Risolta la crisi finanziaria con gli ultimi provvedimenti dei governi mondiali?

Ben Bernanke su crisi finanziaria

Crisi finanziaria mondiale risolta? Non sono dell’avviso, anzi nuove difficoltà ci attendono al varco nei prossimi 18 mesi. Ma secondo uno dei generali dell’esercito delle tre scimmie, la crisi finanziaria sarà risolta definitivamente con l’applicazione dei nuovi provvedimenti.

[Fonte: Reuters] Per il presidente di Federal Reserve Ben Bernanke il pacchetto di salvataggio del sistema finanziario Usa che verrà illustrato oggi riporterà i mercati alla normalità gettando le basi per la ripresa economica.

In un editoriale pubblicato sul ‘Wall Street Journal’ il banchiere centrale non fornisce alcun dettaglio sul pacchetto messo a punto dall’amministrazione Usa dopo la lunga serie di fallimenti bancari.

“Si tratta di misure che ci permetteranno di tornare a un funzionamento più normale del mercato e incoraggeranno il capitale privato a sostenere ulteriormente la ripresa dei mercati finanziari” si legge in un intervento del numero uno Fed sul sito web del quotidiano.

Fonti vicine ai lavori di Washington riferiscono che il piano Usa prevede l’iniezione di 250 miliardi di dollari da destinare agli istituti di credito in modo da tranquillizzare i mercati.

Circa la metà del totale andrebbe alle prime nove banche del paese. Il dipartimento al Tesoro dovrebbe annunciare oggi la sottoscrizione di partecipazioni nell’azionariato di Bank of America (BAC.N), Wells Fargo (WFC.N), Citigroup (C.N), JPMorgan Chase (JPM.N), Goldman Sachs (GS.N), Morgan Stanley (MS.N) e Bank of New York Mellon (BK.N), hanno spiegato a Reuters due fonti.

Secondo altre indiscrezioni stampa destinatarie di fondi pubblici saranno anche State Street (STT.N) e Merrill Lynch (MER.N).

Per quanto l’intervento pubblico sia stato tempestivo,
scrive il banchiere centrale, la maggior parte delle banche erano ancora solventi e in grado di erogare finanziamenti.

“La storia ci insegna che l’impegno dei governi nelle fasi di gravi difficoltà finanziarie arriva spesso con molto ritardo, di solito quando la maggioranza delle istituzioni finanziarie risultano insolventi o quasi. Fortunatamente non si tratta della situazione di oggi” spiega.

“Congresso e autorità sono intervenute in un momento in cui la maggioranza delle istituzioni finanziarie, per quanto in difficoltà di fronte all’elevata volatilità e le ardue condizioni del mercato, erano ancora in grado di far fronte al compito principale di concedere nuovo credito all’economia” continua il presidente.

Bah… non sono il presidente di alcuna banca centrale, ma per me questi provvedimenti non saranno sufficienti a fermare la più grande crisi dei nostri tempi.

Crisi finanziaria mondiale risolta? Non sono dell’avviso, anzi nuove difficoltà ci attendono al varco nei prossimi 18 mesi. Ma secondo uno dei generali dell’esercito delle tre scimmie, la crisi finanziaria sarà risolta definitivamente con l’applicazione dei nuovi provvedimenti. [Fonte: Reuters] Per il presidente di Federal Reserve Ben Bernanke il pacchetto di salvataggio del sistema finanziario Usa che verrà illustrato oggi riporterà i mercati alla normalità gettando le basi per la ripresa economica. In un editoriale pubblicato sul ‘Wall Street Journal’ il banchiere centrale non fornisce alcun dettaglio sul pacchetto messo a punto dall’amministrazione Usa dopo la lunga serie di fallimenti bancari. “Si tratta di misure che ci permetteranno di tornare a un funzionamento più normale del mercato e incoraggeranno il capitale privato a sostenere ulteriormente la ripresa dei mercati finanziari” si legge in un intervento del numero uno Fed sul sito web del quotidiano. Fonti vicine ai lavori di Washington riferiscono che il piano Usa prevede l’iniezione di 250 miliardi di dollari da destinare agli istituti di credito in modo da tranquillizzare i mercati. Circa la metà del totale andrebbe alle prime nove banche del paese. Il dipartimento al Tesoro dovrebbe annunciare oggi la sottoscrizione di partecipazioni nell’azionariato di Bank of America (BAC.N), Wells Fargo (WFC.N), Citigroup (C.N), JPMorgan Chase (JPM.N), Goldman Sachs (GS.N), Morgan Stanley (MS.N) e Bank of New York Mellon (BK.N), hanno spiegato a Reuters due fonti. Secondo altre indiscrezioni stampa destinatarie di fondi pubblici saranno anche State Street (STT.N) e Merrill Lynch (MER.N). Per quanto l’intervento pubblico sia stato tempestivo, scrive il banchiere centrale, la maggior parte delle banche erano ancora solventi e in grado di erogare finanziamenti. “La storia ci insegna che l’impegno dei governi nelle fasi di gravi difficoltà finanziarie arriva spesso con molto ritardo, di solito quando la maggioranza delle istituzioni finanziarie risultano insolventi o quasi. Fortunatamente non si tratta della situazione di oggi” spiega. “Congresso e autorità sono intervenute in un momento in cui la maggioranza delle istituzioni finanziarie, per quanto in difficoltà di fronte all’elevata volatilità e le ardue condizioni del mercato, erano ancora in grado di far fronte al compito principale di concedere nuovo credito all’economia” continua il presidente. Bah… non sono il presidente di alcuna banca centrale, ma per me questi provvedimenti non saranno sufficienti a fermare la più grande crisi dei nostri tempi.

3 pensieri su “Risolta la crisi finanziaria con gli ultimi provvedimenti dei governi mondiali?

  1. dal corriere della sera online:Crisi: Consob, “Nazionalizzazione banche irrealistica”24 feb 18:10 EconomiaNazionalizzare le banche non e’ un’ipotesi al momento realistica. Questa la posizione espressa dal presidente della Consob Lamberto Cardia, alla fine della riunione delle Consob europee, che si e’ svolta a Parigi. “Lo strumento piu’ idoneo al sostegno delle banche – ha spiegato invece Cardia – e’ una tempestiva messa a disposizione dei cosiddetti Tremonti bonds”

  2. Ci risiamo i venti della crisi finanziaria hanno ripreso a mugulare impetuosi. Tutto d’acapo, le borse mondiali crollano. Il sistema finanziario inizia a scricchiolare e le banche più esposte una ad una falliscono o vengono salvate dal paese di appartenenza. In questi momenti così bui e difficili per l’economia mondiale segnaliamo l’articolo su “Crisi finanziaria” in cui Ben Bernanke, presidente della FED statunitense, annunciava che con l’adozione dei nuovi provvedimenti anticrisi da parte del governo americano, le tensioni finanziarie sarebbero state normalizzate e la crisi arrestata. Ebbene i provvedimenti richiesti sono stati messi in atto ma nulla di quanto auspicato da Bernanke si è avverato. Leggi con attenzione l’articolo ne vale la pena…

  3. Ci risiamo i venti della crisi finanziaria hanno ripreso a mugulare impetuosi. Tutto d’acapo, le borse mondiali crollano. Il sistema finanziario inizia a scricchiolare e le banche più esposte una ad una falliscono o vengono salvate dal paese di appartenenza. In questi momenti così bui e difficili per l’economia mondiale segnaliamo l’articolo su “Crisi finanziaria” in cui Ben Bernanke, presidente della FED statunitense, annunciava che con l’adozione dei nuovi provvedimenti anticrisi da parte del governo americano, le tensioni finanziarie sarebbero state normalizzate e la crisi arrestata. Ebbene i provvedimenti richiesti sono stati messi in atto ma nulla di quanto auspicato da Bernanke si è avverato. Leggi con attenzione l’articolo ne vale la pena…

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>