Testo manovra finanziaria 2010: il decreto legge in Gazzetta Ufficiale del 31/5/10

manovra-finanziaria-2010-decreto-legge-78-gazzetta-ufficiale-31-5-10.gif

La manovra 2010 è legge dello stato. E’ stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale serie generale n° 125 del 31/5/10 come:

DECRETO-LEGGE 31 maggio 2010, n.78Misure urgenti in materia di stabilizzazione finanziaria e di competitività economica“.

Novità introdotte

Rispetto al testo originale approvato dal Consiglio dei Ministri in data 25/5/10 sono state introdotte alcune modifiche, talune marginali e altre sostanziali.

Ecco l’elenco delle novità presenti nel testo definitivo in Gazzetta Ufficiale:

– Niente abrogazione dei finanziamenti agli Enti culturali ma riduzione del 50% delle risorse complessivamente a disposizione del settore;

– Niente abrogazione delle province con meno di 220 mila abitanti;

– Niente trasferimento dei Fondi FAS al governo, continuerà a gestirli il Ministero dello Sviluppo Economico;

Stanziamento extra di 18,5 milioni di euro a favore del governo per le celebrazioni del 150° anniversario dell’unità d’Italia;

– Differimento dell’acconto Irpef per gli anni d’imposta 2011 e 2012;

– Taglio delle spese anche per Banca d’Italia. La stretta sui conti sarà realizzata da Bankitalia stessa nel rispetto della sua autonomia.

Il testo di legge in Gazzetta Ufficiale

A seguire il testo integrale del decreto legge pubblicato in Gazzeta Ufficiale il 31/5/2010:

 

Pensioni alla finestra

Sul piano sociale le più importanti ripercussioni della manovra riguardano il sistema pensionistico e previdenziale, anche perchè le conseguenza si prolungheranno ben oltre i due anni a cui si riferisce l’attuale finanziaria. In questo post analizziamo tutti i provvedimenti del decreto legge in materia di pensioni e previdenza:

Pensioni manovra finanziaria 2010: pensionamento tanto più tardi, tanto peggio

Dubbi e domande riccorrenti

Stiamo ricevendo numerosissime domande di lettori preoccupati sulle sorti della propria pensione. Le stiamo raccogliendo con le relative risposte. Se non vuoi attendere la risposta alle tue domande, qui potresti trovare già pronta la risposta:

Manovra finanziaria sulle pensioni: domande e risposte ricorrenti

Utili risorse fiscali

Scaglioni e aliquote Irpef 2010

Scaglioni e aliquote Irpef 2009

Calcolo Irpef

Esenzioni Irpef

Archivio Irpef

Archivio Dichiarazione dei Redditi 2010

Archivio Modello Unico PF 2010

Il ravvedimento operoso

Archivio risorse fiscali

Il testo integrale del decreto legge sulla manovra economico finanziaria 2010 pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 31/5/10.

Testo manovra finanziaria 2010: il decreto legge in Gazzetta Ufficiale del 31/5/10ultima modifica: 2010-06-02T01:51:00+00:00da giulia.gossip
Reposta per primo quest’articolo

33 pensieri su “Testo manovra finanziaria 2010: il decreto legge in Gazzetta Ufficiale del 31/5/10

  1. mi piacerebbe capire se l’amministrazione comunale può continuare nell’anno 2011 a prevedere contributi a favore dell’associazioni locali per attività sportive,culturali ecc. in relazione a quanto previsto dall’articolo 6 comma 9 d.l. 78/2000.Grazie Cordialmente Sergio fedeli

  2. Buona sera, sono in mobilità da febbraio 2008 che scade a dicembre 2011 anno in cui compirò 60 anni. Ebbene, vorrei sapere, siccome che al momento della mobilità mi è stato detto che ha la validità di quattro anni e automaticamente dal 1 gennaio 2012 usufruivo della pensione. Faccio presente che sono stata assunta il 14/05/1974 e con fine rapporto il 31/12/2007. Quando andrò in pensione? rientro nella nuova finanziaria? Grazie mille. Anna.

  3. Il 18 giugno 2010 ho fatto domanda per andare in pensione dal 01/01/2011, avendo maturato i bnedetti requisiti. Nel frattempo alcune vicende personali mi hanno fatto modificare l’idea di andare in pensione e quindi in data 14/09/2010 ho prodotto domanda di revoca della richiesta di pensionamento. L’amministrazione da cui dipendo è obbligata ad accogliere la mia richiesta? Grazie per la risposta. Il lavoratore.

  4. @ palazzetti enzo ha scritto giovedì, 09 settembre 2010Caro enzo purtroppo anche tu sei caduto nella morsa della manovra finanziaria 2010. Infatti la nuova riforma pensionistica in essa contenuta ha introdotto la finestra unica di pensionamento detta a “scorrimento” o “mobile” che si apre 12 mesi dopo il mese successivo al raggiungimento dei requisiti pensionistici. Unico aspetto positivo è che il metodo di calcolo dei requisiti pensionistici per il momento non è cambiato. Alla luce di tutto questo rimane immutata la data in cui si matura il diritto al pensionamento, mentre si allunga il tempo di attesa del primo “assegno” della pensione.Nel tuo caso specifico, stante le informazioni che hai lasciato, potrai andare in pensione a gennaio del 2014.Per maggiori dettagli dai un’occhiata ai commenti precedenti, troverai molte risposte a casi simili al tuo.ps: lo spirito di questa comunità è quello di aiutarsi a vicenda, aiuta anche tu un lettore o segnala ad altri l’iniziativa tramite i tuoi social network (facebook, twitter, …), blog, siti internet o semplice passaparola. Più siamo e più possiamo aiutarci a vicenda, ciao 🙂

  5. sono un ex lavoratore telecom in mobilita dal 1 -7-2010 x 36 mesi-maturo i contributi al 12-2012-la finestra si apre 1-07-2013–cosi risulta all’ inps-con la nuova finanziaria quando vado in pensione grazie

  6. pensioni un furto io compio 65 anni a giugno 2011 perdero 25.000 €.Lo stato Ruba|i politici Rubanoo correggono o le conseguenze saranno gravi.Mi sento autorizzato a violare le regole|occorre attuare una disobbedienza civile Ladri governo sindacati politici ecc.

  7. Il 31/12/2013 maturerò 40 anni di contributi. l’azienda Telecom mi ha chiesto di andare in mobilità da quest’anno (31/12/2010). Quando percepirò la pensione? ciao, grazie

  8. Caro nonno incavolato,mi fa innanzitutto piacere conoscerti e trovare un altro che la pensa come me,e quelli che la pensano diversamente perchè non intervengono?Sono forse rimasti senza parole da quello che sta succedendo al governo o semplicemente non sono in grado di esprimersi?Può anche essere che non aprano queste pagine o che non navighino su internet (non essendo di berlusconi…)oppure il loro vate non lo consente,per evitare di conosere il nemico.Tutto può essere,per quanto mi riguarda ho sempre la tendenza ad avere il massimo di informazioni su chi devo combattere,l’ignoranza non paga e da visioni distorte di chi si ha difronte.Comunque finisca la telenovela della finanziaria,prepariamoci a pagare il conto e ti auguro “nonno incavolato” di essere tra quelli che almeno la pensioni la incassano ancora perchè tra non molto sarete mosche bianche.distinti saluti compagno (non è reato dirlo)

  9. Bravo Raffaele, ben detto. Qua nessuno ha votato niente, eppure qualcuno li avrà votati questi succhiasangue a tradimento… Chi li ha messi sopra al trono? Ci sono forse piovuti?Vabbeh lasciamo stare, tanto non è che l’opposizione sia di tanto migliore… Anche loro i privilegi, le indennità, le pensioni d’oro e le auto blu se li tengono ben stretti.E a noi tocca sgobbare come servi della gleba per questi arroganti inetti… in questo modo va tutto in malora.Forza amici facciamo sentire la nostra voce, le cose si possono cambiare ma servono uomini di buona volontà non questi ladroni!

  10. Buongiorno a tutti o meglio buonanotte, cosa posso dire è la classica manovra dei politici italiani,togliamo ai tanti per far stare meglio i pochi…e privilegiatiLa pensione la dovrò dimenticare ma ai nostri figli cosa capiterà se continuiamo a farci comandare da una classe politica simile, gente che con 2 anni di legislatura si fanno la pensione,ma la negano a noi con 40 di lavoro!!!!!Mi trovo spesso a parlare con persone, amici conoscenti e non, ma possibile che trà tutti non mi riesca di trovarne uno dico uno che mi dica di aver votato questo governo e di essere soddisfatto del lavoro svolto da quest’ultimo?Non è possibile…la metà e più lo ha votato e tutti negano?Il governo in carica prende per necessrie le indicazioni della comunità europea in fatti di pensioni ma tralascia di adegure i propri stipendi alla media europea…strano non sarebbe una forma di risparmio anche questo?Non dimentichiamo poi i privilegi che si sono concessi e che nemmeno con i governi precedenti sono mai stati messi in discussione,non che la sinistra ci sia rimsta molto al governo,però,dare un segnale di cambio di rotta.No, la sinstra che che io ho votato e che tradizionalmente ha o aveva il proprio bacino di voti trà la classe operaia,ha fatto tutto il contrario di tutto per perdereconsensi.Ora che sono al governo quelli che nessuno a votato o dice di aver votato ma sono li a governare, prendiamoci pure questo frutto amaro come diceva Venditti, ma ricordiamo,perchè gli italiani hanno la memoria corta e a volte troppo corta.Ricordiamo le promesse del candidato di turno,ricordiamo che chi ha la pancia piena non sa come si sta con la pancia vuota,ricordiamo che a parole sono tutti bravi ma ai fatti i soldi li pescano da chi ha una busta paga.Ricordiamo ricordiamo ricordiamo……………………

  11. Ma la gente che ha votato questa maggioranza dove si trova e chi è ? Penso di saperlo perchè devono essere tutti quelli che evadono le tasse oppure gente che non si informa e guarda il tg1.Aspettare con ansia (sopratutto le donne con famiglia) di fare i 40 anni di contributi per poter godersi la propria casa e finalmente la propria famiglia e ritrovarsi spostata di un’altro anno la pensione è dura e credo che il psiconano e tutti i suoi compari non si rendano conto del danno che hanno fatto e quante maledizioni si sono presi .Comunque faccio due domande:Chiedo se ci sono possibilità che venga modificato il testo appunto rigurdante la pensione a 41 anni.Con 40 anni di contributi ad agosto del 2011 con la modifica attuale quando si và in pensione ?Grazie !Paolo

  12. Sono nato il 24 ottobre 1946 e lavoro presso un ente pubblico dal 22 gennaio 1968, il 13 maggio 2010 il mio datore di lavoro mi notifica un preavviso di quiescenza a far data 01 dicembre 2010. Vista la manovra finaziaria che l’attuale governo si accingeva a presentare con decreto legge, ed in particolare riferendomi all’Art. 12-comma 4,nel dubbio di incappare nel frazionamento del TFR, ho richiesto formalmente, in data 31 maggio 2010 di anticipare la messa in quiescenza al 01 ottobre 2010 ed inviando la modulistica sia all’ Ente-Datore di lavoro che all’INPDAP. Poichè il sopracitato art.12, ognuno di noi lo interpreta come gli fa piu comodo,chiedo a voi esperti in materia se potete darmi delucidazioni in merito.Grazie Franco LateanaVia Siris,9775025-Policoro (MT)

  13. Hai ragionissima caro Paolo sul psiconano, tuttavia altrettante responsabilità ce la ha la sinistra che con la sua litigiosità non è riuscita a tener fede al patto con gli elettori, ha fatto cadere il governo e l’ha messo in mano al ducetto.

  14. http://francescoprina.blogspot.com/2010/05/le-bugie-hanno-le-gambe-corte.htmlDopo due anni di crisi che continua ad accentuarsi, finalmente anche l’Augusto Imperatore ammette che bisogna chiedere dei sacrifici agli Italiani. E che sacrifici! E non si dica che l’attuale situazione dei conti pubblici è ancora responsabilità del Governo Prodi (il quale aveva portato la percentuale debito/PIL al 107%. Oggi dopo due anni e due finanziarie di Governo Berlusconi siamo al 117,6%).Per salvare il nostro paese dal rischio “Grecia”, il governo chiede sacrifici per più di 24.000.000.000 di Euro agli Italiani.Dopo due anni di ottimistiche menzogne, dichiarate dal Cavaliere sullo stato dei nostri conti pubblici, insistendo nel rimarcare che l’Italia sta meglio degli altri Paesi Europei, siamo alla realtà dei fatti: “LA FAVOLA E’ DAVVERO FINITA”.

  15. E’ davvero assurdo che taglino enti importanti che operano nel sociale (come quello dove lavoro io) senza neanche fare differenze, un taglio orizzontale senza guardare in faccia a nessuno, fregandosene altamente dell’importanza di questi enti e del lavoro di tanta gente, oltre che all’importanza fondamentale dei servizi che elargiscono. Una finanziaria così saprebbe farla anche un bambino di tre anni non serve allora che loro prendano (rubino è il termine esatto) tutti quei soldi mandando invece a casa gente che guadagna mille euro al mese e che fa un lavoro onesto e utile per la società! Dovrebbero solo vergognarsi ma non lo faranno mai perchè non hanno nè valori nè rispetto di nessuno nè un minimo di coscienza. E’ davvero una vergogna!

  16. @ Antonio da Venezia ha scritto sabato, 05 giugno 2010Ciao Antonio, in questa comunità ci si aiuta l’un l’altro. Aiuta anche tu un lettore o segnala ad altri l’iniziativa. Più siamo e più possiamo aiutarci a vicenda, grazie :)In gennaio 2014 potrà andare in pensione 🙂

  17. Se un lavoratore al 31 dicembre 2013 si trova in mobilità e a 40 anni di contributi e 60 di età, quando deve andare in pensione con la nuova manovra finanziaria 2010?Attendendo una vostra risposta, vi invio Cordiali Saluti, Antonio

  18. mi chiedo …riguardo le case fantasma.Se sono fantasma e non hanno la concessione edilizia………pero’ si possono regolarizzare al Catasto…… poi sono in regola..Se io dovessi comprare una di queste case posso fare il contratto di compra-vendita dal notaio e posso prendere il mutuo?Grazie graditerei risposta….distinti saluti

  19. dopo il decreto legge finanziario del 31/5/2010 si pu accedere alla liquidazione anticipata del TFR per acquisto casa o altro da 10 a 30 anni di servizio presso pubblica amministrazione di contribuzione effettiva?

  20. L’anno scorso, ad agosto sono stato sottoposto a visita di controllo per la conferma delle mia invalidità.Mi fu tolto l’accompagnio provocandomi problemi fisici perchè ho avuto ed ho ancora problemi di cuore con pressione alta per il nervosismo e problemi economici.Poi con una istanza ho presentato tutte le mie cartelle cliniche,vecchie e nuove,alla commissione che le ha esminate ridandomi quello che mi spettava di diritto.Quello che non mi ha ridato è la salute per modo di dire perchè iproblemi di cuore e di pressione sono rimasti. Quello che io mi chiedo perchè questi politici ce l’hanno con noi? Perchè non ci lasciano vivere in pace? Già abbiamo difficoltà a vivere e a farci accettare dalla società, poi ci si mettono anche loro.Si alla lotta contro i falsi invalidi, ma che sia veramente cosi’ no che per unvoto elargiscono loro stessi le pensioni. Io con mia moglie non andremo più a votere. questo per ringraziare i politici che ancora una volta mettono le mani in tasca dei poveri invalidi veri.

  21. Dovrei andare in pensione “vecchiaia” al compimento dei 60 anni, cioè il 16.12.2012.Mi avevano già comunicato che la mia “finestra” sarebbe stata ad aprile 2013. Ora sopravvivo con gli emolumenti di un contratto a progetto che avrà scadenza il 30.06.2010 poi sarò nuovamente disoccupata. Già la mia preoccupazione era tanta, per arrivare senza reddito fino alla data di aprile 2013; ora di che morte devo morire?GrazieDaniela

  22. Valerio ha ragione! Anzichè celebrare con i soldi dei poveracci, perchè non si auto-tassano loro, con i loro stipendi d’oro!Si vergognino a celebrare con il sangue degli onesti contribuenti! Non ne possiamo più di questa continua presa in giro, chiedono a noi di fare i sacrifici e loro vivono nel più completo agio a nostre spese!BASTA!

  23. Si legge:- Stanziamento extra di 18,5 milioni di euro a favore del governo per le celebrazioni del 150° anniversario dell’unità d’Italia;anziche spenderet tutti quei soldi per una ricorrenza…perche non usarli in altri modi!?!?!??!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.