Notizie Ing Direct: tutte le ultime news sul gruppo finanziario olandese e sul Conto Arancio

I recenti avvenimenti del gruppo finanziario ING stanno mettendo a dura prova i nervi dei nostri lettori clienti del notissimo Conto Arancio di ING Direct, succursale italiana del gruppo olandese.

Per avere il polso della situazione di ING Direct ed essere sempre aggiornati sulle vicende del gruppo, ho predisposto questa sintetica rassegna stampa dove sono raccolte le principali notizie del giorno riguardanti: Conto Arancio, Ing Direct e Ing Group.

Al termine della rassegna stampa, puoi trovare i commenti del focus group su Ing Direct aperto al contributo di tutti i lettori del nostro blog.

Tutte le notizie qui selezionate sono tratte dalle principali fonti di informazione presenti sulla rete, dai siti web di quotidiani e agenzie di stampa italiane e internazionali*. Le notizie sono aggiornate via RSS, puoi cliccare sul pulsante aggiorna (reload) del tuo browser per caricare le ultimissime notizie.

Inoltre puoi visitare la raccolta di tutti gli articoli su ING Direct presenti in questo blog o ancora, effettuare una ricerca estesa sull’argomento mediante la funzione di ricerca posta superiormente nella colonna di destra.

* Fonte Google News

A seguire il commento a tutte le news su Ing Direct curato dal nostro gruppo di discussione. Intervieni anche tu nella conversazione e dicci la tua, l’utilità di questa pagina è proprio nel confronto e nalla condivisione delle riflessioni del maggior numero di persone.

Ecco la rassegna stampa su ING Direct aggiornata in tempo reale. Tutte le ultime news su ING Group, Ing Direct e Conto Arancio. Gli ultimi avvenimenti del gruppo finanziario ING stanno mettendo in apprensione molti dei nostri lettori che sono clienti del notissimo Conto Arancio di ING Direct, succursale italiana del gruppo olandese. Per avere il polso della situazione di ING Direct ed essere sempre aggiornati sulle vicende del gruppo, ho predisposto questa rassegna stampa dove sono raccolte le principali notizie del giorno riguardanti: Conto Arancio, Ing Direct e Ing Group. Inoltre, al termine della rassegna stampa, puoi trovare i commenti del focus group su Ing Direct aperto al contributo di tutti i lettori del nostro blog. Tutte le notizie qui selezionate sono tratte dalle principali fonti di informazione presenti sulla rete, dai siti web di quotidiani e agenzie di stampa italiane e internazionali. Le notizie sono aggiornate via RSS, puoi cliccare sul pulsante aggiorna (reload) del tuo browser per visualizzare le ultimissime notizie. Inoltre puoi visitare la raccolta di tutti gli articoli su ING Direct presenti in questo blog o ancora, effettuare una ricerca estesa sull’argomento mediante la funzione di ricerca posta superiormente nella colonna di destra.

134 pensieri su “Notizie Ing Direct: tutte le ultime news sul gruppo finanziario olandese e sul Conto Arancio

  1. Veramente interessante questo blog, questa rassegna stampa su ING poi è utilissima!!!Io sulla zucca malefica ci tengo oltre 30mila euro, che faccio lascio lì o li cavo?Mi sa che li cavo, che banca mi sembra + conveniente, anche se a sicurezza mi da ancor meno fiducia…Non so, che mi consigliate voi?

  2. Ciao Gekko,non è semplice dare una risposta definitiva alla tua domanda. In questo momento ING è abbastanza al sicuro e certamente lo è più di altri grandi gruppi finanziari, ma quello che succederà nei prossimi mesi non è facile da prevedere e nessuno lo sa con certezza.Per cui stando sul sicuro ti dico che a differenziare non si sbaglia mai soprattutto quando la concorrenza ha prodotti analoghi o addirittura più vantaggiosi.Nel caso specifico attualmente Che Banca offre interessi più vantaggiosi dell’offerta ordinaria di ING, per cui la tua idea di aprire un conto su Che Banca è valida.Ti consiglio di non chiudere il conto di ING Direct e nemmeno di spostare tutti i soldi su Che Banca, spalmali fra le due banche in funzione di quello che sono le tue esigenze economiche nel medio periodo.In questo modo riduci il rischio complessivo e ottimizzi i guadagni provenienti dagli interessi di conto.

  3. Sottoscrivo quanto appena detto da Andy. Da un anno a questa parte le offerte di ING relativamente ai conti di deposito sono sempre meno attraenti e competitive, segno che dalle loro parti (così come da altre) le cose non vanno niente bene. I loro numeri parlano chiaro. Personalmente investirei altrove.

  4. Quello che scrive Franz è anche la mia opinione e credo di molti altri. Queli di Ing Direct hanno bruciato un fumo di soldi in operazioni senza senso: la sponsorizzazione con la Renault di F1, tutta quella pubblicità in TV con Ale e Franz, le iniziative con gli arbitri di serie A, etc etcTutta roba che costa un mucchio di soldi e che porta pochi clienti. Bastava investire un decimo in pubblicità su internet e programmi di affiliazione web 2.0 e avrebbero avuto il doppio di clienti.Non mi stupisco che abbiano sbagliato gli investimenti sui titoli tossici, se operano nella finanza male come nel marketing è un miracolo che non siano ancora finiti come quelli di Lehman.Vorrei inoltre ringraziare la redazione di Crisi Finanziaria, affrontate argomenti sempre utili per noi poveri risparmiatori e lo fate in modo indipendente e senza censura.Grazie, servizio utilissimo e segnalato in tutti i miei siti

  5. RIPETO A TUTTI GLI AMICI CHE HANNO DEPOSITATO SOLDI NEL CONTO ARANCIO DI FARE MOLTA ATTENZIONE IN QUESTO PERIODO DI CRISI IN QUANTO LA BANCA ING DIRECT E’ CONTROLLATA AL 100% DA ING GROUP. LE AZIONI ING GROUP DA 26 EURO ADESSO VALGONO 3,67 EURO QUINDI PERDITA’ DI CAPITALE OLTRE LE PREVISIONI PREVISTE DALLO STESSO GRUPPO . SITUAZIONE MOLTO A RISCHIO FALLIMENTO SE NON INTERVIENE DI NUOVO LA BANCA CENTRALE OLANDESE . PERCHE ‘ ING DIRECT NON PRESENTA AI SUOI CLIENTI I VERI RISULTATI NEGATIVI DEL GRUPPO ING E NON SOLO QUELLI POSITIVI DELL’UTILE 2008 ? CONSIGLIO DI SEGUIRE LA SITUAZIONE CON MOLTA ATTENZIONE ( ESEMPIO CRISI BANCA CITYGROUP IN AMERICA) . LE POSTE ITALIANE CON IL SUO LIBRETTO POSTALE E BUONI FRUTTIFERI , IN QUESTI TEMPI DIFFICILI PER LA FINANZA , SIA L’INVESTIMENTO MIGLIORE . CIAO DA ANDY

  6. uhm, andy ha ragione non ha senso rischiare i propri risparmi per pochi punti percentuali di interessi.unica cosa anzichè il libretto postale consiglierei di differenziare in obbligazioni tripla a, maggiore rendimento ma stesso rischioforte questo blog, ora vi metto nel mio facebookGiusy70

  7. Ho dollari avanzati da un mio viaggio a New York quando l’euro valeva 1,55 rispetto al dollaro. Circa mille dollari. Se li cambiassi ora ci guadagnerei un bel po’, mi consigliate di farlo ora o aspettare ancora un po’?Non ho particolare premura di riavere gli euro, ma non vorrei perdere l’affare. Mi affido a voi, perchè oltre a prenderci nelle previsioni siete sempre chiari e disinteressati.Come chiesto ho fatto tutti i link possibili a questa ed altre pagine del blog.in attesa di vostre un saluto a tutti

  8. Personalmente credo sia opportuno evitare di parlare di rating e di triple A, ammesso e non concesso che ci sia ancora quaòcuno in giro così ingenuo da farci ancora affidamento. Notizia di ieri (2/3/09) su ING: a partire dal mese di aprile il tasso base di Conto Arancio passerà dall’attuale 2,50% al 2% lordo. Fate un po’ voi.

  9. Siamo sicuri che il fondo interbancario di tutela dei depositi garantisce anche i cosiddetti “Conti di deposito” delle varie banche on-line ?Infatti, nella spiegazione sulle modalità di rimborso trovata su questo sito, si fa sempre riferimento al “Conto Corrente”, ma il Conto Arancio non è un Conto Corrente bensì un Conto di deposito.Lo stesso dicasi per i conti deposito di Chebanca! e così via.

  10. sono d’accordo con te Franz, il rating è solo una presa per il sedere. bond a una sola C sono stati regolarmente onorati mentre bond con rating A sono andati in defalut (vedi Lehman, Enron, Worldcom, …)comunque io ho seguito il consiglio di Crisi Finanziaria l’unico di cui abbia fiducia e ho aperto il conto che banca, per cui la tua notizia sul calo degli interessi di ING non fa che rafforzare la mia scelta

  11. …………. perdonatemi ma continuo a non capire se un conto di deposito vincolato, tipo Arancio+ o Rendimax vincolato, sia protetto dal Fonfo protezione depositi come assicurano sia Ing direct che Banca Ifis, o sia in realta’ considerato tipo i Pronti Conto Termine e quindi senza protezione …………..grazie

  12. sì ws p vero che il governo olandese salverà la banca finchè potrà. Ma sino a quanto può spingersi il governo di un piccolo stato come l’olanda per rifinanziare una multinazionale del credito come Ing?Anche il governo islandese inizialmente aveva tentato questo strada per salvare le sue banche, ma quando si è reso conto che stava andando dritto verso il default dello stato e il crack dell’intera economia islandese ha mollato l’osso e nonostante le garanzie che aveva dato ha lasciato andare le banche incontro al loro destino.Purtroppo la cosa non è semplice come tu la spieghi ;)

  13. Sì, sono d’accordo con Giuseppe. Checché se ne dica la crisi finanziaria non è ancora passata e le banche più a rischio sono proprio quelle che sono già stati salvate dallo stato. Vedi AIG o Citigroup negli states.Speriamo bene, io sto spalmando a tutto andare sui vari conti, ed è quello che consiglio a tutti ;)

  14. io ci tengo tutti i miei risparmi, e sudo freddo ad ogni recidiva della crisi! Purtroppo li ho immobilizzati con l’arancio+ e con i fondi proposti dalla ing direct, il cui rendimento è fallimentario!!! Credo seguirò il vostro consiglio, appena si liberano quelli su arancio+ li spalmo su altri conto di deposito! Quali mi consigliate?grazie di tutto, ho messo il vostro link sul mio facebook :)

  15. Se ne sentono davvero delle belle!!! La disinformazione galoppante consiglia il LIBRETTO POSTALE e i buoni fruttiferi come ancore di salvataggio!!!! E infatti le poste italiane abbassano ancora di più i tassi ( il conto bancoposta passerà a breve allo 0,25% il libretto è da tempo con il TASSO ORO sotto il 2%) Si avete letto bene 0,25%!Quindi se una banca ( ingdirect, chebanca! etc ) vi offre su un conto di deposito, ( tutelato dal FITD ) con le stesse garanzie di qualunque altro conto corrente o deposito in Italia, con un tasso più alto voi dove mettete i soldi?ALLA POSTA! AhahahahaahahE’ proprio vero che un popolo ignorante è più facile da governare

  16. Ciao Vincenzo,guarda che ormai solo i pensionati e i dipendenti delle poste utilizzano il genere di strumenti di cui parli…i clienti di fineco, ing direct e credo anche che banca! sono molto di più di quelli di banco posta… per cui non mi sembra proprio un intero popolo di ignoranti…chiaro che ci sono anche quelli, ma a generalizzare si corre il rischio di passare dalla parte degli ignoranti, non trovi? ;)

  17. Vincenzo non ha generalizzato, voleva solo fare il verso a chi consiglia ancora di “mettere i soldi alla Posta” perchè sono “sicuri”.Io sono cliente Ing dal 2003 e penso che le cose andranno “quasi” (chi ha certezze è uno stolto) sicuramente bene. Un saluto a tutti.Ottimi gli aggiornamenti su Ing.

  18. Magari fossero più i clienti di ING DIRECT, FINECO, IWB, CHEBANCA! etc….., sono molti più quelli delle poste! Purtroppo noi italiani siamo vittime di disinformazione le banche italiane ci hanno “sfruttato” per anni ( vedi canoni mensili esagerati, bond argentini, cirio, parmalat, costi esagerati per ogni tipo di operazione. ).Le banche italiane hanno azzerato i tassi sui c/c per ” costringere ” i risparmiatori ad investire su prodotti da loro consigliati ( nella maggior parte dei casi “monnezza” ).Denigrare, ad esempio il conto arancio, è un altro metodo tutto italiano di prendersi gioco dei poveri risparmiatori che ignorano ( senza offendere nessuno ) le basi dell’ economia.Tutto qui.

  19. Ciao VincenzoZero,concordo con alcuni dei tuoi punti di vista ma su uno mi preme dissentire e precisare che in questo blog nessuno ha mai denigrato Conto Arancio o altri conti di deposito. Semplicemente ciascuno ha espresso, esattamente come te, il proprio punto di vista e condiviso con altri la propria esperienza di cliente.

  20. Salve mie cari signori…sono cliente Ing.Direct,leggendo i vs. commenti si capisce che la Sicurezza non si trova da nessuna parte…La crisi cé…se un’altra Grande banca internazionale dovesse saltare,non ce n’è per nessuno…L’effetto domino sarebbe devastante per tutte le istituzioni finanziarie..I governi internazionali lo sanno, non se lo possono permettere,pena il caos ingovernabile,con le conseguenze ….Non lo permetteranno…fra governi centrali…Diversificare è bene,ma sono (siamo) tutti sulla stessa barca…imperativo è stare calmi,con pazienza passerà la tempesta…e id denaro continuerà ad avere ilproprio valore…ciao

  21. Sì Dario, la calma e il sangue freddo di tutti sono fondamentali per non trasformare una crisi in una rovina.Diversificare i propri investimenti cercando di trovare in ogni tipologia d’investimento l’eccellenza faranno la differenza fra chi sarà in grado di conservare intatto il valore dei propri risparmi e chi invece lo dissiperà ad ogni scossone del terremoto finanziario.

  22. Rispondo a chi da dell’idiota a coloro che mettono i risparmi alle poste (in particolare a VincenzoZero): tasso corrente del libretto postale =1.35% (non oro), tasso del conto arancio dal 1 giugno =1.5%. Io dovrei rischiare i miei risparmi per uno 0.15% in più?In questo momento non bado al guadagno (anche il 2 o il 3% die chebanca è poca roba) ma alla sicurezza, e le poste italiane sono un muro di cemento armato (se falliscono anche le poste torniamo tutti al 1945).Saluti,Filippo

  23. sono pienamente d’accordo con Filippo!!!Lessi già tempo fa le disquisizioni di VincenzoZero e mi sembravano molto fumose e pretestuose. Ora che ho letto sul blog della nuova riduzione dei tassi di Ing Direct e di quanto offre il libretto postale, Filippo ha proprio ragione!Per me è fesso chi rischia i propri risparmi per uno 0,15%% !!! In quanto al Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi, mi vien da ridere basta leggere i vari articoli di questo blog per capire che è una garanzia all’italiana e dunque da ridere, anzi da piangere per chi si troverà a doverne far uso.

  24. Beh il fondo interbancario si basa su un principio molto semplice: “se uno è in difficoltà, gli altri gli danno una mano”… il problema è che quando le difficoltà travolgono tutti non ci sono sufficienti mani per aiutarsi a vicenda. Non so se la metafora regge… ;-)

  25. ah ah bella la metafora delle mani che aiutano, comunque anche x me non ha senso rischiare i propri risparmi per pochi decimi di punto. In verità non avrebbe senso rischiarli nemmeno per interi punti percentuali…ma come al solito predico bene e razzolo male, perchè anche io ho fatto il mio conto arancio, ma ci tengo veramente poco… sia perchè sono povera sia perchè con gli interessi che mi danno non si va da nessuna parteciao

  26. Chi può dirlo… sicuramente se l’è vista brutta nei mesi passati, ma dopo l’intervento del governo olandese la situazione si è un minimo stabilizzata. Adesso siamo tutti alla finestra a vedere cosa succede, personalmente non credo ci siano pericoli reali ma nessuno può dire con certezza cosa succederà.

  27. Ciao Fabio,sì come ha detto anche Filippo nessuno ha la risposta in tasca, ma dall’attuale congiuntura alcune cose si possono dire.Attualmente siamo una fase di censimento, verifica e scorporo dei così detti titoli tossici. E’ dalla mole complessiva di questi titoli che dipende il decorso della crisi finanziaria. Dopo di che a settembre arriveranno i primi verdetti e gli stress test della BCE per gli istituti di credito del nostro continente.Ragion per cui possiamo dire che nei mesi estivi non dovrebbero esserci fallimenti rilevanti o ulteriori terremoti finanziari.Se questi ci saranno saranno al ritorno delle vacanze o ancora più probabile verso novembre-dicembre.Sull’immediato dunque possiamo essere abbastanza tranquilli per i nostri risparmi sui conti correnti e sui conti di deposito, ma nel medio la partita è tutta da giocarsi ;)

  28. -per chi dice che quello olandese e’ un governo di un piccolo paese, italia : marocco = olanda : italia-per chi dice che la crisi si sente dal fatto che ing ha abbassato i tassi, e’ esattamente il contrario, piu’ gli interessi sono alti piu’ alto e’ il rischio.-ci sono tantissime altre banche italiane che si sono trovate nella stessa situazione della ING, come mai non vedo nessuno preoccupato? vi fidate dell’Italia? – nel caso raro e tragico in cui una banca dovesse fallire certamente voi non lo capireste prima da piccoli segnali, piccole vaghe informazioni trovate su internet.- sia il fondo interbancario sia le varie cavolate sul rating non servono a niente, per chi proprio non riuscisse a dormire la notte puo’ andare a verificare la patrimonializzazione della banca attraverso il coefficiente di solvibilita’, ma cmq inutile.- Teoricamente, e sempre solo teoricamente, le banche piu’ sicure sono le piccole banche locali, perche non inquinate da investimenti rischiosi, perche si basano sulla conoscenza diretta del cliente, cosa che non esiste piu nei grandi gruppi bancari, e sempre teoricamente, il fondo di tutela sarebbe in grado di garantire i depositi, cosa che non sarebbe possibile per tutti i depositi di un grande gruppo come unicredit per esempio.- le poste? quando penso alle poste penso alla fila non a una banca.- l’unico strumento d’investimeno sicuro e con maggiore redditivita’ sono i PCT, non i vari depositi vincolati che sono una vera e propria truffa, cioe’ io vincolo i MIEI soldi per un anno, per un 2,5 % solamente, con i MIEI soldi le banche fanno di tutto, rischiano di fallire per poi essere salvate dallo stato, cioe’ con i MIEI soldi.In olanda prendo di piu’ io a deposito libero, che voi vincolando a 12 mesi.

  29. argomentazione valide eccetto l’ultima affermazione esistono altri conti di deposito (la cui pubblicità è anche in questa pagina) che danno interessi ben superiori al 2,5% e senza vincoli.non capisco bene il senso di questa difesa aprioristica di ing direct e dell’olanda, ma non intendo certamente smontarla. però diciamo le cose come stanno ;)

  30. una curiosità: l’altra sera a Ballarò hanno portato in evidenza che le banch stanno emettendo quantità impressionanti di obbligazioni proprie, riempiendo in tal modo le loro casse, mentre poi non finanziano le pmi che si trovano in difficoltà proprio per questa stretta creditizia; ma cosa ne fanno le banche di questi soldi? siamo vicini ad un crak finanziario?

  31. Ciao Ivan,anche io ho visto quel servizio di Ballarò. In effetti la cosa è singolare, ma sia dal servizio che dalle tue parole non vedo correlazione fra il fato che le banche emettono obbligazioni a tutto andare con il fatto che si avvicini un nuovo crack. Per me potrebbe essere semplicemente un caso di trading obbligazionario, ossia raccolgo fondi per comprare altre obbligazioni più rischiose ma con maggiore rendimento e comunque meno rischiose che prestare i soldi alle imprese italiane a rischio fallimento.Per carità è una mera ipotesi, ma conoscendo la mentalità senza scrupoli dei banchieri è del tutto plausibile.

  32. Alla luce del paventato rischio di default di Dubai, e del tracollo delle azioni di ING Groep che si sono registrate stamattina, vorrei – qualora qualcuno riuscisse a vederci chiaro in questa situazione – qualche delucidazione e/o rassicurazione se i depositi di conto arancio corrono qualche rischio. Grazie

  33. Caro David,Le principali banche europee esposte sulle obbligazioni di World Dubai sono: Barclays, Deutsche Bank, Royal Bank of Scotland, Bnp Paribas, Ing Group e Lloyds Banking Group. Sia Barclays che Ing Group hanno ripetutamente comunicato di avere esposizioni marginali in Dubai.Più complicato è capire esattamente a quanto corrispondono queste esposizioni marginali.Certo è che tra la seduta di giovedì e l’apertura di questa mattina Ing sta perdendo oltre il 12%…Non oso pensare quanto avrebbe perso se l’esposizione in Dubai era significativa…

  34. Dopo che la Banca centrale degli Emirati arabi ha annunciato che interverrà per garantire agli istituti di credito la liquidità necessaria per far fronte all’indebitamento di Dubai, le banche europee maggiormente coinvolte possono tirare un sospiro di sollievo – e noi con loro (specie chi ancora un po’ masochisticamente si ostina a tenere i soldi sul conto arancio di ING) – o è presto per guardare nuovamente con fiducia al futuro???

  35. Scusate, domanda da profano… Non c’è un qualche indice finanziario da tenere sotto controllo per capire la salute di ING e sapere di conseguenza quando è il momento di mettere o togliere denaro su conto arancio e tutelare al massimo i propri risparmi? Ad esempio, controllando le quotazioni di ING GROEP (INGA.MI) non si può capire se le cose vanno bene o vanno male? Rispondete numerosi!!! Grazie

  36. Ciao mazeo73, il miglior termometro dello stato di salute di una banca sono i credit default swap, i famosi cds, gli unici a far suonare il campanello d’allarme sul fallimento della Lehman Brother in ampio anticipo. Quando le varie società di rating del debito, da Standard & Poor’s a Moody’s e Fitch, classificavano il debito della banca a doppia o tripla A, i cds suonavano le campane a morto.

  37. A David RossiCaro David, dobbiamo sempre guardare il futuro con fiducia è del presente che è bene diffidare ;) Ormai il peggio della crisi è passato ma ha lasciato lungo la strada bancarotte e distruzione del risparmio e del lavoro di tantissime oneste persone. Così negli Stati Uniti come in Italia o in Inghilterra o in Grecia o in Germania o Dubai.Occorre stare sempre in campana e in allerta perchè non esistono forme di risparmio invulnerabili alle crisi.Per questo è importante rimane informati e aggiornati, la conoscenza è l’unica vera difesa efficace dei nostri risparmi.Conosco una persona che aveva una bella cifra in bond Lehman & Brother, ma non ha perso nemmeno un euro di quelle obbligazioni, anzi ora ne ha molti più di prima avendo investito parte dei proventi della vendita dei bond Lehman in oro quando valeva meno di 800 dollari l’oncia…

  38. Ciao Gloria, se fai una veloce ricerca su internet con le parole chiave “compagine sociale chebanca” puoi verificare tu stessa che Che Banca è parte del Gruppo Mediobanca al 100%.La voce che è arrivata al tuo orecchio è una delle tante leggende metropolitane messe in circolo dalla concorrenza per gettare discredito sul competitor che sta facendo le scarpe a tutte le banche tradizionali italiane…ciao

  39. ciao a tutti, premetto che sono completamente ignotante in materia, vorrei chiedere pertanto a voi quale sarebbe il miglior investimento direi annuale per i miei soldi ad oggi li ho tutti su conto arancio, potete insultarmi se volete…:-), parliamo di circa 70k.grazie

  40. ciao Daniela,i conti correnti postali sono poco convenienti e non è che diano garanzie superiori alle banche, o meglio dipende dal tipo di crisi che può colpirci.Io ti consiglio le obbligazioni governative di Germania, Usa e Francia. Hanno maggiore garanzie di solidità e soprattutto maggiori interessi.In ogni caso in questi tempi di crisi occorre che differenzi il più possibileMai tenere tutti i propri risparmi su un unico strumento finanziariops: sostieni la nostra iniziativa segnalando questo blog ad altri, più siamo e più possiamo aiutarci a vicenda :)

  41. Ciao gancioman, attualmente non esistono piattaforme gratuite sui cds. Solo le piattaforme di trading professionale mettono a disposizione questi dati.comunque non appena saranno disponibili metterò il link qui.ps: lo spirito di questa comunità è quello di aiutarsi a vicenda, aiuta anche tu un lettore o segnala ad altri l’iniziativa tramite i tuoi social network, blog, siti internet o semplice passaparola. Più siamo e più possiamo aiutarci a vicenda, ciao :)

  42. Ho letto delle recenti difficoltà della ING Belgio che è sotto controllo delle autorità monetarie locali. Poichè sono correntista conto arancio chiedo se ci sono notizie negative sulla stabilità della Ing Direct Italia e se è possibile sapere informazioni dalla banca d’italia.

  43. @ rino ha scritto mercoledì, 27 ottobre 2010 Caro rino, al momento non ci sono grosse novità sulla salute di Ing. Certo è che continua a non godere di buona salute :( Per il momento ti consiglio di dare un’occhiata a questo archivio in cui troverai le principali notizie su Ing Direct Italia:http://crisi-finanziaria.myblog.it/tag/ing+directTutti qui stiamo monitorando con attenzione lo stato di salute della capogruppo olandese, perchè da lei deriva la sicurezza dei nostri risparmi investiti in Ing Direct. Per cui rimaniamo in contatto mediante questo blog. Chi per primo ha novità, indiscrezioni o rumors le segnala qui e poi se ne discute insieme.In bocca al lupo caro rino, a prestoS.ps: lo spirito di questa comunità è quello di aiutarsi a vicenda, aiuta anche tu un lettore o segnala ad altri l’iniziativa tramite i tuoi blog, siti internet, social network (facebook, twitter, …) o con il semplice con il passaparola. Più siamo e più possiamo aiutarci a vicenda, ciao :)

  44. Ciao…ho bisogno del vostro aiuto/consiglio.ho richiesto un mutuo sia a Ing Direct (mutuo arancio) che a Che Banca.entrambe mi hanno dato esito positivo.a parità di offerta, quali delle due banche mi possono dare più affidabilità?anche valutando un apertura di conto corrente?grazieAnna

  45. @ Annaterr ha scritto martedì, 23 novembre 2010Bel dilemma cara Anna: chi è più affidabile tra Mutuo Arancio e quello di CheBanca? A mio avviso sono entrambi discretamente affidabili.Come penso tu sappia bene Anna, dietro a Che Banca! c’è Mediobanca mentre a Mutuo Arancio c’è la banca olandese Ing Groep.Ing è molto più grande rispetto a Mediobanca, tuttavia durante la grande crisi finanziaria del 2008 ha dovuto ricorrere agli aiuti finanziari del governo olandese per uscirne sana e salva, mentre Mediobanca non ha avuto bisogno di alcun sostegno da parte del governo italiano.Detto ciò, personalmente a parità di condizioni fra le due offerte in questo frangente sceglierei Ing, per il fatto che l’Italia nel 2011 sarà sotto il tiro incrociato degli speculatori e della BCE per via dell’elevato debito sovrano (vedi default dei paesi PIGS), mentre l’Olanda non ha questo problema.Dunque nell’attuale congiuntura le banche olandesi sono da preferire rispetto a quelle italiane. Nel 2011 meglio fare attenzione alle banche dei paesi PIGS, potrebbero esserci brutte sorprese come è successo con le banche di Grecia e Irlanda :) Comunque andrà Anna, in bocca al lupo per il tuo mutuo e facci sapere cosa hai scelto.ciaoPS: a proposito di apertura di conto corrente, attualmente Ing e Fineco sono in promozione con i loro rispettivi conti corrente on-line, a seguire i link di approfondimentoConto Arancio di Ing Direct:http://borsa-finanza.myblog.it/archive/2010/12/28/temp-f2a58efcdd631b8ff70959a4f1a279fb.htmlConto Fineco:http://borsa-finanza.myblog.it/archive/2010/12/24/fineco-codice-amico-promozione-conto-corrente-on-line-2011.html

  46. Attirato dalla pubblicità “Conto corrente arancio 2,50% di interesse” ho aperto il conto corrente (ero già cliente di conto arancio) trasferendovi 25.000 euro. Dopo mesi ho scoperto per caso che il conto corrente arancio non dà interessi. Distratto io o pubblicità ingannevole di Ing Direct?

  47. Ho aperto un conto deposito con Ing Direct su cui depositero’ (ancora non l’ho fatto) una somma da cui, vincolando a 1 anno, percepiro’ il 4,20 di interesse.Mi sono un po’ preoccupato quando mi hanno riferito il rating del gruppo in questione e cioè B+Secondo voi ci sono dei rischi?

  48. @paolo: i rating a mio giudizio sono solo delle caxxate, ad ogni modo, 4,20% lordo, controlla bene la tassazione perché da gennaio l´aliquota é il 20%.Se la cifra é consistente suggerisco la ricerca di altre opportunitá di investimento

  49. Volevo portare alla vostra attenzione un fatto starno accaduto proprio questa sera in fase di apertura di un nuovo conto arancio con opzione arancio plus al 4.20% per la somma di oltre 100.000 €…..In sostanza al momento della attivazione dell’opzione arancio plus al 4,20% (per i nuovi clienti) il sistema prevedeva invece la sola opzione del 3,5% (tasso di arancio + garantito ai vecchi clienti). Telefonando al servizio clienti l’operatore ha motivato la cosa sostenendo una presunta anomalia del sistema informativo che causava la mancata presentazione dell’opzione del 4.20%….se il disguido si fosse concluso con un: “Siamo veramente spiacenti del disservizio, ma la devo inviatare a ricollegarsi nei prossimi giorni a problema risolto” tutto sarebbe molto chiaro ed avrei seguito il consiglio.Invece l’operatore mi ha invitato ad attivare comunque l’opzione al 3,5% chiedendomi (udite…. udite….) di telefonare (nemmeno mandare un fax o meglio una raccomandata A/R) ad ottobre 2012 ricordando loro (ING!!!), al momento della liquidazione degli interessi maturati dopo 12 mesi, di accreditarmi lo 0,7% mancante per ottenere il 4.2% di interesse promesso. IO DOVREI RICORDARE TELEFONICAMENTE AD ING UNA SCADENZA!!!!! TELEFONICAMENTE…. AD UN OPERATORE DEL CALL CENTER !!!!La cosa mi è puzzata immediatamente ed ho provveduto ad annullare tutto mettendo i risparmi sotto il materasso. Qualcuno di voi sa darmi una spigazione plausibile di come una banca con ING possa avera avuto un presunto problema del genere senza fare alcuna comunicazione ufficiale sul sito o almeno nell’area riservata (la comunicazione non dovrebbe essere il loro cavallo di battaglia!!!!). Vi chiedo un parere in merito. E’ pura fobia causata dalla ormai interminabile crisi o qualcosa di strano sta accadendo in ING?

  50. con ING mi sono trovata male a livello carta di credito. Finchè tutto scorre liscio, no problem. Quando si verifica un inconveniente, il Personale non è molto preparato a risolvertelo. Volevo porvi una domanda: la tassazione sul conto titoli entrerà in vigore dal 2012 o da luglio 2011? In pratica, se superi i 50.000 euro , la Banca applicherà 70 euro di bollo anzicè i 35 soliti.

  51. @luppolo74: nessuna novitá su ING…probabilmente la nuova promo non era ancora inserita nei sistemi informativi(leggasi sito e banche dati) e l´operatore non ne era a conoscenza.@gloria: la tassazione sul dossier titoli ha effetto retroattivo da luglio 2011 ma si calcola in base al periodo di rendicontazione per cui se é trimestrale avrai giá avuto un addebito di 17,50 il 30.09, se lo hai semestrale avrai l´addebito di 35 Euro a fine anno. Nota: il totale viene calcolato alla fine del periodo di rendicontazione per cui se al 31.12 non hai un valore sotto i 50k pagherai sempre i 34,20 annui o in proporzione al periodo di rendicontazione

  52. gradirei vs.opinione sui pct ing directad esempio alcune migliaie di euro a 9 mesi ho letto che sono obbligazioni solo ed esclusivamente ing e quindi a mio modesto parere il rischio e’ legato solo ad un eventuale fallimento della ing stessain ogni caso prima di investire mi piacerebbe leggere un po’ di vs.opinionigrz

  53. scopro oggi questo interessante blog.Utilizzo da qualche mese il trading di ING DIRECT. In caso di default, le azioni sono tutelate? la situazione è differente rispetto alle banche italiane? Mi è parso di capire che sicuramente i fondi (es. Borsa protetta arancio) non lo sono. grazie

  54. Non so cosa stia succedendo a Ing Direct: mia figlia sta tentando di attivare il conto corrente arancio ma evidentemente hanno il Personale sottopagato che non è all’altezza di farlo. Non parliamo poi del Call Center. C’è una promozione che dice di trasferire i titoli dalla vecchia banca a loro. Apriti Cielo: al telefono (il trading) mi ha detto di vendere i BTP prima di effettuare il trasferimento. Roba da denunciarli

  55. sto cercando di aprire un conto corrente con Ing: un calvario. Dopo un mese dall’attivazione e dopo essermi recata in sede per portare personalmente i documenti, Ing Direct non è ancora in grado di aprire il conto anzi mi richiede nuovamente i documenti d’identità e attestato di identificazione, UNA VERGOGNA

  56. Da più di un mese (1/12/2011) sto cercando di attivare il conto arancio, sul quale ho già ovviamente effettuato il bonifico; per lettera mi hanno comunicato che il conto è attivo, non ho ricevuto i codici e,accedendo al sito internet, mi viene detto che il conto è ”in attivazione” . Per telefono mi hanno detto due volte , a distanza di un paio di settimanel’una dall’altra, che ”c’è un problema del sistema informatico” ; l’ultima volta hanno preso nota del problema : ancora nessuna notizia.

  57. Il 9 gennaio scorso ho spedito sia la documentazione per il conto corrente arancio, sia quella per bancoposta click. Ad oggi non ho ricevuto risposta da nessuno dei 2… Mi hanno detto all’ufficio postale che ci vorranno almeno una decina di giorni (lavorativi?).Ora immagino che la situazione per il conto corrente arancio sia più o meno la stessa… Posso ipotizzare che magari grazie alla campagna pubblicitaria massiccia se stanno facendo (in TV come sul web) abbiano molte richieste da smaltire.La prossima settimana provo a telefonare per saperne di più. Certo, la cosa strana è che sul sito per vedere lo stato dell’attivazione del conto c’è ancora scritto che ancora sono in attesa della documentazione…Teniamoci comunque tutti aggiornati

  58. io sono quasi tredici anni che ho il conto corrente arancio e il conto deposito e devo dire che non ho mai avuti problemi ne’ con i gestori via telefono ne’ con le operazioni con home banking e nemmeno con le carte di credito o bancomat.Per questo motivo ho fatto aprire il conto anche a miei familiari…che dire….al momento dico w conto arancio!ciao!Anna

  59. Sono nel calvario dell’attivazione di un c/c arancio. Giorno 9 GEnnaio faccio il primo bonifico, purtroppo di una somma per me importante. Ad oggi 28 gennaio il conto non e’ attivo. Alle mie telefonate stile 187 mi dicono che c’e’ un. Problema tecnico o di sistema. MA! Fatto sta che mi e’ stata sottratta in maniera indegna la disponibilita’ de mio denaro e non avuto nessunaa spiegazione seria ne’ alcuna data certa di risoluzione del pproblema. Attenti quindi, se volete il c/c arancio trasferite come primo bonifico una sommetta. Al limite non soffrirete molto.

  60. Per Giovanni: anch’io ho avuto lo stesso problema. Se sei di Milano, vai nella sede di Via Arbe e risolverai tutto. Siccome Ing ha fatto diverse promozioni, ha avuto un sacco di adesioni e sono in ritardo con l’inserimento dati.

  61. Son passati ormai 20 giorni. A me è arrivato il PIN e le varie comunicazioni circa il buon esito dell’attivazione… Ora dovrei solo fare il primo bonifico per confermare il tutto… Peccato che ancora stia aspettando il kit di benvenuto, nonché il numero di conto… Poi dopo tutto ciò devo comunicargli tutte le canalizzazioni (stipendio/spese) per poi chiudere il vecchio conto. Conoscete i tempi per effettuare questa procedura?

  62. Continua la mia odissea nel mondo di Conto Corrente Arancio.Dopo che mi è arrivato il pacchetto benvenuto, ho subito fatto un bonifico online ma con scarsi risultati. Difatti per farsi identificare bisogna andare personalmente alla banca e farselo fare dall’addetto. 4,5€ di operazione (contro 1€ dal web).Aspetto i 2 giorni di avvenuto accredito sul conto nuovo e… Nuovo problema!Il bonifico è andato a buon fine ma manca l’Attestato di identificazione. Praticamente la mia vecchia banca dovrebbe verificare che la persona, il documento e il vecchio conto corrispondano e firmare questo attestato per un decreto legge contro il terrorismo e il riciclaggio di denaro. Ma non bastava il bonifico??Il direttore di banca si impunta e non mi firma nulla, perciò proprio oggi sono andato alle poste dove ho 1 altro conto. Qui il direttore risulta meno str**zo e con un po’ di difficoltà mi firma e timbra i documenti.Oggi ho spedito il tutto.Se neanche questo andrà bene a ING DIRECT cancello il conto e mi affido o a FINECO o a IWBANK.E’ assurdo che ci sia tutta questa burocrazia per aprire un semplice conto!

  63. CONTO ARANCIO: SICUREZZA, AFFIDABILITA’, SEMPLICITA’ E TRASPARENZA…DOVE SONO?Sono cliente di conto arancio da diverso tempo. Venerdì 10 Febbraio ho ricevuto una telefonata da un operatore Ingdirect che mi chiedeva se per caso il giorno precedente avessi richiesto disposizione per effettuare 2 bonifici di sostanzioso importo a favore di due personaggi mai sentiti nominare dai nomi “greco-sonanti”. Certa di non aver fatto alcun bonifico chiedo di bloccare immediatamente la transazione. L’operatore mi dice che non è possibile annullare il bonifico effettuato, di sporgere immediatamente denuncia e riformattare il pc. Chiedo allora se questi soldi mi verranno restituiti, l’operatore risponde: “tendenzialmente” si, ma non posso garantirglielo. Corro così a fare denuncia, invio la denuncia al numero fax che mi è stato dato e ricontatto la banca per sapere se il mio fax è stato ricevuto. L’operatore mi risponde che non gli è dato modo di sapere se il mio fax è arrivato, chiedo allora un numero o una mail per contattare l’ufficio legale, ma nemmeno questa mia richiesta puo’ essere soddisfatta. Lunedì decido quindi di recarmi di persona nella sede di Via Grasso, Milano e presentare nuovamente la mia denuncia. Ovviamente nemmeno qui sanno se il mio fax è mai stato ricevuto,il numero dell’ufficio legale non sono autorizzati a darmelo e quando chiedo se rivedrò mai i miei risparmi mi viene risposto ancora una volta che “tendenzialmente” sono coperti da assicurazione, ma che non possono garantirmi nulla. Devo stare tranquilla e aspettare di essere ricontattata… da chi…non mi è dato a sapere..Oggi ricevo un messaggio sul cellulare: Il mio conto è in rosso. Essendo stato il mio conto quasi totalmente prosciugato – che carini…mi hanno lasciato giusto 98 euro per un paio di scarpe in saldo – penso subito mia sia stato segnalato il rosso perchè mi sono state addebitate le spese della carta di credito. Corro in banca di nuovo, di nuovo racconto la mia storia, di nuovo faccio vedere la denuncia e a sto giro anche il messaggio arrivatomi sul cellulare. Chiedo quindi se mi toccherà pure pagare la penale per questo rosso…e ancora una volta: Signorina, “tendenzialmente” no, ci dovrebbe pensare l’assicurazione pero’ noi non possiamo garantirle nulla. Quindi: gli operatori al telefono non posso garantire ne sapere nulla, ma nemmeno il personale che lavora in filiale! Insomma a chi si deve rivolgere un cliente truffato? E per giunta quando racconto come è avvenuta la truffa, e cioè’ in maniera COMPLETAMENTE DIFFERENTE da come è ora segnalata sul sito, mi guardano stupiti, garantendomi che cambieranno la segnalazione. Sono passati 5 giorni e ancora la segnalazione non è stata cambiata e/o integrata. Forse per farlo hanno bisogno che altra gente venga truffata. Ora mi chiedo: “SICUREZZA MASSIMA” (dichiarano addirittura di usare “i piu’ avanzati standard di sicurezza”), AFFIDABILITA’, SEMPLICITA’ e TRASPARENZA, (lo leggo dal loro sito, non vi dico cosa scrivono in filiale..) DOVE SONO?Molte persone sono state truffate (lo so perchè così mi ha rassicurato un operatore..) e a distanza di giorni nemmeno in filiale sanno dirti come e quando rivedremo, e se rivedremo i nostri soldi. Da contratto pare proprio di si, ma chi lavora in Ingdirect ancora non lo sa…forse lo sa l’ufficio legale…ma a noi clienti non è permesso parlare con l’ufficio legale, percio’….Viva la trasparenza e l’affidabilità!Ad oggi io posso solo sperare che qualcuno mi chiami per dirmi che i miei soldi sono di nuovo sul mio conto e ringraziare i miei genitori che mi pagheranno le spese condominiali. E le persone a cui hanno rubato la pensione e non hanno altre entrate? E chi aveva un mutuo da pagare o chi semplicemente Ingdirect come unica banca?E’ questo il meraviglioso servizio che offre Ingdirect?IO NON HO PAROLE. Anche se tenete i soldi sotto il materasso, per favore, fate girare questa mail.In tanti siamo rimasti in mutande, in tanti abbiamo bisogno di risposte concrete subito.Grazie, Roberta COME DAVVERO AVVIENE LA TRUFFAPer chi avesse Conto Arancio, la truffa avviene come segue: entri sulla pagina ingdirect, accesso clienti, numero cliente, data di nascita, pin, insomma tutto normale. Compare cosi la classica schermata, e tu sei quindi nella tua pagina protetta/sicura..o come diamine viene chiamata. A questo punto pero’: phishing… Compare una scritta che dice che per ulteriori motivi di sicurezza la banca richiederà da questo accesso in poi, di inserire anche ALCUNI dei codici operativi. Essendo già entrati con pin e quant’altro nella propria pagina protetta chi mai va a pensare possa trattarsi di una truffa. Cosi tu inserisci i codici una prima volta, il sistema ti da errore (chi non penserebbe di aver sbagliato a digitare un numero?!), inserisci una seconda volta e a quel punto i truffatori hanno TUTTI i tuoi codici. Come ben potete vedere la truffa avviene in maniera DIVERSA da come viene descritta -leggete sotto. Da alcuni giorni si sta diffondendo, ai danni di clienti di diversi istituti di credito italiani, un nuovo virus informatico, della categoria “trojan horse”. Un “trojan horse” si installa sul PC, senza che l’utente possa rendersene conto, e compromette la sicurezza dei dati memorizzati o trasmessi ai siti su cui di solito l’utente naviga. A causa di questo nuovo virus potrebbe esserti richiesto, con comunicazioni molto simili alle nostre, di inserire contemporaneamente tutte le cifre presenti nella tua Carta dei Codici Operativi. NON FARLO! Ricorda: per nessuna ragione ING DIRECT ti chiederà mai tutti i codici, nè all’interno dell’Area Riservata, nè via email o telefono. Per le tue transazioni dispositive ti richiediamo di inserire solo 3 cifre dei codici operativi a conferma delle tue operazioni.

  64. rispondo a Roberta da utente privato. Sulla sicurezza delle banche penso che non si debba accanirsi su una o l’altra….bisognerebbe guardare le statistiche. Penso che sia andata come dici te ma penso che di codici operativi devi averne inseriti molti e molti perchè per fare un bonifico servono quelli e la ing ti chiede 3 cifre a caso….da utente online accanito posso solo dirti di stare più attenta la prossima volta….Riguardo le altre banche un mio amico ha la popolare di verona e gli hanno clonato il bancomat 2 volte in un anno….gli sono spariti 3000€ dal conto versati in america a non si sa chi….le banche fisiche fanno come la ing….ti dicono si li riavrai tanto ci pensa l’assicurazione non loro. Non facciamo di un caso o di un paio di casi la regola.

  65. Non ho ancora finito la procedura d’attivazione e già mi è passata la fantasia.Da una parte ti dicono che ci vuole l’attestato di identificazione dall’altra no , quindi telefona e chiedi.Su tutte le pubblicità e nella mail di benvenuto ti parlano del 4,2% fino al 31 marzo poi nella lettera di accompagnamento dei documenti c’è scritto 29 febbraio, quindi telefona e chiarisciNel documento scaricato , in quello inviatomi e per telefono si dice che il primo bonifico si può fare da internet banking, nella sezione attiva conto dice che non si può, scrivi e aspetta risposta.mi sa che lascio perdere prima di cominciare

  66. Cosa accadrebbe se l’Italia uscisse dall’Euro?Facciamo l’esempio concreto: io ho 100.000 euro depositati su conto Arancio. Torneremo alle Lire. Dovrei vederli diventare circa 200 milioni di lire, il giorno dopo il default. Però la Lira subirà svalutazioni. Si preveve il 40%, quindi quei 200 milioni equivarranno non più a 100.000 euro ma a 60.000 euro. È così? Forse dovremmo capire DOVE si trovano i miei soldi. In Italia? O in Olanda? Nel secondo caso io conserverei 100.000 euro. Non sarebbero tramutati in Lire. Giusto?

  67. il mio commento su Ing è quando ci si trova all’estero e per disgrazia ci sono problemi con i prelievi della carta di credito. Il call center in Italia non è assolutamente all’altezza di offrire un’adeguata assitenza

  68. penso che sia un bene se non siamo coperti dal fondo interbancario Italiano…. ….a detta dei più esperti questo fondo in realtà (se nella malagurata ipotesi dovessimo fallire) non servirebbe a nulla perchè non riuscirebbe a coprire un bel niente visto che per tutte le banche Italiane ci sarebbe un effetto domino e dopo la prima crollerebbero tutte le altre……

  69. Io ho aperto Conto corrente e conto Arancio lo scorso Marzo online senza alcun problema, il bonifico iniziale l’ho fatto online dalla mia vecchia banca (che ho ancora). Inoltre sono riuscito a trasferire tutte le domiciliazioni utilizzando il modulo online e senza mandare una sola lettera raccomandata; addirittura la mia vecchia banca ha cominciato ad addebitarmi le rate mensili del mutuo sul c/c arancio, ragione per cui sto meditando di chiudere anche quella e lasciare attivi solo i conti Arancio.L’unica cosa che non mi è piaciuta molto è la proposta unilaterale di modifica del contratto in cui mi hanno comunicato che dal 1 gennaio 2013 l’imposta di bollo passa a carico mio; visto che ci sono altre banche che hanno mantenuto il vantaggio precedente per il cliente (il bollo lo assolve sempre la banca), sto riflettendo seriamente se la strategia giusta non sia quella di cercare in continuazione il carro con le condizioni migliori su cui saltare (leggi Rendimaxx oppure fineco).ciao

  70. @angelo martiriggiano ha scritto sabato, 16 giugno 2012hai compreso perfettamente il nocciolo del problema, infatti il Fondo Interbancario di Tutela dei Deposito lavora bene se fallisce una piccola banca, ma in caso di crisi sistemica del sistema bancario se salta una della grandi banche le altre ci vanno dietro e il fondo non sarà in grado di rimborsare tutti i correntisti.Ci sarebbero già serie difficoltà nel rifondere i correntisti della prima banca fallita.Se cerchi la vera sicurezza compra oro e diamanti e non farti fregare da chi consiglia un conto all’estero di una qualche banca straniera.I principali gruppi bancari internazionali sono imbottiti di titoli tossici ancor di più di quelli italiani, l’unica differenza è che in questo momento tutti i riflettori sono puntati su di noi.qui trovi ulteriori informazioni sugli investimenti in oro:http://crisi-finanziaria.myblog.it/archive/2009/09/18/quotazione-prezzo-oro-finanziario-borsa-mercato-investimento.html

  71. Pensavo sinceramente che le banche italiane fossero cattive, ma dopo che ho conosciuto Ing Direct, penso che le nostre banche siano dei gioielli.Questa conclusione deriva da una esperienza personale, che non vi illustrerò per non annoiarvi, ma vi dico solo questo, non vi fate ammaliare da banche che promettono gioielli e diamanti e non vi danno neanche pietre.Che serietà può avere una banca che non ha sportelli, ma solo dei “banchetti” nei centri commerciali.Che promette di aprirti il c/c con carte di credito a costo zero, ma non te le fa neanche vedere.Che ti apre immediatamente il conto deposito, invitandoti fino allo sfinimento con e-mail, a versare subito per ottenere l’attivazione, mentre di contro ti nega l’apertura di un normalissimo c/c, giocando sulla confusione tra conto arancio e conto corrente arancio ed il tutto dopo un interrogatorio sulla tua vita economica, patrimoniale privata e quant’altro. Almeno le nostre banche questo non lo fanno, a meno che non chieda un fido o un prestito.Oltre tutto, non tutti sanno che l’offerta delle carte di credito sono da loro usati come strumenti per poter richiedere alle banche dati notizie sulla vostra persona, cosa che non potrebbero fare se non ci fosse una richiesta in tal senso.Di queste banche, credo a parer mio, non ce ne sia assolutamente bisogno in Italia, bastano già le nostre che sono abbastanza furbacchione.Diffidate e state lontanoSaluti.

  72. Io non capisco come mai la gente continui ad utilizzare i C/C dei grossi istituti bancari per gestire la normale liquidità e pagare vari balzelli.Io con C/C arancio mi trovo benissimo e non pago nulla.Se permettete non è poco in questo periodo di crisi.A voi la prova.

  73. @kattivik ha scritto sabato, 17 novembre 2012ciao kattivik, sono molto preoccupata. Tutti i miei risparmi sono su ING DIRECT e anche io ho il tuo stesso problema al login sul sito internet della zucca!All’accesso del Conto Corrente Arancio il sito web mi visualizza questo messaggio:”Siamo spiacenti, al momento non è possibile dare seguito alla tua richiesta. Se sei già cliente di ING DIRECT ti preghiamo di riprovare più tardi.”Tu da quando non riesci ad accedere al tuo conto su Ing Direct?A te cosa ha detto il call center del Conto Arancio?Hai provato a vedere se con la app per i cellulari si riesce ad accedere?Anche gli altri lettori del blog hanno lo stesso problema?

  74. @kattivik @Aldous @Elisa E.calma e sangue freddo amici, Conto Arancio non sta fallendo e nemmeno la sua controllante ING. Almeno per il momento (20/11/2012).E’ un problema meramente tecnico che si ripropone tipicamente dalla tarda notte sino a mattina presto dei giorni feriali e nei week end. Probabilmente è dovuto ai backup e alla manutenzione periodica che ing direct italia effettua sui suoi server negli orari e nei giorni di chiusura delle banche.Certo che nei confronti dei clienti potrebbero utilizzare una comunicazione più rassicurante e meno criptica…alla prossima notizia su Ing Direct ;) ciao

  75. Alla ricerca delle istruzioni per ottenere una carta prepagata Ing Direct, come correntista, sono incappato nella pagina help, dove il software molto gentilmente mi informa che “Potrai richiedere la carta prepagata contestualmente all’apertura di Conto Corrente Arancio o successivamente”, ma si scorda di dirmi come.Ho provato ad utilizzare il N verde 800.71.72.73 per rivolgere direttamente agli uffici i miei quesiti. Purtroppo, come temevo, è stata un’esperienza devastante !Dopo 15 minuti di comunicazioni da fantascienza con il computer che gioca a battaglia navale (se vuoi questo ….. premi il tasto ….) ho rinunciato.Nessuna delle opzioni (concitatamente ) proposte erano coerenti col mio quesito. E’ mai possibile che non esista la possibilità di parlare con un essere umano o di indicare con chiarezza il recapito mail ? Perché evitare accuratamente la tranciabilità ? Ero in procinto di versare tutti i miei risparmi nel conto arancio, ma considerata la perversione del sistema di comunicazione (non scevra di pericoli, consentite), analizzo con molta serietà la possibilità di rinunciare di diventare cliente/utente della Ing Direct. Non riesco a convivere con i sistemi di protezione stile “muro di gomma”.

  76. @Jampa ha scritto mercoledì, 28 novembre 2012ciao Jampa, hai perfettamente ragione anche io li ho salutati.Prova Fineco come conto corrente e Rendimax come conto deposito. Sono i migliori nei rispettivi campi: costi più bassi, migliori servizi e tassi di interesse imbattibili.Oltretutto il mese di dicembre Fineco è in promozione con il codice amico, qui trovi maggiori informazioni: http://goo.gl/es5twtienici aggiornati, ciao

  77. Ing ha lanciato il concorso Voce Arancio a cui è impossibile partecipare.All’atto della registrazione non accetta il codice fiscale. Fatto presente al call center. Mi ha chiamato uno dicendo di cliccare dimenticata password. Fatto e viene fuori un link, in cui c’è scritto che è pericoloro accedere. Ma che razza di concorso è?

  78. @gloria ha scritto mercoledì, 05 dicembre 2012strano messaggio di sistema… sul mio computer non risulta questo problema.Controlla se la data e l’ora dell’orologio di sistema del tuo PC/MAC/Android sono corretti. Delle volte succede quando la data è vecchia di anni…ciaoS.ps: lo spirito della nostra comunità è quello di darsi una mano a vicenda, aiuta anche tu un lettore o segnala ad altri l’iniziativa tramite i tuoi blog, siti internet, social network (facebook, twitter, G+, …) o con il semplice passaparola. Più siamo e più possiamo aiutarci a vicenda, grazie :)

  79. Penso che essendo una delle banche più grandi al mondo Ing Direct, sia anche menefreghista verso i piccoli clienti e io, come uno stupido, ho abboccato al loro amo.Da circa 23 giorni mi hanno bloccato totalmente, dico totalmente, il conto. Questo vuol dire che non posso fare neanche un’operazione sia in ingresso che in uscita.Da 6 anni che ho aperto il conto con loro, prima conto arancio e poi c. c. arancio, con accreditato sia lo stipendio che la pensione e la cosa che mi fa più rabbia, oltre al grande disagio che mi stanno creando, (vi faccio notare che sono anche una persona disabile), è che ogni volta che chiamo per chiedere spiegazioni e informazioni o quando mi sbloccheranno il conto, loro aggirano sempre l’argomento, mi passano i responsabili senza che quest’ultimi mi diano delle risposte precise. Si nascondono dietro alla privacy e sanno solo dire che avrò una comunicazione scritta. Aspetto fino a fine mese e poi se ancora non mi hanno sbloccato il tutto, cambio banca e sconsiglio categoricamente l’apertura di qualsiasi conto ING DIRECT.

Lascia un Commento