffaldina;nella gestione della “Res Publica”,a tutti i livelli e da molti decenni,della cosiddetta classe politicaNegli anni 60 una crescita dall’economia,garantita dal privato,non dallo stato,permetteva a quest’ultimo di incrementare,in maniera esponenziale il deficit;creando in maniera strumentale alla politica,aspettative,che avrebbero in seguito creatoconsenso,alla politica.Cassa del mezzogiorno,penzionamenti anticipati,grandi opere pubbliche(veri bagni di sangue per le casse dello stato),fino alla creazione delle regioni,all’ampiamento degli organici comunali e dulcis in fundu,le Municipalizzate,vero propri ricettacolo,di incapacita,inettitudine,ruberie,clientelismi di bassa lega,piu o meno vistosi.E vero,purtroppo,signori miei,”non tutti sono in grado di rubare,al massimo potrebbero andare a zappare la terra”Purtroppo,anche noi popolo,per quanto ci è stato dato,abbiamo fatto pessimo usodi una relativa maggior ricchezze,coltivando vizzi,egoismo,ignoranza e volgarita.Come qualcuno scrisse”Homo faber fortuna sue”Ad ogni buon conto non c’è da preoccuparsi,se non saremo capaci ognuno di noidi tornare sui suoi passi,la storia sapra metterci in riga. Luigi Arcierip.s.rispettosamente mi permetto a chi voglia di leggere il libro X della “Repubblica” scritto da Platone Da non confondere con un contemporeneo scalfaro

  79. Nel mio precedente intervento mi ero dimenticato di menzionare altri problemi e conseguenti scelte da parte del governo in merito alla presunta patrimoniale. Imposta straordinaria una tantum o ordinaria da pagare tutti gli anni? La prima ha il vantaggio di abbattere il debito e quindi alleggerire il carico di interessi. Di contro può mettere in difficoltà molte famiglie che hanno ricchezza ma non redditi (gli anziani) ed obbligarle a vendere immobili e titoli per pagarla. Conseguenze: caduta dei prezzi degli immobili e dei titoli e riduzione dei consumi e del PIL. Per rimediare si dovrebbe ridurre parallelamente la tassazione dei redditi. Una rilevante entrata nell’erario potrebbe anche incoraggiare la continuazione degli sprechi e degli abusi e quindi il debito si ridurrebbe poco. La patrimoniale ordinaria ha un gettito regolare nel tempo e può essere prevista dai contribuenti senza produrre traumatici disinvestimenti. Infine l’aliquota, premesso che per loro natura e per equità le patrimoniali debbono avere aliquota unica. La progressività si può ottenere con la franchigia e con le eventuali esenzioni: es. titoli pubblici italiani. Le esenzioni potrebbero riguardare immobili messi a disposizione gratuitamente di organismi no profit e di solidarietà sociale, immobili dedicati al culto, ecc., non gli immobili di proprietà di enti religiosi messi a reddito. Infine, come diceva Einaudi, una patrimoniale deve essere preceduta da consistenti tagli alle spese della politica. Altrimenti il cittadino chiamato a fare sacrifici si sentirà preso in giro e defraudato.

  80. TEMPO FA’ SCRISSI IL MIO COMMENTO.OGGI INTERVENGO NUOVAMENTE CON UN IDEA , UNA SPERANZA , UN INIZIO ?NON CREDO ALLE FAVOLE MA SPERO IN QUALCOSA DI BUONO:ANDATE A VEDERE SU INTERNET E CERCATE :BIG BANG LEOPOLDA FIRENZE

  81. Perchè non iniziamo a fare pagare l’ici anche ai beni immobili di proprietà della chiesa cattolica presenti sul territorio italiano?Anche perchè da un programma fatto vedere in televisione la chiesa cattolica è proprietaria di un’alta percentuale del patrimonio immobiliario presente sul territorio italiano.IO credo che questo non interessi nè al partito democratico che al suo interno la chiesa è rappresentata con le varie Rosi Bindi, Franceschini etc, nè ai cosidetti partiti del terzo polo vedi Casini e compagni e tanto meno al pdl al cui interno l’ipocrisia regna sovarana volendosi proporre come i difensori della famiglia tradizionale e non quella di fatto e al suo interno come negi altri partiti vi sono degli esponenti che rappresentano gli interessi della chiesa.Non è possibile pensare che in un paese preso da problemi di natura economica vi siano (oltre ai classici piccoli e grandi evasori fiscali) dei privilegi e che si continuino a lasciarli in opera facendo finta di nulla.

  82. giro questo splendido stralcio della realta’ dal blog di grillo commentate!!!!!!!!!Siamo come la Grecia due anni fa senza però un governo, un’opposizione e con la latitanza delle Istituzioni. Non ci vuole un veggente, l’oracolo di Delfi o Nostradamus, per sapere che fine ci aspetta. E’ sufficiente mago Zurlì, con tutto il rispetto nei confronti di Cino Tortorella. L’unica risposta che le oligarchie al potere sanno dare è il taglio della spesa sociale, dei diritti acquisiti dai lavoratori, dalla pensione post mortem. I loro privilegi, le spese inutili legate agli interessi delle cooperative rosse e bianche e della Confindustria, sono intoccabili. Il finanziamento ai partiti di un miliardo di euro, bocciato da un referendum, l’acquisto di 131 caccia bombardieri dagli Usa per 15 miliardi, la Tav in Val di Susa per 22, la Gronda a Genova per 6/7, la cancellazione delle Province per 3/4 miliardi di risparmio annuo, l’annullamento dell’Expo per 3/4 miliardi. 1+15 +22 + 6 +3 + 3 sono (per difetto) 50 miliardi che si possono recuperare. Ed è solo una piccola parte dei tagli a costo zero per i cittadini. Si invocano di continuo i sacrifici, ma con quale autorità un parlamento anticostituzionale, non eletto da nessuno, ma nominato da alcuni segretari di partito, può chiederli? Come si può definire chi taglia le pensioni dei poveri cristi e incassa il vitalizio parlamentare? Chi ignora un referendum contro i finanziamenti pubblici ai partiti? Chi si scaglia contro le province e ha centinaia di consiglieri provinciali? Con questi moriremo tutti, noi prima di loro.

  83. In questo paese si è perso il senso della misura : ognuno di noi schiavo del consumismo non si accontenta di nulla e vuole sempre di più. Siamo però arrivati al capolinea e la grossa speculazione , banche , finanza non sa più chi spremere per fare profitti . La globalizzazione arricchisce i soliti noti , salvo poi ritorcersi contro i medesimi,( Legge dei vasi comunicanti ) comunque arrecando gravissimi danni alle società più evolute. I giovani non trovano lavoro e quando lo trovano sono sfruttati con contratti a progetto da 800 € /mese , rinnovabili di anno in anno . Di tutto questo si discute ma non si trovano le soluzioni perchè le lobbi sono potentissime.Propongo solo alcune soluzioni :- per i giovani contratto unico e più mobilità in uscita. – mappa di società e imprese a livello nazionale per favorire la mobilità- cassa integrazione e corsi di apprendistato e riqualificazione a livello regionale- le società sane vanno aiutate e non affondate (ci sono migliaia di casi vergognosi che attestano il contrario) – La scuola deve essere legata di più al mondo del lavoro e per fare questo in modo più giusto si possono creare dei centri in punti strategici di tutta l’Italia- Per le teste d’uovo si devono fare delle scuole ed università ad hoc – dobbiamo smetterla di assumere giovani solo per conoscenza e senza dare alcun valore al merito – Gli stipendi devono essere commisurati all’impegno e alla responsabilità , ma non ci possono essere variazioni da uno a 1000 . Ogni uomo esiste perchè serve agli altri.-Non si può andare in pensione con tre pensioni , quando c’è gente che non ne ha alcuna ( la metà dei pensionati è sui 600 € ,vero cari politici ?) Il fatto è che di politica non si deve vivere e che dopo 15 anni si deve andare a casa . Dopo i 60 è bene riguardarsi perchè in genere si rincoglionisce e si preferisce stare attaccati all’osso , anzichè fare e rischiare.Un giovane può benissimo avere uno staff di primo ordine , e avere soprattutto tanta voglia di fare . Siamo stufi di sentire,” questo non si può fare , la costituzione .. “-Tutto deve essere tentato per uscire da questa fase di crisi mondiale e italiana , ma si deve assolutamente dimostrare serietà e credibilità . I giochi di palazzo devono venire dopo e con politici seri e propositivi.

  84. REPUBBLICA:forma di governo nel quale la sovranità risiede nel popolo, che la esercita direttamente o indirettamente per mezzo di rappresentanti scelti.La sovranità non mi sembra proprio esercitata dal popolo ma soltanto dalla classe politica che non tengono affatto conto degli interessi della massa.I politici vivono nel lusso con stipendi stratosferici, impongono tasse che colpiscono soltanto chi già non hai soldi per arrivare a fine mese, che schifo, e noi stiamo ancora qua a discutere quando invece dovremmo mobilitarci, attivarci e soprattutto RIBELLARCI a questo sfruttamento e a questa oppressione costituita da continue tasse sempre più ridicole e assurde e solo e soltanto sui poveri italiani…il debito italiano esiste perchè sono sempre i politici che si arricchiscono sulle spalle di noi poveri cittadini…il debito che lo pagassero loro stabilendo tasse sui loro patrimoni sui loro stipendi eccessivamente spropositati!!!!!

  85. Spero tanto che il senatore Monti proclamato a vita dal presidente della repubblica possa imporre il suo valore e la sua decantata professionalità dai mass -media di accelerare la rinascita del nostro paese senza nessun indugio sapendo bene che i poveri già da molto tempo poveri non potranno dare nulla alla nostra nazione e che necessariamente dovrà rivolgersi ai poteri forti per risolvere il grande danno del debito pubblico.Lui saprà bene dove rivolgersi ,il popolo Italiano è ormai stanco di vedere e di sentire parole senza fondamento dalla classe politica , stanco di essere tartassato e oppresso dalle tasse , stanco di sentire che un deputato possa percepire un vitalizio di 3000 euro al mese ,stanco di sentire che una persona è dichiarata cieca percependo l’invalidità per tantissimi anni e poi si scopre che non era vero,stanco di vedere che molti innocenti stanno in carcere e poi si scopre che è innocente senza che nessuno paghi (poi lo pagheremo noi e non chi l’abbia mandato in galera) .Da 40 anni si vedono in politica sempre e solo le stesse facce che hanno contribuito al nostro malessere mai un rinnovamento politico.I nostri giovani Laureati senza nessun futuro , bistrattati e buttati nel dimenticatoio dalla politica che furbescamente toglie l’opportunità a loro di avanzare per non avere ostacoli nel loro percorso professionale-politico , purtroppo sono sempre Loro a primeggiare e noi a piangere ogni fine mese.

  86. Il prof. Monti, prima ancora di accettare la carica, è bombardato di pressioni da vari esponenti della politica e delle potenti corporazioni (Confindustria, Sindacati) in merito alla patrimoniale. Il PDL ha annunciato che voterebbe contro, mentre Confindustria e sindacati fissano delle soglie ai grandi patrimoni da colpire. Per la Camusso la soglia sarebbe 800.000 Euro! Bastrerebbe quindi avere un appartamento a Milano o a Roma con box, una piccola seconda casa al mare, un’automobile e un po’ di BTP per essere dei super ricchi. Ma allora aveva ragione Berlusconi, in Italia ci sarebbero oltre un milione di paperoni. In realtà anche se la Camusso e la Marcegaglia lo ignorano, esiste già in Italia una patrimoniale. Basta pensare all’ICI, all’IRPEF sugli immobili sfitti e ai bolli progressivi sui risparmi in banca. Monti potrebbe salvare capra e cavoli ritoccando le aliquote o i parametri catasatali sulle imposte che già esistono Sarebbe una patrimoniale mascherata, ma sempre una patrimoniale.

  87. caro francesco 44, spero tanto che tu non resti deluso, ma di certo , l’esordio non lascia ben sperare; nel mentre da ogni parte arrivano imprecazioni contro le caste, c’ è chi strumentalizzato ( o strumentatore in proprio), festeggia in piazza, lancia monetine, e grida: galera, galera all’indirizzo del dimissionario presidente del consiglio, senza accorgersi, che il loro comportamento è proprio quello che vogliono i loro “mandanti” e chi come loro dall’interno e dall’estero non aspetta altro per poter denigrare e sparlare dell’ Italia, imputando tutte le colpe all’incapacità del dimissionario governo e a chi lo presiedeva, al quale in più, si addebitava fino alla noia, una condotta immorale, perchè lui, come presidente del consiglio, se doveva andare a “puttane” era differente dagli altri cittadini, e non poteva farlo, mentre se chiedeva di tutelare le “alte cariche dello stato”, lo faceva solo con interessi ad “personam” e anche qui non poteva farlo perchè stavolta pur essendo sempre lo stesso presidente del consiglio era comunque un cittadino come tutti gli altri!!!Ai piazzzisti gaudenti e auspicatori di soggiorno di qualche giorno fa, vorrei chiedere: fa più vergogna ad un paese, avere un presidente del consiglio (quand’anche fosse vero al 100% e non gonfiato dalle campagne di testate giornalistiche di dichiarato colore politico avverso) “puttaniere” ?? oppure essere il paese, dove si intestano le aule parlamentari, a persone (con tutto il rispetto dovuto se del caso) che muoiono “nel tentativo di assaltare con estintore alla mano” un mezzo delle forze dell’ordine? Quale campagna giornalistica è stata attuata per questa ” esagerata esagerazione”? Quale campagna giornalistica fu fatta a suo tempo, invocadone la galera, contro chi al governo negli anni 80 (non governava di certo Berlusconi!), promettendo lavoro ai giovani , mandò in pensione gente non ancora cinquantenne, e ora si erge a paladino e difensore dei giovani? chi furono i fautori, della mancata promessa? Quale giornale ha mai fatto campagna contro questi fatti? Quale politico di quelli criticanti l’uscente governo, avrà il coraggio di dire : ” allora c’ero anch’io” , e quindi stimolare la gente al grido di galera, galera.Dulcis in fondo, il nostro stimatissimo presidente della repubblica “cui vanno le lode ed ogni altro onore” dimenticando quando cercava voti davanti alle fabbriche, che ancora oggi con la stessa demagogia, e senza nascondere il suo trascorso e attuale colore politico, checchè si plauda alla sua imparzialità, nel mentre fa discorsi su minori sprechi, sobrietà, eguaglianza, e blà, blà, blà, mentre da ogni parte arrivano richieste di riduzione dei costi della politica, lui che fà, nomina un altro senatore a vita, “altro rimborso spese”,”altro vitalizio”, alla faccia di chi non ha un posto di lavoro, di chi non per colpa sua campa con poche centinaia di euro, di chi ha lavorato per cinquant’anni, di chi stentando si e fatto una casa e stentando di stenti e riuscito a fare una casa anche per qualche figlio, o mettere sul suo conto qualche centinaia di migliaia di euro, ai quali il tanto plaudito prof. Monti, ( con l’ausilio degli ex oppositori e denigratori governativi, che pur di stare in ogni modo al governo, hanno finito per andare a governare con quelli che a loro detta avevano governato schifosamente il paese, rendendolo sempre a loro detta una barzelletta in tutto il mondo), si accinge a far pagare nuovamente l’ICI , andare a mettere le mani sui loro conto correnti, mettere le mani sulle loro pensioni, e mettere le mani su tutto quanto essi sono riusciti a risparmiare, e non so quali altra austerità.Volendo, anche l’esimio Prof. potrebbe cominciare a dare un esempio, in quanto per i suoi meriti e impegni di lavoro, credo sia già stato e sia attualmente ben retribuito da da poter “campare” benissimo, fregiandosi di essere senatore a vita “onorifico” si, ma non oneroso per gli altri. Conferire un onore , non può significare attribuire un “onorario”, come “il pagamento di una parcella” (che in questi casi è a vità e post vita ai superstiti), non può ritenersi il compenso onorifico per una prestazione d’onore , quale si ritiene di essere meritevole la persona “onorificata”.Scusa quello che ti è potuto sembrare un gioco di parole, ma al tuo posto non spererei in un singolo uomo, che per quanto dicasi incorruttibile, non potrà certo governare da solo, allora se resterà è perchè in qualche modo sarà stato “inglobato”,se poi, davanti all’evidenza e all’impotenza di combattere , una maggioranza di “affaristi e faccendieri politici”, avrà il coraggio di “denunciare” e “rinunciare” all’onore ricevuto, facendo in modo di mettere il popolo italiano in condizione di esprimersi al più presto possibile, credo che lo stesso popolo , sarà in grado di manifestargli, più di altri, gli onori dovutogli indipendentemente da giochi politici di qualsiasi entità e natura. Ciao gigi 71

  88. @AM ha scritto lunedì, 14 novembre 2011Lascia perdere quello che dice la Camusso o Confindustria… In questa fase è impossibile spingersi oltre le previsioni fatte da Crisi Finanziaria.Prima di scendere nel dettaglio dei singoli provvedimenti occorre che siano definite esattamente quali sono le forze politiche che sostengono il governo, a quali condizioni e per quale durata. Poi occorrerà attendere che Monti indichi gli obiettivi del suo governo, solo allora ci si potrà addentrare nell’intrico degli interventi e ragionare sulle modalità per raggiungere ciascun obiettivo.Attualmente ogni altra valutazione è pari all’aria fritta che esce dalla bocca di Silvio.

  89. Sono d’accordo sul fatto che i politici influenzeranno in qualche modo le proposte di Monti, ma a loro volta i politici non possono ignorare quello che pensa l’opinione pubblica e quindi i blog, quando affrontano seriamente i problemi invece che fare esercitazioni pirotecniche o di violenza verbale, possono servire ad orientare un dibattito pubblico anche su aspetti tecnici della fiscalità che hanno ricadute non irrilevanti sulla vita delle famiglie. Quindi è sciocco discutere di patrimoniale si o patrimoniale no. Si deve analizzare la tipologia di patrimoniale e suggerire quella migliore in termini equità ed efficacia.

  90. @AM ha scritto martedì, 15 novembre 2011pienamente d’accordo. non ci avevo mai pensato, ma la tua osservazione sul peso crescente di quanto scrive l’opinione pubblica sui blog “tecnici” è proprio vera.ora fortunatamente, blog e social network ci danno modo di influire sugli orientamenti politici molto più che in passato.speriamo solo che la censura non torni a fare capolino vedi i tentativi delle varie leggi bavaglio di Berlusconi…

  91. Soluzione!Facciamoci Governare da un paese più forte e onesto del nostro! Eliminiamo il Parlamento Italiano che da sempre ha mangiato dai risparmi sudati dalla povera gente che lavora duramente onestamente e che si è rotta i coglioni di stare a sentire le promesse CAZZATE di questi onorevoli succhia sangue che mangiano e rubano da sempre e non pagano mai…voi onorevoli siete l’artefice di questo cancro… vergognatevi!!!

  92. @Soluzione ha scritto mercoledì, 16 novembre 2011hai scritto cose tristemente vere, la classe politica del nostro paese ci ha mandati in rovina. Sia per le stupide scelte che ha fatto. Sia per gli assurdi costi, sì perchè i costi complessivi della politica (locale, regionale, nazionale, europea) sono superiori ai 9 miliardi di Euro. L’equivalente di una manovra di tutto rispetto…

  93. e Monti non trova 30/40 miliardi nella riduzione delle spese dello stato non avrà ne credibilità, ne leaderchip ma sarà esattemente o forse peggio degli altri. Per ora sento parlare delle solite cose, aumento di tassazione per rimpinguare ancora le spese incontrollate dei governanti e dei politici. per dirla semplice :Quando in una familgia le spese superano le entrate non credo sia possibile aumentare le ore di lavoro perchè si finirebbe per distruggersi e si creperebbe; allora bisogna assolutamente tagliare le spese. In Italia le spese dello stato sono troppe e malgestite. Bisogna assolutamente intervenire ; tutto il resto è una presa per i fondelli e un’oppressione

  94. Sinora avevo molto ammirato la grande abilità con cui il Presidente Napolitano aveva gestito, in condizioni obiettivamente assai difficili, la transizione dal governo Berlusconi al governo Monti dopo aver lucidamente scelto il prof. Monti per la carica di premier. Con grande sorpresa e delusione ho preso atto dell’ultimo intervento di Napolitano sulla concessione della cittadinanza ai bambini di origine straniera nati in Italia. Sia ben chiaro, in linea di principio (non ho la mentalità svizzera che uno Stato debba fare soldi anche concedendo la cittadinanza) sono favorevole all’idea di Napolitano, purchè siano poste chiare e irrinunciabili condizioni. Ma sono sconcertato. Questo non era il momento adatto. Il governo Monti deve affrontare gravissimi problemi in tempi stretti ed ha assolutamente bisogno di poter contare in Parlamento su una maggioranza coesa e stabile. Il buttare sul tavolo questo nuovo problema che vede una divisione trasversale all’interno dei medesimi raggruppamenti politici rischia di mettere a dura prova la stessa sopravvivenza del governo e comunque di far perdere tempo prezioso per un progetto che potrebbe benissimo essere affrontato e positivamente risolto fra un anno. E’ stato uno sfortunato incidente di percorso per Napolitano oppure, facendo dietrologia, vi sono scopi reconditi dietro questa mossa apparentemente maldestra.

  95. ma io non credo a tutto cio….l’aumento ulteriore del iva la patrimonale ici pensioni tassa sul lusso ecc…di professione non facio l’economista ma credo che la soluzione sia molto semplice il debito publico e molto alto e queste misure secondo me non aiuterano a rridurlo ma a peggiorarlo.un ulteriore aumento del iva nn farebbe che aumentare ulteriormente l’evasione fiscale,l’ici non riesco a capire cosa significa una tassa sulla casa che una persona fa sacrfci tutta la vita per avere una casa e deve pure pagare una imposta (pero sarei favorevole al ritorno per un tempo determinato 4-5anni il tempo di uscire dalla situazone dificile)poi le pensioni gia sono 40anni di contributi +2-3 in piu ….e se fra 10anni sucede un altra crisi che faciamo alziamo i contributi a 50….la patrimoniale il lusso questo non farebe altro che uno i soldi li trasferisce al estero se uno vuol comprare una seconda casa secondo me lo comprerebe al estero e questo significa portare fuori il capitale.l’unica soluzione e la crescita economica che significa meno disocupazzione piu posti d lavoro…pu posti di lavoro significa l’aumento del pil..e questo non si fa aumentando l’iva e varie cazzate ma agevolando le imprese e investendo nel innovazzione e eliminando gli sprecchi(costi della politica dipendenti pubblici ecc…)

  96. Forse è ancora troppo presto per commentare i provvedimenti del governo Monti. Provvedimenti che in parte almeno non sono tutta farina del suo sacco. Sotto sotto partiti e grandi corporazioni hanno già influito sulle proposte del governo, che sono frutto quindi di mediazione. Ad es. il mascherare la voce patrimoniale” sotto altri nomi è frutto di richieste del PDL, mentre imposte sui posti barca e sui capitali rimpatriati con scudo sono vecchie idee del PD. La Chiesa poi, che pare sia stata poco o per nulla colpita, ha dato la sua benedizione ….con qualche piccola riserva sui grandi redditi che erano a suo avviso da colpire maggiormente. Penso si riferisca ai redditi e non ai patrimoni perchè nel secondo caso si sarebbe trattato di masochismo. Permane frattanto la grande nebbia sui concetti di alti redditi e di grandi patrimoni. A mio avviso 1 milione di Euro oggi in Europa (ai prezzi attuali degli immobili) non rappresenta un grande patrimonio altrimenti avremmo in Italia molte centinaia di migliaia di grandi patrimoni. Basta sorvolare la penisola e vedere milioni di case distribuite nelle grandi città, lungo le coste e nelle isole, attorno ai laghi, nei centri turistici di montagna, nelle colline, ecc. Chi sono i proprietari? Lo stesso dicasi per i redditi: Un reddito annuo ante imposte di 75.000 Euro non può essere onestamente definito un reddito da gran ricco nè in Italia nè in Europa.

  97. ritorno sul blog per aggiungere qualche altro commento, in riferimento a qualcuno di noi che in qualche modo giustifica anche il governo Monti, che a mio avviso è ancora peggiore degli altri.In primo non ha fatto alrto che fare quello che hanno fatto sempre i precedenti governi, cioè di prendere i soldi da chi ha sempre pagato, promettendo seconde e terze fasi che poi non sono mai venute(non mi si dica che è presto per giudicare), ha differnza però di aver “randellato con maggiore lena” e più cattiveria ancora.Se voleva mostrarsi differente e credibile, doveva prendere prima i soldi da dove ben sa che stanno, usando la stessa autorità che ha usato con noi, e poi se non bastavano avrebbe pure potuto chiedere i sacrifici a noi.Ma io dico, con quale coraggio si viene a chiedere sacrifici a chi( e siamo tutti quelli che hanno lavorato dal 1956 al 2006), facendo i conti,su tutto quanto ha percepito ivi compreso la liquidazione, e rivalutando il tutto, è arrivato a percepire al massimo (quelli nella fascia ritenuta benestante, ai quali non verrà nemmeno rivalutata la pensione) 750.000/850.000 euro (ripeto, è la cifra rivalutata)al lordo, quando c’è gente, tanto per fare un esempio: dottor Fantozzi, liquidatore Alitalia, e il fatto non è nemmeno tanto lontano nel tempo, in un’inchiesta trasmessa su rai3(report), di qualche due o tre mesi indietro, ad alcun domande su compensi esosi percepiti, si tirava fuori da quelli esageratamente pagati, perchè diceva lui: in fondo in due anni, io ho percepito “solo” due assegni di 6.000.0000 milioni di euro ognuno, cioè 12.000.000. milioni di euro in due anni; avrà pur pagato una maggiore imposta , peò io e altri come me, operai e impiegati, per arrivare a 12.000.000, quanti anni avremmo dovuto lavorare; il conto è presto fatto, (6.000.000 : 850.000) x 50 = circa 352 anni e 11 mesi,cioà questo signore in due anni ha percepito quello che hanno percepito sette persone come in cinquant’anni, e allora dove scorre la botte? Dove sono andati a finire i soldi del debito pubblico? Non certo nelle nostre tasche, Questo era solo un esempio( Santoro dfensore televisivo dei poveri operai, con “annozero” , il presidente della finmeccanica, presentatori televisivi vari….. ma chi ca…….. erano e chi ca….. sono , e che ca….fanno o hanno fatto per aver percepito o percepire tutti quei soldi), ma lista è lunga, e non è come dicono, che sono solo poche centinaia di casi. Perciò dico io ma quale equità? Se a me danno 100 euro e netti, e mi chiedono un euro di sacrifici, a questi signori, quanti ne chiedono e quanto ne ha chesto lo stesso Monti? Se tutta questa gente, che dice di essere importante, perchè il loro lavoro vale, e quindi devono essere pagati, allora come mai ci ritroviamo in quasta situazione debitoria? Evidentemente, non sanno nè governare e nè amministrare, a partire proprio dalla distribuzione del reddito. Ma chi sono questi “Superman”, a Napoli domanderebbero: ma che c’è l’hanno d’oro il c……?Se io e tanti altri come me, con i soldi citati siamo riusciti a campare, e anche se con sacrifici, siamo riusciti anche, a farci una casa, e ora con quello che ci danno, sacrifici compresi dobbiamo continuare a campare,( ma più di quelli che abbiamo fatto, e che facevamo già prima di Monti?) , loro se si prendessero solo anche il doppio il triplo di quello che danno agli altri, non potrebbero campare lo stesso?Chi di noi può concedersi. almeno una volta nella vita, di andare dove per esempio sono stati questo fine d’anno( e non solo quest’anno), Casini( che tanto fa il difensore del popolo e delle famiglia, da quando fa l’onorevole, quanto ha guadagnato?) Schifani,Rutelli,e company. Non mi dilungo su altro, perchè qui, ci sarebbe da scrivere, altro che enciclopedia universale. Saluti gigi

  98. Leggo sempre con interesse tutti i vs.commenti . Purtroppo le vs. osservazioni ,anche se sacrosante , molte volte hanno un limite ovvero si soffermano sulle evidenze più ovvie . Per iniziare a capire cosa stanno combinando ( destra- centro – sinistra + il cd.difensore ??? della costituzione Napolitano ) bisogna documentarsi più a fondo ( per chi non li avesse ancora visti rimando a due films molto interessanti ‘ JOB INSIDE ‘ ‘ TOO BIG FAIL ‘ nonchè a qualche lettura mirata ( Uscita di Sicurezza ; Il Sottobosco)Chii non crede alla ‘teoria del complotto’ ( primo discorso di Monti alla Camera .. ‘excusatio non petita accusatio manifesta ‘ … applausi scroscianti da tutta la suddetta conventicola ) , perda 5 minuti e ricerchi con google ‘ ISDA-la cupola finanziaria 9stelle e a piè pagina un riferimento alla denuncia di MikiThedorakis sulle vere cause della crisi greca. Un rimando ulteiore al blog di Schelotto che chiarisce a iosa con vari articoli cosa succede e cosa succederà . Ci si lamentatava giustamente delle leggi ‘ ad personam’ ma non avete capito che il cd. Parlamento Europeo ( sotto il controllo e le direttive dei vari Draghi, Barroso , Prodi, Merkel,Sarkosy etc. etc. non fanno altro che emanare leggi ‘ ad usum delphini ‘ . Quando un Mussari ( ex MPS e difensore delle Fondazioni – piene di politici e altri esemplaridi predatori ) paga una banca ‘Antonveneta ‘ 9miliardi di euro a Santander che l’ha rilevata da BN-AMRO e l’ha tenuta in mano ca. 80gg ( solo !!!! ) non ci vuole moltoa capire che pochi sono arricchiti enormente in poco tempo dividendosi le spoglie dei piccoli azionisti ( l’azione MPS è crollata da ca. E.4,50 a un minimo quest’annodi E 0,18 .. e in più ai poveri azionisti -parco buoi – MPS a chiesto altri quattrini con tre successivi aumenti di capitale in poco tempo ) . Questi sì che sono veri e propri furti e grandissimi export di capitali ( ora il furbissimo Mussari è presidente dell’ABI altro organismo che farà solo gli interessi delle Banche …. poverine senza danari anche con la massa di risparmi che controllano …. depositi , fondi di investimento , gestioni patrimoniali e quant’altro ) …. i Lusi , i Penati … etc. vengono buttati ( per modo di dire ) a mare per far sì che non vengano toccati i D’alema , i Bersani e una massa di altri Sultani di tutte le colorazioni politiche tutta gente che oltre a rubare a man salva non si sbatte certo per salvare l’Italia anzi ci porteranno insieme ad altri popoli , forse anche velocemente , dove hannoportato La Grecia . Documentatevi anche sui CDO/CDS strumenti finanziari truffa ( hanno osato farne la pubblicità in TV ) : La crisi è voluta e parte da lontano e il vero scopo è quello di appropriarsi delle ricchezze dei popoli , case ,risparmi e quant’altro. Si VUOLE che i lavoratori perdano il lavoro così saranno alla disperazione non potranno pagare i debiti contratti ( mutui carissimi ) e dopo aver sudato come bestie perderanno la casa e non solo loro ( mai visti tanti affissi di VENDESI VENDESI) perchè anche chi ha la casa di proprietà ma ha perso il lavoro sarà costretto a vendere, in un periodo di ‘ crisi ‘, molto al di sotto dell’effettivo valore persopravvivere.E il buon Rag. Moniti insieme alla lacrima sul viso, per facilitare tutto questo , oltre a gravare i poveri cristi di un mare di tasse ha ingessato ulteriormente il mercatoimmobiliare con la rivalutazione delle rendite catastali , l’IMU , etc. di modo che le persone in stato di necessità dovranno svendere . Ci sono più di 6milioni di unitàabitative vuote o sfitte ( di chi saranno mai ?? ) . La Magistratura non funziona ….ma gli uffici giudiziari che si occupano di fallimenti , case espropriate per mutuiipotecari ( Equitalia ci mette del suo ) e altre bagatelle consimili , lavorano a tuttamanetta ( i prestanome sono al soldo dei soliti NOTI che stanno arrichhendo a dismisura con la complicità delle banche ) . Comunque non fatevi soverchie illusioniperche tutti i sunnominati sono a loro volta servi e burattini ( ovviamente strapagaticome molta stampa disinformativa ) al servizio di Potentati molto più grandi di loro .Che dire poi di un Profumo ( figlio del mio prof. di Tecnica Bancaria ) che ha mandato in rovina l’UNICREDIT comprando banche e banchette- come Mussari – a carissimo prezzo in quei paesi ( a economia povera e disomogenea rispetto ad altre economie europee ) per creare delle vere ‘teste di ponte ‘ ( strategia militare )i cui governanti faranno di tutto per convincere i loro popoli a entrare in Europa ( i governanti si accomoderanno alla grande mangiatoia e i loro popoli andranno in rovina se si affideranno fiduciosi alla ‘bontà delle banche ‘ per cercare di crearsi un avvenire per loro e per le future generazioni ) . Le recenti visite del ragioniere in Serbia, Croazia, Bulgaria, Polonia , etc . ( il salvaITALIA e il CresciITALIA e sempre in viaggio per portare i popoli ignari sotto la grande ghigliottina ) . BENEha fatto Santoro ( che giudicavo molto di parte e un pò fanatico ) a smerdare di recente ( oltre ai soliti ladri di centro e di destra ) un Bersani , una Rosy Bindifasulli- specialmente la ns. ex DC rosy che fà il paio con la Finocchiaro – lontano un miglio che insieme a tutta la conventicola che appoggia il ragionire si è presa della faccia di merda dai lavoratori durante la trasmissione . Bene Santoro ma cari ragazzi , ve lo dice uno che di porcherie ne ha viste tantissime e di tutte le colorazioni politiche , temo che le ns. voci di denuncia e di protesta non sianosufficienti a estirpare un cancro ( avidità senza fine a spese di chi suda, senza rischi effettivi ) diffusissimo . Bisogna buttarli tutti a mare ( è chiaro che loro confidano sull’esercito, forze dell’ordine , protezioni ad personam ,etc . ) Siamoin mano a una vera dittatura degli oligarchi ( con il placet di quella mammoletta di vedi Napoli e poi muori ) . Ci sareebe molto altro da dire ma qui mi fermo perchèl’ora e’ tarda . Mi tengo comunque a disposizione . Tenere duro ciao a tutti bull43

  99. il mio commento,e semplicissimo: 1985 dal 1992 o sempre pagato lic, pagando in lire 1.600.000 all’anno.con limu pago 867,65,perchè mi fanno pagare come seconda casa. due anni fa,o preso la residenza a sassari, e dopo quatto mesi la polizia municiple sono andati a controllare,se io ero in casa. se uno che a la residenza in una città perchè non puo andare doce vuole. avessi gli arresti dominicali,sarei d’accodo,essendo non agli arresti domiciliari; pensso di andare dove mi pare. se io ho di mia prietà una casa e quand vado furi e mi affitto unacasa perchè questa deve esser 1à CASA,che non e la mia? saluti e grazie per avermi letto.

  100. Un albero da frutto afflitto dai parassiti, non può fruttificare e comunque ne inquantità ne qualità soddisfacenti; qualche pseudo agricoltore, aumenterà leconcimazioni, qualcunaltro lo irrigherà più spesso, un altro ancora proverà adasportare i rami più colpiti ma tutto questo avrà un unico risultato; i maledettiparassiti prolifereranno sempre di più e diventeranno sempre più voraci finchè ilpovero albero non soccomberà.Io sono di parere diverso ma non perchè mi ritenga più intelliggente anzi sono un contadino semianalfabeta che ha imparato da suo padre che a sua volta ha imparatodal suo; affinchè un albero possa dare buoni frutti, bisogna liberarlo dai parassiti.L’ITALIA è come un albero interamente ricoperto da parassiti voracissimi.Liberiamo al più presto quest’albero dai parassiti altrimenti morirà.

Lascia un Commento